Famiglia Cranach

Famiglia Cranach. Lucas Cranach il Vecchio (1472-1553), pittore e incisore di corte sassone, consigliere comunale di Wittenberg (1519-1545) e sindaco (1537/38, 1540/41 e 1543/44), proprietario di una tipografia di Wittenberg, farmacista e le librerie, e un monopolio del vino, erano il membro più importante di questa dinastia di sei generazioni. Figlio di Hans Maler ("Hans il Pittore", 1448-1528), presumibilmente il suo primo insegnante, e nipote di Lucas Maler (1420-1488), Cranach fu impiegato per la prima volta nella fortezza ducale di Coburg nel 1500. All'inizio del 1502 aveva si stabilì a Vienna, dipingendo ritratti del giovane rettore dell'università, Johannes Cuspinian, e della sua sposa Anna (entrambi 1502, Winterthur Museum) e disegnando xilografie per l'editore di Cuspinian Johannes Winterburger. Nel 1505 divenne pittore di corte dell'elettore sassone Federico III (detto il Saggio, governato dal 1486 al 1525), lavorando nei suoi castelli a Wittenberg, Torgau e Lochau e disegnando xilografie per il catalogo illustrato della vasta collezione di sacre reliquie di Federico. Il 6 gennaio 1508 ricevette uno stemma personale raffigurante un drago alato. Cranach servì anche i successori di Federico, Johan il Costante (governato dal 1525 al 1532) e Johan Frederick il Magnanimo (dal 1532 al 1547), un mandato unico nella storia della pittura di corte europea. A Cranach successe suo figlio Lucas il Giovane (1515–1586).

La grande casa di Wittenberg, dove era stato ospite il re esiliato Cristiano II di Danimarca (1523) e dove Katharina von Bora visse prima del suo matrimonio con Martin Lutero, rimase la casa di famiglia mentre la dinastia continuò sotto il figlio di Lucas il Giovane Augustin (1554 –1595) e nipote Lucas III (1586–1645).

L'anziano Cranach, descritto dal riformatore Andreas Karlstadt come un eccellente latinista, fu inviato da Federico in una missione diplomatica segreta nei Paesi Bassi, dove vide dipinti di Quinten Metsys e Hieronymus Bosch che influenzarono alcuni dei suoi lavori successivi. Il suo matrimonio nel 1512 con Barbara Brengbier (morta nel 1540), la figlia di un consigliere comunale di Gotha, produsse tre figlie, Barbara, Anna e Ursula, oltre ai figli Hans (1513? -1537) e Lucas, a cui si era formato assisterlo nella bottega, dove a volte c'erano anche una dozzina di apprendisti. Quando il suo ultimo datore di lavoro, Johan Frederick, a capo della Lega di Schmalkaldic, fu sconfitto dall'esercito imperiale di Carlo V e imprigionato, Cranach si dimise temporaneamente dalla sua posizione di pittore di corte, ma lo riprese alla riunione di Augusta del Reichstag (1550) , poiché Carlo aveva portato con sé il suo pittore di corte, Tiziano (ad Augusta 1548–1551). Il ritratto di Tiziano di Cranach è andato perduto, ma il suo ritratto di Carlo sopravvive. Quando l'esercito imperiale fu sconfitto in battaglia dal nuovo elettore Moritz di Sassonia (1552), che liberò Johan Frederick, Cranach seguì Johan Frederick nella sua nuova residenza a Weimar, rimanendovi fino alla sua morte a ottantun anni.

Meglio conosciuto oggi per le molte versioni delle sue civettuole ninfe e Veneri nude, e per i vari dipinti del "potere delle donne" progettati per le suite nuziali dei successori di Federico, era l'amicizia personale del vecchio Cranach con Martin Lutero, professore di teologia biblica a Wittenberg University, che era la cosa più importante ai suoi tempi. Lutero era il padrino della figlia di Cranach, Anna (nata nel 1520), e gli scrisse subito dopo il Reichstag a Worms (1521), accennando alla sua prevista scomparsa. Cranach fu uno dei pochi che Lutero visitò nel suo travestimento da "Junker Jörg" durante il suo viaggio a sorpresa a Wittenberg dal suo rifugio a Wartburg (1522). Cranach e sua moglie furono testimoni del matrimonio di Lutero nel 1525, e Cranach era il padrino del primo figlio della coppia, Hans (1526). Cranach prestò anche la sua attrezzatura da stampa per le prime pubblicazioni di Lutero (1523–1525). La loro amicizia può spiegare l'atteggiamento relativamente moderato di Lutero verso le opere d'arte religiose. Tuttavia, Cranach svolse anche incarichi per i principali oppositori di Lutero, il cardinale Albrecht di Brandeburgo e il duca Giorgio il barbuto di Sassonia, e realizzò opere devozionali per Federico il Saggio, che non abbandonò mai la sua fede cattolica.

Le opere rappresentative di Lucas the Elder includono il Crocifissione (1503, Monaco di Baviera), a Riposo durante la fuga in Egitto (1504, Berlino), la prima xilografia in chiaroscuro datata (San Cristoforo, 1506), i ritratti del duca Enrico il Pio e di sua moglie Caterina (1514, entrambi a Dresda), la pala d'altare di Torgau (1509, Francoforte), La ninfa del pozzo (1518, Lipsia), Venere e Cupido come ladro di miele (un tema da Teocrito, 1521, Norimberga), la Pala dei Principi (1510, Dessau), La fontana della giovinezza (1546, Berlino) e numerosi ritratti di Lutero e di sua moglie in vari media.