Dinastia Stuart (inghilterra e scozia)

Dinastia Stuart (inghilterra e scozia). La dinastia Stuart discendeva da Marjorie, figlia di Robert I (il Bruce) dal suo matrimonio con Walter Steward. Il loro figlio, Robert II, divenne re di Scozia nel 1371, ma la fine del XIV e XV secolo vide una successione di monarchi deboli, quattro minori e una comunità politica dominata da nobili ribelli. Giacomo IV (governato dal 1488 al 1513) fu ucciso combattendo contro gli inglesi ma, nel 1503, aveva sposato Margaret Tudor, figlia di Enrico VII (governato dal 1485 al 1509). Così gli Stuart avevano un diritto legittimo al trono inglese. Ciò divenne particolarmente importante durante il regno di Maria, regina di Scozia (governata dal 1542 al 1567), un intrigante intrigante che fu deposto dai suoi sudditi nel 1567. Il suo piano di deporre Elisabetta I d'Inghilterra portò alla sua esecuzione nel 1587, ma suo figlio , Giacomo VI di Scozia, successe a Elisabetta nel 1603 come Giacomo I d'Inghilterra. La doppia monarchia degli Stuart non venne mai a patti con il governo di due regni molto diversi, e il figlio di James, Carlo I, fu giustiziato dai suoi sudditi inglesi nel 1649. Gli Stuart furono restaurati nel 1660 ma sia Carlo II (governato dal 1660-1685) che il suo cattolico fratello, Giacomo VII e II (governato dal 1685 al 1688), si dimostrò meno che governanti efficaci. James fu deposto nel 1688 e sostituito da Guglielmo III (governato dal 1689-1702) e Maria II (governato dal 1689-1694). William, il principe olandese di Orange, era il nipote di Carlo I e Mary era la figlia di Giacomo II, ma, cosa più importante, erano protestanti. William e Mary non ebbero figli, e il trono di Inghilterra e Scozia passò ad Anna (governata dal 1702 al 1714), figlia minore di Giacomo II. Anche Anna morì senza figli, e mentre la successione inglese era stata stabilita nel 1701 sulla protestante Sophie di Hannover, nipote di Giacomo VI e I, molti scozzesi continuarono a sostenere i discendenti cattolici esiliati di Giacomo VII e II. Nel 1714 il figlio di Sophie, l'Hannover Giorgio I, divenne re del Regno Unito di Gran Bretagna, ponendo così fine al dominio degli Stuart. Gli Stuart insistevano ancora per rivendicare il trono; tuttavia, ogni pretesa fu effettivamente conclusa quando il pretendente Charles Edward Stuart, "Bonnie Prince Charlie", fu sconfitto nella battaglia di Culloden nel 1746.