Euclides rodrigues peperoncino

Euclides Rodrigues Pimenta da Cunha (1866-1909) è stato uno scrittore brasiliano il cui racconto dello scontro tra l'esercito brasiliano e seguaci fanatici di un mistico dei boschi è diventato un classico nazionale.

Euclides da Cunha nacque nella provincia di Rio de Janeiro il 20 gennaio 1866. Rimasto orfano all'età di 3 anni, fu cresciuto dalle zie, internato in vari convitti e si spostò molto. Era sempre lunatico, riservato, solo e imprevedibile. A 18 anni si iscrive all'Accademia militare, dove si specializza in ingegneria militare. Due anni dopo apparentemente soffrì di un esaurimento nervoso che lo portò a una corte marziale e al licenziamento per insubordinazione, ma fu reintegrato. L'incidente potrebbe già aver riflesso un'orrore per la guerra. Nel 1896 si dimise dall'esercito come primo tenente e successivamente si dedicò all'ingegneria civile mentre scriveva articoli di giornale occasionali.

Quando, nel 1897, l'esercito fu costretto a inviare una quinta spedizione nell'entroterra per schiacciare un piccolo culto messianico, Cunha accompagnò le truppe come corrispondente di guerra per un importante quotidiano brasiliano. Combattendo nel caldo torrido della regione colpita dalla siccità nel nord-est del Brasile, l'esercito ha proceduto a sterminare sistematicamente gli ultimi settari, in parte perché si rifiutavano di arrendersi. Cunha non solo ha scritto gli articoli commissionati, ma ha raccolto il materiale per il suo grande libro ampiamente concepito. Nei successivi 5 anni ha diretto lavori di ingegneria di giorno e ha scritto di notte. Il risultato è stato Le sere (1902), tradotto come Ribellione nelle Backlands.

A causa della sua vivida rappresentazione dell'agonia e dell'amarezza della guerra, della sua anticipazione della tecnica del romanzo documentario, delle sue intuizioni filosofiche e della sua acuta interpretazione del Brasile, il libro è stato un successo immediato. In esso Cunha ha sondato i problemi di sviluppo del Brasile e ha richiamato l'attenzione sulla miseria e l'ignoranza che ancora caratterizzano l'interno del Brasile. Anche se a malincuore era convinto dalle idee "scientifiche" allora correnti sulla superiorità razziale, il suo darwinismo sociale era temperato dall'ammirazione per i meticci, che erano stati trattati così brutalmente dai presunti rappresentanti più civilizzati delle città costiere. Per certi versi si trattava di un trattato antimilitare, certamente una denuncia della disumanità dell'uomo. Allo stesso tempo, il libro ritraeva uomini in carne e ossa coinvolti in un dramma che si spostava inevitabilmente verso una tragica conclusione.

Cunha successivamente scrisse diversi pezzi storici, biografici, geografici e antropologici meno importanti, molti dei quali si occupavano dell'Amazzonia. Una disputa per una donna portò al suo assassinio all'età di 43 anni il 15 agosto 1909.

Ulteriori letture

L'introduzione di Samuel Putnam a Cunha's Ribellione nelle Backlands (1902; trad. 1944), esamina brevemente la sua vita. Vedi anche Putnam's Viaggio meraviglioso: un'indagine su quattro secoli di scrittura brasiliana (1948), and Erico Verissimo, Letteratura brasiliana: uno schema (1945). Ci sono numerose opere in portoghese su Cunha. □