Ferrovia magistrale Baikal-Amur

Attraversando la Siberia orientale e l'Estremo Oriente russo, la Ferrovia Magistrale Baikal-Amur (BAM) corre a nord e parallela alla Ferrovia Transiberiana. La "Zona BAM", il termine usato per descrivere il territorio attraversato dalla ferrovia, comprende regioni all'interno degli spartiacque del Lago Baikal e del fiume Amur, l'ultimo dei quali costituisce una parte importante del confine russo con la Cina. Un'area attraversata da una serie di fiumi formidabili, la zona BAM ha presentato sfide sismiche, climatiche ed epidemiologiche ai costruttori dagli anni '1930 fino all'inizio degli anni '1990.

Il governo sovietico ha concepito BAM come un secondo collegamento ferroviario (la ferrovia transiberiana è la prima) verso l'Oceano Pacifico che avrebbe migliorato i trasporti e le comunicazioni tra i settori europeo e asiatico dell'URSS. Il progetto BAM iniziale è stato costruito da Komsomolsk sul fiume Amur a Sovetskaya (ora noto come Imperatorskaya) Gavan sulla costa del Pacifico da un campo di lavoro e da prigionieri di guerra dal 1932 al 1941 e di nuovo dal 1945 al 1953, quando fu abbandonato nel marzo di quell'anno dopo la morte di Stalin.

Nel marzo 1974, il segretario generale sovietico Leonid Brezhnev proclamò che la costruzione di un nuovo e molto più lungo progetto BAM sarebbe spettata alla Lega dei Giovani Comunisti, nota come Komsomol. Nella mente di Breznev, l'esperienza di ciò che lo stato ha annunciato come il "Sentiero verso il futuro" avrebbe instillato un senso di inclusione tra le giovani generazioni dell'Unione Sovietica. Inoltre, l'URSS ha intrapreso il nuovo BAM per rafforzare il commercio sovietico con le dinamiche economie dell'Asia orientale e per garantire una rotta alternativa tra i settori europeo e asiatico della nazione nel caso in cui la ferrovia transiberiana fosse sequestrata dalla Cina. Al suo apice, BAM ha coinvolto più di 500,000 membri di Komsomol che hanno gravemente danneggiato l'ecologia della zona BAM, spendendo dai 15 ai 20 miliardi di dollari in uno sforzo altamente dispendioso e inefficiente che ha rafforzato le inadeguatezze del socialismo di stato in stile sovietico tra i giovani costruttori di BAM.

Nell'ottobre 1984, una punta d'oro fu piantata in posizione in una cerimonia che segnava il completamento ufficiale del "Progetto del secolo". In realtà, tuttavia, solo un terzo dei binari di 2,305 miglia di BAM era pienamente operativo all'inizio degli anni '1990, sebbene la ferrovia sia stata dichiarata completa nel 1991. BAM rimane una delle ferrovie meno redditizie della Federazione Russa.