Frosty il pupazzo di neve

Durante il periodo natalizio del 1950, fu introdotta una nuova canzone natalizia che raccontava la storia di un pupazzo di neve inanimato che prese vita per diffondere allegria. Scritto da Steve Nelson e Jack Rollins, "Frosty the Snowman" è diventato una registrazione di successo internazionale e una parte permanente delle celebrazioni natalizie di molte persone. L'adorabile pupazzo di neve, che possedeva "un naso a bottone e due occhi fatti di carbone", divenne riconoscibile quanto altri simboli natalizi non religiosi come Babbo Natale e Rudolph la renna dal naso rosso (vedere la voce sotto 1940s — Print Culture nel volume 3).

Nella canzone Nelson e Rollins, il pupazzo di neve prende vita quando un gruppo di bambini gli mette sulla testa un cappello di seta magico. Il pupazzo di neve e i bambini appena energizzati si godono una giornata invernale dedicata allo slittino e al pattinaggio sul ghiaccio. La loro avventura termina quando un caldo incantesimo costringe Frosty a partire per un clima più freddo, ma lui promette di tornare quando il tempo sarà di nuovo più fresco. Sebbene Frosty sia strettamente associato al Natale, la festa non viene mai menzionata nella canzone. Tuttavia, la canzone è stata inclusa in dozzine di album natalizi da un'ampia varietà di artisti musicali nel corso degli anni.

La popolarità della canzone del 1950 portò alla pubblicazione di a Libro d'oro (vedi voce sotto 1940s — Print Culture nel volume 3) con il personaggio un anno dopo. Il libro per bambini, scritto da Annie North Bedford (1915–) e illustrato da Corinne Malvern (1905–1956), fu un grande successo e accrebbe ulteriormente la popolarità di Frosty.

Negli anni '1960, Frosty balzò dalla pagina stampata e atterrò televisione (vedi voce sotto gli anni '1940 - TV e radio nel volume 3). Il primo, e più popolare, speciale televisivo per le vacanze basato su Frosty era semplicemente intitolato Frosty the Snowman (1969). È stato narrato dal comico Jimmy Durante (1893-1980). La sceneggiatura televisiva si è espansa sulla premessa della canzone originale: Frosty si confronta con un mago lavato via che vuole il cilindro di seta che ha dato la vita a Frosty. Lo speciale insegna anche ai bambini un messaggio sul potere dell'amicizia e della gentilezza. Babbo Natale appare alla conclusione per portare Frosty nella sua nuova casa al Polo Nord. Il comico Jackie Vernon (1925-1987) ha fornito la voce di Frosty in questo e in altri programmi festivi.

Nel 1976, Frosty è tornato in TV in Il paese delle meraviglie invernale di Frosty. In questo speciale, gli amici del pupazzo di neve solitario, che sono bambini, lo rendono una moglie di nome Crystal. La voce di Crystal è stata fornita dall'attrice Shelley Winters (1922–). Andy Griffith (1926–; vedi l'iscrizione a The Andy Griffith Show sotto gli anni Sessanta - TV e Radio nel volume 1960) fungeva da narratore della storia. Le festività natalizie del 4 hanno visto la prima proiezione di Rudolph eIl Natale di Frosty a luglio. Questo speciale televisivo ha unito il pupazzo di neve con Rudolph la renna dal naso rosso in un'avventura in cui hanno affrontato il malvagio mago Winterbolt. In questo Gelido episodio, viene rivelato che Frosty e Crystal ora sono i genitori di una famiglia delle nevi. Tra le voci di celebrità in questo programma sono incluse Red Buttons (1919–), Ethel Merman (1908–1984) e Mickey Rooney (1920–). Nel 1998, Michael Keaton (1951–) ha recitato in Jack Frost, un film live-action basato in parte sul Gelido racconto. Il film racconta di un padre negligente che muore e torna in vita come un pupazzo di neve nel cortile di suo figlio.

—Charles Coletta

Per maggiori informazioni

Bedford, Annie North e Corinne Malverne. Frosty il pupazzo di neve. New York: Simon & Schuster, 1951.