Edith r. peterson

Un ricercatore medico specializzato in colture cellulari, Edith R. Peterson (1914-1992) è stato il primo scienziato a coltivare la mielina, il rivestimento esterno delle cellule nervose, in una provetta. La sua scoperta ha aiutato la ricerca sulla sclerosi multipla, la distrofia muscolare e altre malattie del sistema nervoso.

Peterson è nata Edith Elizabeth Runne il 24 giugno 1914 a Brooklyn, New York, da Hermann e Else Helmke Runne. Il padre di Peterson, comproprietario di un ristorante e di una struttura di catering, morì improvvisamente nel 1920, poco prima di partire per un viaggio in Germania per raggiungere la moglie e le due figlie, in visita a parenti. Dopo essere rimasta in Germania per i successivi sei anni, la famiglia tornò negli Stati Uniti, dove la madre di Peterson ottenne un impiego disegnando abiti su misura. Nel 1937 Peterson ha conseguito un diploma di laurea presso il Barnard College; due anni dopo ha conseguito un master in zoologia presso la Columbia University. Nel settembre del 1941 sposò Charles Peterson, un artista commerciale. La coppia ha avuto un figlio, Wesley, nel 1952 e una figlia, Rhonda Lea, nel 1954.

All'inizio degli anni Quaranta Peterson andò a lavorare nel laboratorio di Margaret Murray alla Columbia University. Mentre lavorava lì, è stata in grado di far crescere cellule nervose funzionali utilizzando colture contenenti embrioni di pollo. Ha utilizzato la coltura organotipica che, a differenza di altri metodi di crescita delle cellule, prevede che le cellule simulino la struttura e le funzioni effettive degli organi da cui sono state prelevate. Peterson è riuscito a far crescere le cellule nervose, il cervello e il midollo spinale dei polli. In tal modo è stata anche in grado di far crescere la mielina, la guaina isolante che circonda le cellule nervose - la prima volta che ciò era stato fatto. Questa scoperta ha aiutato la ricerca sulla sclerosi multipla, una malattia che coinvolge la degenerazione della mielina nel cervello e nel midollo spinale.

Nel 1966 Peterson lasciò la Columbia per lavorare con il dottor Murray Bornstein presso l'Albert Einstein College of Medicine della Yeshiva University nel Bronx, New York. Lì ha concentrato i suoi studi sulla distrofia muscolare, una malattia da deperimento che colpisce i muscoli scheletrici. Oltre alla sua ricerca, ha insegnato le sue tecniche per la cultura organotipica a studenti provenienti da Stati Uniti, Asia ed Europa.

Peterson si è ritirata nel 1990 a seguito di un ictus che le ha impedito di usare la mano destra. Poco dopo, lei e suo marito si trasferirono a Middletown, New York. Peterson morì di ictus il 15 agosto 1992.

Ulteriori letture

Edelson, Edward, Il sistema nervoso, Chelsea House, 1991.

Rosner, Louis e Shelley Ross, Sclerosi multipla, Prentice-Hall, 1987.

"Edith Peterson, 78; Studied Cell Cultures", in New York Times, (necrologio). □