Filibustering

Filibustering. Per gli americani degli anni 1840 e '50, il termine filibusters si riferiva a eserciti irregolari di "avventurieri" statunitensi e agli individui che li componevano. Tali band spesso affermavano di agire per conto degli interessi degli Stati Uniti. Ma nella maggior parte dei casi, i filibustieri hanno agito senza l'autorizzazione del governo degli Stati Uniti e hanno cercato conflitti con nazioni con le quali gli Stati Uniti erano in pace. Mentre alcuni eserciti ostruzionisti hanno preso di mira il Canada, la maggior parte ha marciato o navigato verso l'America Latina.

"Filibusters" deriva dalla parola olandese Vrijbuiter, a sua volta derivata dal termine inglese "freebooter". Durante il XVII e il XVIII secolo, i filibustieri si riferivano ai bucanieri inglesi, pirati marittimi che solcavano i Caraibi a caccia di cave spagnole. Il termine non è stato associato ad eserciti privati ​​clandestini fino alla fine degli anni 1840, ma gli storici l'hanno applicato retroattivamente a figure precedenti della storia degli Stati Uniti come Aaron Burr e James Wilkinson. Come le loro controparti successive, questi primi filibustieri lavorarono indipendentemente e, in alcuni casi, anche cospirarono per strappare il territorio al governo federale. In altri casi, i primi filibustieri agirono con la tacita approvazione - in alcuni casi, con il silenzioso sostegno - del governo federale.

Il periodo di massimo splendore dell'ostruzionismo, tuttavia, ebbe luogo durante gli anni '1840 e '50 del XIX secolo, l'era del "destino manifesto", un periodo durante il quale i politici statunitensi parlavano senza scusarsi della costruzione di un "impero americano" e in cui i confini della nazione sembravano sempre fluidi , in continua espansione. Durante quell'epoca, i redattori dei giornali a penny della nazione hanno animato le loro pagine con innumerevoli storie su filibustieri colorati come Narciso López, William Walker, Henry A. Crabb e Joseph Morehead. Per contrastare gli eserciti ostruzionisti, il governo federale di quell'epoca impiegò, in vari momenti, proclami presidenziali, spie, accuse federali del Neutrality Act e la US Navy. Tra i filibustieri, López e Walker hanno raggiunto la massima notorietà.

Figlio di un ricco proprietario di piantagioni, Narciso López nacque in Venezuela nel 1797. Dopo aver combattuto lì nell'esercito spagnolo durante la sua campagna fallita per sconfiggere il ribelle José Martí, López fuggì a Cuba. Durante gli anni '1830 dell'Ottocento raggiunse posizioni elevate in cariche civili e politiche sia in Spagna che a Cuba. Verso la fine degli anni 1840, deluso dalla Spagna sulla scia di capovolgimenti personali, politici e commerciali, López cospirò per rovesciare il governo coloniale di Cuba.

Sulla scia del crollo dell'insurrezione, López fuggì nel luglio 1848 negli Stati Uniti, dove complottò per invadere Cuba. Tra il 1848 e il 1851 López sollevò quattro successivi eserciti di spedizione. Il governo federale ne ha sciolti due prima che potessero lasciare gli Stati Uniti. Gli altri due raggiunsero Cuba e combatterono contro la guarnigione spagnola. Lo sbarco finale, con circa quattrocento filibustieri, raggiunse Cuba il 12 agosto 1851. Tutti i presunti conquistatori furono uccisi in scaramucce con soldati spagnoli, giustiziati o catturati e mandati in prigione. López è stato giustiziato il 1 ° settembre a L'Avana.

Nato a Nashville, nel Tennessee, nel 1824, William Walker diresse le sue spedizioni ostruzioniste verso l'America Latina. Nel 1853, dopo che le autorità messicane rifiutarono i suoi piani per stabilire una colonia americana in quella nazione, guidò una spedizione di quarantacinque filibustieri. Salpando da San Francisco, presero la città costiera di La Paz, all'estremità meridionale della Bassa California, che Walker dichiarò presto repubblica indipendente, con se stesso come presidente.

Il 18 gennaio 1854 Walker dichiarò l'annessione del vicino stato messicano di Sonora, una dichiarazione sfacciata alla luce del fatto che non vi aveva ancora messo piede. Il suo impero messicano, tuttavia, evaporò con la stessa rapidità con cui era stato dichiarato. I funzionari statunitensi hanno agito rapidamente per bloccare la spedizione di rifornimenti a Walker e ai suoi lealisti, e presto hanno dovuto affrontare la fame. Inoltre, i funzionari messicani hanno costretto i filibustieri verso nord, dove si sono arresi alle autorità federali al confine con gli Stati Uniti. Il governo federale ha successivamente processato Walker per violazioni del Neutrality Act, ma una giuria di San Francisco lo ha assolto da tutte le accuse.

Nel 1855, sempre deciso a presiedere il proprio impero, Walker accettò un incarico da una fazione in una guerra civile che infuriava allora in Nicaragua. Salpando da San Francisco, lui e cinquantasette filibustieri sbarcarono sulla costa settentrionale di quella nazione a maggio e presto si unirono ai combattimenti. Durante il conflitto la Accessory Transit Company di Cornelius Vanderbilt, che gestiva una linea ferroviaria attraverso il paese, accettò di trasportare gratuitamente i rinforzi americani al teatro di battaglia. Quando la sua fazione trionfò, Walker divenne comandante in capo dell'esercito e nel maggio 1856 il suo nuovo governo ottenne il riconoscimento diplomatico statunitense. A tempo debito Walker prestò giuramento come presidente della nazione. Ben presto entrò in conflitto con Vanderbilt, tuttavia, e il governo degli Stati Uniti pose fine ai rapporti con il governo di Walker e si unì all'opposizione guidata da Vanderbilt. Nel maggio 1857 Walker si arrese alla Marina degli Stati Uniti. Tre anni dopo, Walker guidò altre due spedizioni, una in Nicaragua e un'altra in Honduras. Il primo è stato rapidamente concluso dalla Marina degli Stati Uniti, il secondo dalla Marina britannica. Walker fu giustiziato in Honduras nel settembre 1860.

Gli americani giovani, bianchi, single, nativi, così come gli immigrati europei e latinoamericani, tendevano a dominare gli eserciti ostruzionisti. Le motivazioni delle reclute andavano dall'idealismo repubblicano alla ricerca dell'avventura alla pura avidità, alla ricerca della terra e di altri guadagni materiali. Sebbene gli storici precedenti identificassero l'ostruzionismo - nella sua incarnazione anti-latinoamericana della metà del diciannovesimo secolo - con gli interessi dei piantatori del Sud, del Partito Democratico, recenti studi suggeriscono che la leadership e il finanziamento del fenomeno hanno toccato una base nazionale più ampia, che ha attraversato , economiche e di partito.

Nel 1861, e all'inizio della guerra civile americana, il fenomeno era in gran parte terminato. Alla fine del diciannovesimo secolo, il termine ostruzionismo, con la sua connotazione di impresa illegale, era stato trasformato in un termine dispregiativo per un dibattito parlamentare prolungato inteso a ostacolare il passaggio della legislazione.

Bibliografia

Marrone, Charles H. Agenti del destino manifesto: le vite e i tempi dei filibustieri. Chapel Hill: University of North Carolina Press, 1980.

Chaffin, Tom. Gloria fatale: Narciso López e la prima guerra clandestina degli Stati Uniti contro Cuba. Charlottesville: University Press of Virginia, 1996.

Maggio, Robert E. Il sogno del sud di un impero caraibico, 1854-1861. Baton Rouge: Louisiana State University Press, 1973.

Owsley, Frank Lawrence, Jr. e Gene A Smith. Filibustieri ed espansionisti: Jeffersonian Manifest Destiny, 1800–21. Tuscaloosa: University of Alabama Press, 1997.

TommasoChaffin