Essex insieme

Essex junto è un termine coniato dal presidente John Adams alla fine del diciottesimo secolo per un gruppo di federalisti che considerava suoi avversari. I jeffersoniani usarono quindi il termine per riferirsi agli oppositori federalisti che credevano sostenessero la secessione per il New England durante la guerra del 1812. Essex Junto è diventato un termine sinonimo di secessione e tradimento.

Un certo numero di uomini, nativi della contea di Essex, Massachusetts, sono stati nominati membri di questo gruppo: Fisher Ames, George Cabot, Francis Dana, Nathan Dane, Benjamin Goodhue, Stephen Higginson, Jonathan Jackson, John Lowell, Theophilus Parsons, Timothy Pickering, Israel Thorndike e Nathaniel Tracy. La maggior parte degli uomini era ben istruita e ricca. Avevano interessi sociali ed economici comuni e alcuni erano legati dal matrimonio. Hanno dominato la politica nella loro contea durante gli anni Settanta del Settecento, ma nel periodo tra la Rivoluzione Americana e l'inizio del XIX secolo la maggior parte si è trasferita a Boston.

Erano avversari di John Hancock durante il periodo rivoluzionario e si erano opposti alla Costituzione del Massachusetts, proposta nel 1778, ma dal 1779 al 1780 aiutarono a redigere un nuovo documento. I membri dell'Essex Junto non erano soddisfatti delle restrizioni del potere del popolo e non si curavano davvero di un sistema di controlli ed equilibri, ma nondimeno sostenevano la Costituzione federale. Hanno sostenuto Alexander Hamilton e il suo programma finanziario e si sono opposti nettamente a Thomas Jefferson e alle sue idee. Erano sostenitori dell'indipendenza americana, ma credevano nella disuguaglianza intrinseca degli uomini. Disturbati dai cambiamenti sociali che la Rivoluzione aveva portato, favorirono una società patriarcale e una nazione governata da un'aristocrazia eletta di élite. Formavano il nucleo di un gruppo conservatore tra i federalisti, ma all'inizio del secolo la maggior parte si era ritirata dalla politica. Non hanno avuto un'influenza dominante nella politica del Massachusetts e nel Partito Federalista, come hanno affermato molti storici. Con l'eccezione di Timothy Pickering, non sostenevano il movimento secessionista del New England all'indomani dell'acquisto della Louisiana, che molti abitanti del New England temevano avrebbe ridotto la loro influenza nell'Unione.

Il presidente Jefferson, in una lettera a John Melish il 13 gennaio 1813, usò l'etichetta Essex Junto quando accusò un gruppo di giovani federalisti di sostenere l'angomanzia, la monarchia e la separazione; I federalisti avevano sfogato la loro rabbia con gli effetti disastrosi che l'Embargo Act, il Non-rapporto sessuale e la guerra del 1812 avevano avuto sul New England. All'inizio della guerra, Pickering e John Lowell Jr. (figlio del suddetto John Lowell) cercarono di cristallizzare il sentimento secessionista nel New England, ma altri membri del Junto aiutarono a frenare i loro piani. Durante la guerra del 1812, l'insoddisfazione del New England fu espressa nella Convenzione di Hartford (15 dicembre 1814-5 gennaio 1815) a cui parteciparono solo due membri moderati dell'originale Essex Junto, Dane e Cabot (quest'ultimo fu scelto presidente della convenzione) . Pickering si è opposto alla convenzione perché non credeva che avrebbe davvero sostenuto lo scioglimento dell'Unione, come desiderava.

Bibliografia

Fischer, David H. "Il mito di Junto dell'Essex". The William and Mary Quarterly, 3d. Serie 21 (aprile 1964): 195–213.

Morison, Samuel Eliot. "Dissenso nella guerra del 1812". In Dissenso in tre guerre americane. A cura di Samuel Eliot Morison, Frederick Merk e Frank Freidel. Cambridge, Mass .: Harvard University Press, 1970.

MichaelNiente