Drill training

Le esercitazioni e l'addestramento erano parte integrante della vita militare della Guerra Civile, specialmente nell'anno di apertura del conflitto, quando sia il Nord che il Sud cercavano di mobilitare eserciti dalle rispettive popolazioni civili. Nessuna delle due parti si distinse a questo riguardo, in parte perché ogni esercito era equipaggiato con un gran numero di ufficiali inesperti che sapevano poco o nulla di esercitazioni o tattiche militari. Questo era un problema fastidioso sia per l'Unione che per la Confederazione. Un'altra complicazione nell'esercitazione e nell'addestramento è stata la forte vena individualistica di molti soldati yankee e ribelli. Abituati a una forte misura di indipendenza e autodeterminazione nella vita di tutti i giorni, molti arruolati erano irritati per le noiose ore trascorse all'esercitazione.

La routine di esercitazione

In entrambi gli eserciti dell'Unione e Confederato, esercitazioni di esercitazione e altri addestramenti sono stati intervallati durante la giornata al campo. Alla fine della giornata, diverse ore erano state generalmente dedicate all'esercitazione (la quantità di tempo speso per l'esercitazione diminuiva notevolmente con l'intensificarsi della guerra). Le formazioni di combattimento erano generalmente lineari e dovevano essere praticate per garantire che i soldati potessero funzionare nelle strutture di combattimento necessarie.

I sergenti della compagnia di solito conducevano le esercitazioni con la supervisione dei comandanti della compagnia e degli ufficiali sul campo. I veterani della guerra messicano-americana e gli ufficiali regolari che erano già stati nell'esercito federale prima della guerra tendevano ad essere i più grandi pignoli per l'addestramento. Questi uomini avevano un maggiore apprezzamento per l'importanza di movimenti efficienti sul campo di battaglia e vedevano anche l'esercizio come un modo per costruire disciplina e obbedienza. Ma anche nelle unità guidate da questi uomini, l'addestramento era spesso interrotto e eseguito a casaccio.

Sia che fossero diretti da esperti veterani militari o da novizi nominati come risultato di legami politici o capacità di reclutamento, le routine di addestramento hanno suscitato reazioni tra i ranghi che andavano dalla comprensione del paziente all'indignazione fumante. Quest'ultima reazione è stata particolarmente evidente nel Sud, dove molti hanno equiparato l'essere costretti a sottomettersi alla disciplina militare all'essere ridotti allo status di schiavo.

Sentimenti simili erano evidenti anche all'interno dei ranghi dell'Unione. "Siamo quasi addestrati alla morte ora", si è lamentato un volontario della Pennsylvania in una lettera a un amico. "Mio caro ragazzo, giocare a fare il soldato e il soldato in realtà sono due cose molto diverse che posso assicurarti" (Sutherland 1989, p. 8). Scrivendo a sua sorella, un privato dell'Indiana ha citato l'esercitazione come un perfetto esempio di come [un] soldato non è il suo uomo [;]… cadi dentro e inizi. Qui senti la tua inferiorità, anche i Sar-geant ti stanno gridando di chiudere, passo Ketch, vestito a destra e botta come, l'uomo nel tuo regno si lamenta che la tua pistola non viene trattenuta. Forse lascerai che questo [ti faccia] fare qualche osservazione quando ti verrà immediatamente detto da un Lietenant di tacere nei ranghi o sarai messo in guardia. (McPherson 1997, p. 47)

L'importanza del trapano

La maggior parte delle aziende, che marciassero sotto la bandiera a stelle e strisce o sotto la bandiera confederata, non trascorrevano molto del loro tempo in esercitazioni di tiro o altre esercitazioni legate alle armi da fuoco. Questa decisione si basava sul presupposto ampiamente diffuso che la maggior parte dei soldati erano tipi di frontiera che erano già competenti con i fucili ad avancarica che predominavano durante la guerra. In realtà, però, molti arruolati provenivano da aree urbane in cui la caccia non era un passatempo diffuso, e alcuni soldati verdi non sapevano nemmeno come caricare i loro moschetti al momento della presentazione di servizio. Il Sud, che aveva un carattere più rurale del Nord e una percentuale più alta di cacciatori e trappolatori nei suoi ranghi, non fu ferito gravemente come il Nord da questo malinteso, ma mise in campo anche aziende che erano tristemente poco addestrate nel tiro e nella manutenzione delle armi. .

La maggior parte delle attività di esercitazione si è invece concentrata sulle formazioni in marcia e combattimento. In particolare, è stata prestata molta attenzione all'insegnamento ai soldati come passare in modo efficiente da una formazione in marcia (che era generalmente di carattere serpentino) a una formazione da combattimento (che spesso richiedeva l'assunzione di forme simili a scatole o scudi). Poiché queste manovre comportavano la complessa coordinazione di un gran numero di uomini e spesso dovevano essere realizzate sotto il fuoco, pochi comandanti consideravano i loro uomini adeguatamente addestrati e sottolineavano una vasta pratica.

Bibliografia

Catton, Bruce. The American Heritage New History of the Civil War, rev. ed. Ed. Bruce McPherson. New York: Viking, 1996.

Hummel, Jeffrey Rogers. Emancipare gli schiavi, rendere schiavi gli uomini liberi: una storia della guerra civile americana. Chicago: Open Court, 1996.

McPherson, James M. Per causa e compagni: perché gli uomini hanno combattuto nella guerra civile. New York: Oxford University Press, 1997.

Mitchell, Reid. Soldati della guerra civile: le loro aspettative e le loro esperienze. New York: Viking, 1988.

Sutherland, Daniel E. L'espansione della vita quotidiana, 1860–1876. New York: Harper & Row, 1989.

Wiley, Bell Irvin. La vita di Johnny Reb: The Common Soldier of the Confederacy. Indianapolis, IN, e New York: Bobbs-Merrill Company, 1943. Ristampa, Baton Rouge: Louisiana State University Press, 1992.

Kevin Hillstrom