Dinastia hannoveriana (gran bretagna)

Dinastia Hannover (Gran Bretagna). Secondo i termini del 1701 Act of Settlement, alla morte della regina Anna il 1 ° agosto 1714 le corone congiunte di Inghilterra e Scozia caddero a George Ludwig, elettore di Hannover, un territorio della Germania settentrionale di medie dimensioni e potenza. Era il figlio di Sophie, la nipote di Giacomo I d'Inghilterra. Giorgio I, come veniva chiamato in Gran Bretagna, non parlava inglese e per tutto il suo regno rimase più attaccato alla sua terra natale (alla quale tornò spesso) che al suo regno di adozione, che governò fino alla sua morte nel 1727. Gli successe suo figlio Giorgio II (governato dal 1727 al 1760), ora ricordato principalmente per il suo valore militare. Divenne l'ultimo monarca britannico a guidare le sue truppe in battaglia di persona, ma a casa dovette anche respingere una seria sfida al suo governo durante la rivolta guidata da Charles Edward Stuart ("Bonnie Prince Charlie") nel 1745. George II's Il figlio maggiore, Federico, principe di Galles, lo predecessore, lasciando il nipote di 22 anni del re a succedergli come Giorgio III. George fu il primo degli Hanoveriani a nascere in Inghilterra, e avrebbe goduto di un regno eccezionalmente lungo di sessant'anni, che fu, tuttavia, punteggiato da crisi all'estero come la perdita delle colonie americane nel 1783 e lo scoppio del Rivoluzione francese nel 1789. Giorgio III fu seguito sul trono da due dei suoi figli (Giorgio IV [regnò 1820–1830] e Guglielmo IV [1830–1837]) e sua nipote (Vittoria [1837–1901]), rendendo l'Hannoverian dinastia una delle più durature nella storia britannica. Nonostante le rivolte che cercavano il restauro della linea maschile della casa di Stuart nel 1715 e 1745, l'età di Hannover segnò un lungo periodo di relativa stabilità interna, che permise alla Gran Bretagna di diventare una grande potenza imperiale.