Famiglia Huygens

Famiglia Huygens. Influente nella politica e nella cultura olandese, la famiglia Huygens servì la Casa d'Orange, e quindi le sue fortune politiche aumentarono e diminuirono insieme a quelle dei suoi protettori. Christiaan the Elder (1551–1624) servì Guglielmo d'Orange (Guglielmo il Silente; 1533–1584) fino all'assassinio di quest'ultimo, a quel punto divenne segretario del Consiglio di Stato che sovrintendeva alle neo-formate Province Unite dei Paesi Bassi. Il suo primogenito, Maurits (1595–1642), fu segretario del successore di William, Maurits (1567–1625), e poi del consiglio; il suo secondo figlio, Constantijn (1596–1687), fu segretario del fratello minore di Maurits Frederik Hendrik (1584–1647), poi del figlio di quest'ultimo Guglielmo II (1626–1650) e infine del consiglio. Durante gli anni 1640, quando i principi di Orange consolidarono il potere nelle Province Unite, Constantijn godette di un'immensa autorità e accumulò le terre e il denaro che accompagnano tale rapporto. Al contrario, durante la minoranza di Guglielmo III (1650-1702), con il governo controllato dai repubblicani e dagli orangisti in disordine, Constantijn si concentrò sull'istruzione del giovane principe e si assicurò che suo figlio maggiore, Constantijn, Jr. (1627-1697 ), alla fine divenne la segretaria di William. Quando un William cresciuto riguadagnò il potere durante la guerra con la Francia (1672) e si trasferì in Inghilterra per condividere il trono (1689), Constantijn Jr., seguì. Poiché Guglielmo III non aveva fratelli, i figli minori di Costantijn non avevano patroni paralleli da servire, anche se il padre li aveva addestrati per il servizio civile. Infatti, il più giovane, Philips (1633-1657), morì durante una missione diplomatica. Il terzo figlio, Lodewijk (1631–1699), rimase in politica, servendo in posizioni minori e mettendo in imbarazzo la famiglia in uno scandalo di corruzione. Il secondo figlio di Constantijn, Christiaan (1629-1695), stabilì presto contatti con le comunità scientifiche su entrambe le sponde della Manica mentre viaggiava come impiegato diplomatico, venendo addirittura eletto primo membro straniero della Royal Society di Londra durante uno di questi viaggi in 1663. Nel 1666 Christiaan abbandonò la professione di famiglia per seguire il suo talento naturale di scienziato, andando a Parigi per guidare la neonata Académie Royale des Sciences di Luigi XIV (governata dal 1643 al 1715).

Constantijn Huygens, poeta, musicista e mecenate, ha vissuto una vita piena al di fuori della politica. Insegnante a casa in lingue, musica, matematica e logica, trascorse dal 1616 al 1617 studiando legge a Leida prima di partire come impiegato nelle missioni diplomatiche che avrebbero favorito la sua carriera. Visite ripetute in Inghilterra (nel 1622 fu persino nominato cavaliere) ampliarono la sua prima formazione esponendolo alla scienza sperimentale di Francis Bacon (1561–1626) e Cornelius Drebbel (1572–1633). Innamorato della poesia di John Donne (1572–1631), tradusse diciannove poesie in olandese ancor prima che fossero pubblicate in inglese. Oggi Costantijn è ricordato principalmente come uno dei principali poeti dell'età dell'oro olandese, che ha contribuito alla crescita della lingua olandese attraverso i suoi versi, come quelli inclusi nella raccolta che chiamava i suoi "fiordalisi" (Fiordalisi, 1658). Le sue opere spaziano dalle poesie di compleanno a una commedia comica (Trijntje Cornelis, 1653) a epiche autobiografie (Daghwerck [1638; Una giornata di lavoro], e Dalla sua lingua tra i bambini Libro [1678]). Era un membro del Muiden Circle che si riunì attorno al grande poeta e storico olandese Pieter Corneliszoon Hooft (1581–1647), discutendo di letteratura e stile di ambientazione. Un noto compositore (solo il suo Pathodia Sacra et Profana sopravvivere) e musicista, Constantijn ha sostenuto per la reintroduzione dell'organo nella Chiesa riformata. Fece amicizia con René Descartes (1596–1650) quando il filosofo si stabilì in Olanda durante gli anni 1640, e i due sembrano aver formato una società di reciproca ammirazione. In qualità di arbitro del patrocinio di corte, ha incoraggiato le carriere artistiche di Rembrandt van Rijn (1606-1669) e Jan Lievens (1607-1674). Per tutta la vita ha mantenuto l'interesse di un dilettante per la scienza, in particolare per il lavoro di suo figlio.

Christiaan Huygens, matematico, fisico, astronomo e inventore, è stato uno dei principali scienziati del diciassettesimo secolo, in particolare come fondatore del campo della matematica applicata. Educato a casa, ha dimostrato presto la sua abilità analitica estendendo i risultati nella matematica classica, in particolare il lavoro di Archimede, incluso lo sviluppo di un metodo migliorato per determinare il pi greco. All'Università di Leida, studiò con Frans van Schooten (c. 1615-1660) e contribuì alla Geometria, una codificazione della matematica di Descartes. Ha accettato i principi di base della fisica cartesiana per tutta la vita, ma era spesso in contrasto con i particolari. Pertanto, ha sempre creduto che la teoria meccanica dovesse essere radicata nelle spiegazioni che coinvolgono la materia in movimento relativo, ma il suo primo importante studio sui corpi in movimento ha smentito le regole fondamentali di Descartes per le collisioni. Allo stesso modo, si oppose alla spiegazione cartesiana della rifrazione e della velocità della luce. D'altra parte, continuò a cercare una spiegazione vorticosa della gravità, anche dopo che Isaac Newton (1642-1727) aveva minato la teoria di Descartes nel I principi. Non ha mai realizzato il suo sistema matematico unificato del mondo, anche se aveva scritto molti trattati che analizzavano matematicamente i problemi fisici. Così, quando ha inventato il primo orologio a pendolo accurato e ha sviluppato una versione migliorata che faceva seguire al bob un percorso cicloidale, la sua descrizione del successore è avvolta in un'elegante teoria delle curve chiamata evolutes che ha dimostrato perché era teoricamente precisa (Oscillatori di clock, 1673). Allo stesso modo, quando sviluppò la sua teoria ondulatoria della luce, la sua giustificazione era un'estensione matematica delle evolute al fenomeno della doppia rifrazione, inclusa la sua affermazione, ora chiamata Principio di Huygens, che un fronte d'onda è la curva (inviluppo) che è tangente a tutte le onde secondarie che emanano puntualmente lungo il fronte precedente (Trattato sulla luce [1690; Trattato sulla luce]). Ma, sebbene abbia scoperto la luna più grande di Saturno, Titano (1658), e ha spiegato che l'aspetto strano di Saturno potrebbe essere spiegato da un anello (Systema Saturnium [1659; Il sistema di Saturno]), non ha mai esteso matematicamente questo primo lavoro all'analisi dei sistemi planetari, anche se ha lavorato a lungo sul problema del moto circolare. Ha scritto un trattato sulle aspettative in probabilità, ha contribuito alle discussioni che hanno portato al calcolo, ha progettato telescopi e ha messo a terra le lenti con suo fratello maggiore e ha partecipato allo sviluppo della pompa dell'aria, dell'orologio a molla a spirale e del microscopio. Sfortunatamente, molte opere importanti apparvero solo postume, incluso un massiccio trattato sulla rifrazione della luce attraverso le lenti (Diottria, 1703), e una divulgazione della cosmologia scritta per suo fratello maggiore in cui speculava sulla possibilità di una vita extraterrestre. Senza pubblicazioni per affermare la sua priorità, la sua influenza dipendeva dalla sua rete di corrispondenza e gran parte di ciò che aveva realizzato veniva involontariamente rifatto da altri. Tuttavia, sia Newton che Gottfried Wilhelm Leibniz (1646-1716) lo consideravano il più importante precursore del proprio lavoro in fisica e matematica.