Diga dell’Arizona Glen Canyon

Fino al 1963, il Glen Canyon era uno dei tratti di scenario naturale più belli del West americano. Il canyon era stato tagliato nel corso di migliaia di anni come il Fiume Colorado scorreva sull'arenaria che un tempo costituiva il fondo di un antico mare. Le pareti colorate del Glen Canyon sono state spesso paragonate a quelle del Grand Canyon, solo circa 50 km a valle.

Tuttavia, gli esseri umani hanno a lungo visto più della bellezza nel canyon. Hanno immaginato il valore potenziale di un'acqua serbatoio che potrebbe essere creato arginando il Colorado. In una regione dove l'acqua può essere preziosa come l'oro, i piani per la costruzione di un gigante irrigazione il progetto con l'acqua proveniente da una diga del Glen Canyon risale almeno al 1850.

Il controllo delle inondazioni è stato un secondo argomento per la costruzione di una simile diga. Come la maggior parte dei fiumi occidentali, il Colorado è selvaggio e imprevedibile. Quando alimentato dallo scioglimento delle nevi e dalla pioggia in primavera, il suo flusso naturale può superare i 300,000 ft4 (8,400 m4) al secondo. Alla fine di un'estate calda e secca, il flusso può scendere a meno dell'1% di quel valore. La temperatura dell'acqua del fiume può anche fluttuare ampiamente, di oltre 36 ° C in un anno. Una diga nel Glen Canyon prometteva di moderare questa variabilità.

All'inizio del 1900, fu proposto ancora un terzo argomento per la costruzione della diga: la generazione di energia idroelettrica. Sia la tecnologia che la domanda stavano raggiungendo il punto in cui l'energia generata dalla diga poteva essere fornita a Phoenix, Los Angeles, San Diego e ad altre aree urbane in crescita nel Far West.

Alcune obiezioni furono sollevate negli anni '1950 quando fu proposta la costruzione di una diga del Glen Canyon e gli ambientalisti si batterono per proteggere questa area naturale unica. Gli anni '1950 e l'inizio degli anni '1960 non furono, tuttavia, un'era di elevata sensibilità ambientale e alla fine i piani per la diga furono approvati dal Congresso degli Stati Uniti. La costruzione della diga, appena a sud del confine tra Utah e Arizona, fu completata nel 1963 e il nuovo lago che creò, Lake Powell, iniziò a svilupparsi. Diciassette anni dopo, il lago conteneva un massimo di 27 milioni di acri di piedi d'acqua.

I cambiamenti ambientali causati dalla diga sono notevoli. Il fiume stesso è cambiato da un colore marrone fangoso a un blu cristallino mentre i sedimenti che trasporta si depositano dietro la diga nel lago Powell. Erosione degli argini del fiume a valle della diga si è notevolmente ridotto con il controllo delle piene primaverili. Spiagge naturali e banchi di sabbia, una volta costruiti da depositati sedimento , vengono lavati via. Le temperature dei fiumi si sono stabilizzate a una media annuale di circa 50 ° F (10 ° C). Questi cambiamenti fisici hanno portato a cambiamenti flora con fauna anche. quattro specie dei pesci originari del Colorado si sono estinti, ma almeno 10 specie di uccelli ora prosperano dove sono sopravvissute a malapena. Il comunità biotica sotto la diga è notevolmente diverso da quello che era prima della costruzione.

Durante gli anni '1980, le domande sull'operazione della diga iniziarono a crescere. Alcuni osservatori erano particolarmente preoccupati per le fluttuazioni del flusso attraverso la diga, un modello determinato dalle esigenze elettriche nelle città lontane. Durante i periodi di picco della domanda elettrica, gli operatori aumentano il flusso d'acqua attraverso la diga fino a un massimo di 30,000 piedi4 (840 m4) al secondo. Nei periodi di bassa richiesta, tale flusso può essere ridotto a 1,000 piedi4 (28 m4) al secondo. Come risultato di queste variazioni, il fiume al di sotto della diga può cambiare fino a 13 piedi (4 m) di altezza in un singolo periodo di 24 ore. Questa variazione può danneggiare gravemente le sponde del fiume e può avere effetti inquietanti su natura nell'area come, ad esempio, i pesci vengono arenati sulla riva o portati via dai luoghi di riproduzione. Il rafting sul fiume è anche gravemente influenzato dal cambiamento del livello del fiume poiché i rafter non possono mai essere sicuri di giorno in giorno quali condizioni dell'acqua possono incontrare.

Il funzionamento della diga del Glen Canyon è reso più complesso dal fatto che il controllo è suddiviso tra almeno tre diverse agenzie del Dipartimento degli interni degli Stati Uniti, il Bureau of Reclamation , i Servizio di fauna selvatica , e il National Park Service , tutti con missioni un po 'diverse. Nel 1982 è stata avviata una rianalisi completa dell'area del Glen Canyon. Una serie di studi ambientali denominati Glen Canyon Environmental Studies è stata progettata ed eseguita per gran parte del decennio successivo. Inoltre, il segretario degli interni Manuel Lujan annunciò nel 1989 che un dichiarazione di impatto ambientale sugli effetti a valle della diga sarebbero condotti.

Lo scopo della dichiarazione sull'impatto ambientale era scoprire se fossero disponibili altre opzioni per il funzionamento della diga che minimizzassero gli effetti dannosi sul ambiente , opportunità ricreative e attività dei nativi americani pur consentendo alla diga di produrre livelli sufficienti di energia idroelettrica. Gli effetti studiati includevano acqua, sedimenti, pesci, vegetazione, fauna selvatica e habitat , specie in via di estinzione e altre specie a status speciale, risorse culturali, qualità dell'aria , ricreazione , energia idroelettrica e valore non d'uso (ovvero, apprezzamento generale di risorse naturali ).

Sono state prese in considerazione nove diverse opzioni operative per la diga. Queste opzioni rientravano in tre categorie generali: flussi fluttuanti illimitati (due modalità alternative); flussi fluttuanti limitati (quattro modalità); e flussi costanti (tre modalità).

La scelta finale fatta è stata quella che prevede "rilasci periodici alti e costanti di breve durata" che riducono le prestazioni della diga significativamente al di sotto del precedente livello operativo. Il criterio di questa decisione è stato la protezione e il potenziamento delle risorse a valle pur continuando a consentire un certo livello di flessibilità nel funzionamento della diga.

Una successiva serie di esperimenti è stata progettata per vedere cosa si potrebbe fare per ripristinare alcune risorse a valle che sono state distrutte o danneggiate dall'operazione della diga. Tra il 26 marzo e il 2 aprile 1996, il Bureau of Bonifica ha rilasciato quantità insolitamente grandi di acqua dalla diga. L'intento era quello di riprodurre su larga scala allagamento sul fiume Colorado che normalmente si era verificato ogni primavera prima della costruzione della diga.

L'obiettivo principale di questo progetto era vedere se i banchi di sabbia a valle potevano essere ripristinati dall'inondazione. I banchi di sabbia sono stati tradizionalmente utilizzati come campeggi e sono stati un importante meccanismo per la rimozione di limo dai canali di ristagno utilizzati dai pesci autoctoni. A seconda dei risultati finali di questo studio, l'Ufficio determinerà quali modifiche, se del caso, dovrebbero essere prese nella regolazione dei modelli di flusso sulla diga per fornire il massimo beneficio ambientale a valle insieme alla potenza erogata.