Fondazione Carnegie per il progresso dell’insegnamento

La Carnegie Foundation for the Advancement of Teaching (CFAT), una fondazione privata, è stata fondata nel 1905 da Andrew Carnegie con una dotazione di 15 milioni di dollari. Una delle più antiche fondazioni americane, CFAT, attraverso i suoi programmi di pensionamento e rapporti di ricerca pubblicati, è stata tra le più importanti organizzazioni che hanno plasmato l'istruzione nel XX secolo, contribuendo a creare un sistema nazionale di istruzione secondaria, universitaria, laureata e professionale.

Nel 1906 il Congresso istituì la fondazione "per fare e compiere tutte le cose necessarie per incoraggiare, sostenere e dignificare la professione dell'insegnante e la causa dell'istruzione superiore". Uno degli scopi di Carnegie per la fondazione era quello di contrastare il radicalismo economico percepito dei professori fornendo loro pensioni sicure. Il fondo pensione ha sostanzialmente riorientato l'istruzione superiore americana. Solo le scuole affiliate non religiosamente erano ammissibili, quindi molte scuole si separarono dal controllo confessionale. Il fondo pensione si trasformò infine nella Teachers Insurance Annuity Association (TIAA), che, insieme al College Retirement Equities Fund (CREF), divenne il più grande sistema pensionistico degli Stati Uniti. Un'altra qualifica era un requisito di ammissione di quattro anni di scuola superiore, che ha portato alla standardizzazione dei curricula sulla base della Carnegie Unit (1908), che misurava il tempo in cui gli studenti studiavano una materia.

Il rapporto più influente della Carnegie è stato quello di Abraham Flexner Formazione medica negli Stati Uniti e in Canada (1910). Nella sua indagine sistematica su tutti gli istituti di formazione medica nel paese, Flexner ha criticato severamente i programmi scadenti, sollecitando che le scuole di medicina si basassero sulla ricerca di base e fossero affiliate alle università. In seguito è entrato a far parte del General Education Board finanziato da Rockefeller, dove ha diretto l'attività di sovvenzione verso la sua implementazione. Il rapporto di Flexner è diventato un modello di studi CFAT simili diretti verso la riforma dell'istruzione, come in diritto, teologia e ingegneria, atletica universitaria, formazione degli insegnanti e amministrazione dell'istruzione.

Dagli anni '1920 agli anni '1940 la CFAT ha sponsorizzato la ricerca che incoraggiava un sistema nazionale. Il Pennsylvania Study ha rivelato la debolezza del sistema dei crediti dei corsi come misura del progresso accademico. CFAT ha sostenuto lo sviluppo del College Board e del Educational Testing Service, che ha creato e amministrato test di ammissione standardizzati per college e laureati. Negli anni '1960 e '1970 la CFAT ha finanziato numerose pubblicazioni della sua Commissione sull'istruzione superiore, ricerca che ha portato a un drastico aumento del sostegno federale per l'istruzione superiore e degli aiuti finanziari federali per gli studenti.

Nel 1973 la Carnegie Foundation ha pubblicato la sua Classification of Institutions of Higher Education, successivamente aggiornata, una classifica spesso citata delle università basata sui titoli di studio conseguiti e sui finanziamenti alla ricerca. Ernest Boyer (1928–1995) ha guidato CFAT dal 1979 fino alla sua morte, pubblicando numerosi rapporti, tra cui liceo (1983) College (1987), e La scuola di base (1995), e incoraggiando i dibattiti nazionali sull'istruzione generale, sui curricula di base e sulla "borsa di studio dell'insegnamento".

Bibliografia

Il Boyer Center. Home page all'indirizzo http://www.boyercenter.org.

Lagemann, Ellen Condliffe. Potere privato per il bene pubblico: una storia della Carnegie Foundation for the Advancement of Teaching. Middletown, Connecticut: Wesleyan University Press, 1983.

Wall, Joseph Frazier. Andrew Carnegie. 2d. ed. Pittsburgh, Pa .: University of Pittsburgh Press, 1989.

Wheatley, Stephen C. La politica della filantropia: Abraham Flexner e l'educazione medica. Madison: University of Wisconsin Press, 1988.

Fred W.Beuttler