Gabriel germain boffrand

Gabriel Germain Boffrand (1667-1754) è stato un architetto e decoratore di interni francese la cui padronanza del nuovo stile Luigi XV o rococò ha ampiamente influenzato l'architettura del XVIII secolo in Francia e all'estero.

Gabriel Germain Boffrand codificò e diffuse il flessuoso stile rococò che prese in prestito, in scala miniaturizzata, più dal barocco italiano di Francesco Borromini e Guarino Guarini che dal rigoroso classicismo accademico prediletto in Francia sin dal Rinascimento. Il libro di Boffrand Libro di architettura (1745) indica che era consapevole del suo ruolo di mediatore della via aurea tra ragione e fantasia.

Attraverso la perdita della documentazione e la demolizione della maggior parte dei palazzi e delle case cittadine che Boffrand costruì a Parigi e nella provincia della Lorena, sussiste relativamente poca prova del suo talento. Si dice che abbia iniziato la sua formazione artistica sotto lo scultore François Girardon, ma ci sono prove che Boffrand ha lavorato per il primo architetto del re, Jules Hardouin Mansart, dal 1686 al 1691 e durante il 1693-1694. Dal 1694 al 1709 Boffrand lavorò in proprio a Parigi, in Lorena e nei Paesi Bassi, costruendo e ristrutturando case private e piccoli palazzi. Nel 1709 divenne, sotto il patrocinio del nuovo primo architetto, Robert de Cotte, membro della Royal Academy e architetto della soprintendenza degli edifici. Il rimodellamento di Boffrand del Petit-Luxembourg è la principale fonte superstite di numerosi esempi dei suoi progetti di interni e fornisce indizi per altre attribuzioni a lui.

Tra il 1711 e il 1715 Boffrand lavorò in Lorena come primo architetto del duca Leopoldo, costruendo palazzi a Nancy e Lunéville e il castello La Malgrange, tutti distrutti. Due case parigine dimostrano lo stile di Boffrand durante il periodo della Reggenza: l'Hôtel de Villars (1713 e 1717) e l'Hôtel de Parabère (1718-1720). Nel 1723 Balthasar Neumann, architetto del principe vescovo di Würzburg, portò a Parigi i suoi progetti per la nuova Residenza per la redazione di De Cotte e Boffrand; quest'ultimo ha visitato il sito di Würzburg l'anno successivo. Nel 1736 Boffrand intraprese il design degli interni dell'Hôtel Soubise di Parigi, la sua ultima e più notevole opera. Il salone ovale è la creazione eccezionale dello stile rococò.

Boffrand era un maestro nell'integrazione di solidi spaziali convessi e concavi e piani rettilinei e curvilinei. Il suo merito di segnale come architetto era di aver concretizzato l'evoluzione dello stile a volte eccessivamente educato e talvolta caotico chiamato rococò.

Ulteriori letture

Kimball da pesca, La creazione del rococò (1943), intreccia Boffrand nel tessuto dell'evoluzione cinquantennale dello stile rococò, ma sottovaluta la sua importanza come collaboratore originale. Un prezioso studio di base è Germain Bazin, Barocco e rococò (trad. 1964). □