Corsa allo spazio

Durante la seconda guerra mondiale (1939-1945) la Germania sviluppò i primi missili guidati a lungo raggio del mondo, sparando testate contro le città inglesi. Dopo la sconfitta della Germania e la fine della guerra, gli Stati Uniti reclutarono scienziati tedeschi di missili, tra cui Wernher von Braun (1912-1977), per aiutare ad avviare il programma missilistico statunitense. Gli Stati Uniti e la Russia si erano impegnati in un'intensa rivalità militare globale, la Guerra Fredda. La conseguente corsa agli armamenti tra le due "superpotenze" includeva lo sviluppo e lo stoccaggio di armi termonucleari e missili balistici intercontinentali.

Sotto la supervisione della US Air Force, i test missilistici iniziarono nelle strutture di lancio di Cape Canaveral in Florida all'inizio degli anni '1950. Tuttavia, l'Unione Sovietica, nota per eccellere nello sviluppo di grandi missili, ha scioccato gli Stati Uniti quando è diventata la prima nazione a posizionare un satellite, Sputnik 1, in orbita attorno alla Terra nell'ottobre 1957. Un secondo satellite russo salì il mese successivo trasportando un cane. All'improvviso, la "corsa allo spazio" era iniziata e gli Stati Uniti, in preda alla disperazione, hanno notevolmente accelerato il loro programma spaziale. Non solo gli americani si sentivano vulnerabili agli attacchi stranieri diretti, ma la rivendicazione degli Stati Uniti di superiorità scientifica è stata scossa.

Gli Stati Uniti tentarono il lancio di un satellite in orbita nel dicembre 1957, ma il missile Vanguard esplose in modo imbarazzante al decollo. Il mese successivo Explorer 1 fatto saltare in orbita con successo. Negli anni '1950 gli Stati Uniti e la Russia si concentrarono sempre più sul volo spaziale con equipaggio. Gli Stati Uniti hanno stabilito il programma Project Mercury con i suoi sette astronauti originali, un gruppo selezionato di audaci piloti collaudatori dell'Air Force. Per sovrintendere al programma spaziale civile, il Congresso creò la National Aeronautics and Space Administration (NASA) nell'ottobre 1958, assumendo il controllo dell'esercito.

Nell'aprile 1961, una seconda scossa si propagò negli Stati Uniti quando la Russia mise in orbita intorno alla Terra il primo essere umano, Yury Gagarin (1934-1968). Gli Stati Uniti risposero il 5 maggio 1961, quando Alan Shephard (1923–) divenne il primo americano nello spazio, guidando il razzo Redstone in qualche modo inaffidabile in una traiettoria suborbita.

Con la leadership degli Stati Uniti chiaramente scossa dal progresso della Russia, il 1961 maggio 1963 il presidente John F. Kennedy (25-1961) ha proclamato l'obiettivo nazionale di far atterrare un astronauta sulla luna entro la fine del decennio e riportarlo sulla terra in sicurezza. La dichiarazione è stata una sorpresa anche per molti nel programma spaziale. Con la luna identificata come il traguardo per la corsa allo spazio, un obiettivo chiaramente difficile è stato fissato pubblicamente.

Più tardi, nel 1961, John Glenn (1921–) divenne il primo americano a orbitare attorno alla Terra. Altri quattro voli Mercury con equipaggio furono seguiti dal Progetto Gemini nel marzo 1965. Gemini, nella sua breve esistenza, introdusse capsule spaziali a due persone, le prime passeggiate spaziali, esercizi di attracco e tempi di volo più lunghi. Il progetto Apollo, il cuore del programma lunare degli Stati Uniti, seguì alla fine del 1966. Un tragico incendio di una capsula nel gennaio 1967, uccise il primo dei tre equipaggi di astronauti dell'Apollo mentre era seduto in cima a un missile sulla rampa di lancio. Fino all'ottobre 1968 non si verificarono ulteriori voli spaziali con equipaggio. Poi, alla vigilia di Natale del 1968, la prima missione Apollo in orbita attorno alla luna rimandò sulla Terra immagini spettacolari, affascinando ancora una volta il pubblico. Poco dopo, il 20 luglio 1969, gli astronauti dell'Apollo 11 Edwin "Buzz" Aldrin (1930–) e Neil Armstrong (1930–) divennero i primi esseri umani a camminare sulla luna. Si stima che circa mezzo miliardo di persone in tutto il mondo hanno guardato l'evento a 240,000 miglia di distanza in diretta televisiva. La corsa allo spazio è stata vinta.

Altre cinque missioni Apollo hanno portato a lunghe passeggiate sulla luna e all'uso di veicoli itineranti lunari. La società americana, tuttavia, era cambiata radicalmente dalla dichiarazione di Kennedy del 1961. Gli Stati Uniti erano alle prese con una guerra straniera altamente controversa nel sud-est asiatico e le agitazioni interne erano al culmine. Le rivolte urbane stavano lacerando il tessuto sociale nazionale. Molti hanno messo in dubbio i miliardi di dollari spesi per un programma di discutibile valore scientifico quando a casa c'erano questioni sociali così urgenti. Dopo la missione Apollo 17 nel dicembre 1972, il programma si interruppe bruscamente poiché i finanziamenti furono ridotti, annullando altre tre missioni Apollo pianificate. Con la corsa allo spazio finita, il programma spaziale statunitense si è rivolto all'esplorazione senza pilota, al programma dello space shuttle e persino alla collaborazione con la Russia sul Mir programma della stazione spaziale e altri progetti correlati.

Lo sforzo degli Stati Uniti nella corsa allo spazio è riconosciuto come uno dei più grandi sforzi nazionali in tempo di pace nella storia che coinvolge il governo, l'esercito, la scienza e l'industria. Nel 1966 il budget spaziale di 6 miliardi di dollari costituiva oltre il quattro per cento dell'intero budget federale, superando gli importi spesi per l'edilizia abitativa e lo sviluppo della comunità. Il solo programma Apollo è costato oltre $ 25 miliardi. Al suo apice, oltre 400,000 persone erano impiegate nello sforzo. Con le pubbliche relazioni un aspetto importante della corsa allo spazio, gli astronauti sono diventati eroi pubblici di proporzioni quasi mitologiche.

Tuttavia, i risultati derivanti dalla corsa allo spazio erano in gran parte politici. Gli obiettivi della ricerca geologica sono stati raggiunti solo parzialmente con le 841 libbre di roccia lunare raccolte. I limitati vantaggi scientifici sono andati in gran parte al campo medico con i progressi nell'imaging digitale, nelle tecniche di telemetria biomedica e in altri sviluppi tecnologici. Nel complesso, tuttavia, un'impresa tecnologica sorprendente che comportava enormi impegni politici ed economici era stata compiuta entro un decennio.