Edith anna oenone somerville

Edith Anna OEnone Somerville (1858-1949), che in collaborazione con la cugina Violet Martin pubblicò sotto lo pseudonimo di "Somerville and Ross", scrisse il popolare Esperienze di un RM irlandese storie, così come uno dei migliori romanzi irlandesi del XIX secolo, La vera Charlotte.

Sebbene fosse nata (2 maggio 1858) sull'isola di Corfù, dove era di stanza suo padre, il tenente colonnello Thomas Henry Somerville, Edith Anna OEnone Somerville tornò all'età di un anno in Irlanda, dove visse la maggior parte del resto della sua vita e dove sono ambientate le sue storie e i suoi romanzi. Sua madre era Adelaide Eliza Coghill. Edith era la maggiore di otto figli, tutti maschi tranne Edith e una sorella. Al suo ritiro nel 1859, suo padre restituì la famiglia a casa sua a Drishane House, nella parrocchia di Castlehaven, nella parte occidentale della contea di Cork. I Somervilles (e anche i Martins, a cui apparteneva la famiglia Violet, cugina di Edith) facevano parte della cosiddetta "Ascendency", famiglie della classe media di discendenza anglo-irlandese.

I primi anni di Edith furono dedicati all'equitazione e alla pittura. Quest'ultimo interesse ha perseguito seriamente, studiando alla South Kensington School of Art e alla Royal Westminster School di Londra ea Düsseldorf e Parigi (in quest'ultimo luogo ha lavorato come apprendista sotto Colarossi e Délécluse). Ha continuato a dipingere per tutta la vita, una pratica che ha indubbiamente influenzato il suo stile letterario (i critici hanno notato una qualità pittorica nelle sue descrizioni pittoriche). Alla fine ha avuto mostre di successo della sua arte a Londra e New York, e ha contribuito con illustrazioni alle opere letterarie che ha fatto con Martin e da sola. Il resto della sua educazione fu condotto da governanti e brevemente all'Alexandra College di Dublino.

Il vero contributo di Edith, tuttavia, risiede nel campo della letteratura. L'evento che fece precipitare questo impegno fu il suo fatidico incontro, il 17 gennaio 1886, con la cugina di secondo grado Violet Martin. In seguito Edith definì quell'incontro di gennaio "il cardine della mia vita, il luogo in cui il mio destino e il suo si sono ribaltati" (Ricordi irlandesi). Non solo le donne iniziarono presto a collaborare alla letteratura (il loro primo libro, Un cugino irlandese, fu iniziato nel 1887), presto contrassero quello che in questo paese era conosciuto come un "matrimonio di Boston", un impegno per tutta la vita tra due donne. La loro collaborazione è durata fino alla morte prematura di Violet nel 1915 e ha prodotto 14 libri, tra cui La vera Charlotte (1894), considerato da alcuni il miglior romanzo irlandese del XIX secolo; Alcune esperienze di un RM irlandese (1899); e Ulteriori esperienze di un RM irlandese (1908).

Mentre La vera Charlotte è un lavoro oscuramente tragico e realistico, il RM le storie sono spensierate e comiche, sebbene anche realisticamente ambientate nella campagna irlandese e catturino fedelmente il dialetto locale del Munster. La premessa comica delle storie è lo scontro che si verifica tra il maggiore anglo-irlandese Yeates, il "magistrato residente" (una posizione stabilita in tutto l'impero britannico per sovrintendere ai sistemi legali e amministrativi delle dipendenze) e le usanze di vari eccentrici abitanti dei villaggi irlandesi. Il RM le storie erano enormemente popolari e davano agli autori "E. OE. Somerville e Martin Ross" una reputazione internazionale. La popolarità delle storie è continuata negli anni '1980; nel 1982 un adattamento del "Masterpiece Theatre", "The Irish RM", fu prodotto per la televisione britannica. È andato in onda sulla televisione pubblica americana nel 1984.

Somerville e Ross hanno anche pubblicato diversi schizzi di viaggio, tra cui La vigna di Nabot (1891), sulla regione vinicola francese; Nel paese della vite (1893), che registrò tournée in Galles e Danimarca; e Mendicanti a cavallo (1895), che raccontava un giro a cavallo che le donne intrapresero attraverso il Galles, una sorta di pellegrinaggio a casa delle celebri "Ladies of Llanghollen", una coppia femminile simile dell'inizio del XIX secolo. Il terzo e ultimo volume di RM storie, Nel paese del signor Knox, è apparso nel 1915, l'anno della morte di Martin.

Quell'evento ha devastato Edith, che pensava che non avrebbe mai più scritto. Tuttavia, ha presto sviluppato un interesse per lo spiritualismo, allora molto popolare, grazie al quale le persone tentano di comunicare con i morti. Attraverso l'uso della "scrittura automatica", una tecnica spiritualistica, Edith arrivò a credere che Violet le stesse dettando messaggi. In questo modo ha potuto riprendere a scrivere, fermamente convinta che il loro sodalizio letterario potesse continuare così com'era. Pertanto, ha mantenuto la designazione "Somerville e Ross" sulla maggior parte delle opere successive della sua paternità. Di questi 15 ulteriori libri alcuni sono reminiscenze, come Ricordi irlandesi (1917); alcune sono raccolte varie (sia del suo lavoro che di quello di Martin), come Strayaways (1920); e molti sono romanzi, compreso Mount Music (1919) Un appassionato (1921) La grande casa di Inver (1925, considerata la sua migliore opera di questo periodo), Congedo francese (1928), e Sarah's Youth (1938).

Negli ultimi anni Edith ha viaggiato molto, compresi viaggi in Danimarca, Francia, Italia e Stati Uniti, l'ultimo dei quali ha registrato in Gli Stati con gli occhi irlandesi (1930). Ha sviluppato un'intensa amicizia con il compositore inglese Ethel Smythe, che ha contribuito a promuovere il riconoscimento pubblico dei risultati di Somerville. Nel 1941 l'Accademia irlandese di lettere le conferì la medaglia d'oro Gregory, il suo onore più importante. È rimasta un'ardente femminista, è stata presidente della Munster Women's Franchise League e ha continuato a cavalcare, dipingere e scrivere nei suoi ultimi anni. L'8 ottobre 1949, Edith Somerville muore a Castletownshend, dove è sepolta accanto alla sua amata cugina e collaboratrice, Violet Martin.

Ulteriori letture

Il Irish RM le storie sono attualmente disponibili in versione tascabile. Le biografie includono Geraldine Cummins, Dr.E.OE Somerville: una biografia (1952); Maurice S. Collis, Somerville e Ross: una biografia (1968); e Violet G. Powell, The Irish Cousins: The Books and Background of Somerville and Ross (1970). Una breve introduzione è John Cronin, Somerville e Ross (1972), e uno studio più accademico è Hilary Robinson, Somerville & Ross: A Critical Appreciation (1980).

Fonti aggiuntive

Lewis, Gifford, Somerville e Ross: il mondo della RM irlandese, Harmondsworth, Middlesex, Inghilterra; New York, NY, USA: Viking, 1985. □