Corpo infermieristico, esercito e marina

Corpo infermieristico, esercito e marina. Sia gli uomini che le donne prestarono servizio come infermiere per l'esercito a vario titolo a partire dal 1775, ma fu solo nel 1901 che fu creato un corpo infermieristico dell'esercito ufficiale come parte del dipartimento medico dell'esercito americano. Il Corpo era esclusivamente femminile. Illustri contributi delle donne infermiere a contratto durante la guerra ispano-americana fornirono la giustificazione per questo corpo femminile di infermiere permanente. Sebbene il Corpo di oggi non sia più esclusivamente femminile, il suo scopo rimane: fornire assistenza infermieristica ai membri del servizio. L'organizzazione ha un duplice significato. È il più antico servizio infermieristico militare e il primo ramo militare ad ammettere donne.

Quando gli Stati Uniti entrarono nella prima guerra mondiale nel 1917, c'erano solo 403 infermiere dell'esercito in servizio attivo. Nel novembre 1918 erano 21,460, 10,000 dei quali prestavano servizio all'estero. Durante la guerra, gli infermieri lavoravano principalmente negli ospedali di base, di evacuazione e chirurgici mobili negli Stati Uniti, Francia, Hawaii, Porto Rico e Filippine. Hanno anche fornito assistenza sui treni ospedalieri in Francia e sulle navi da trasporto che trasportavano i feriti a casa attraverso l'Atlantico.

Più di 57,000 infermieri prestarono servizio durante la seconda guerra mondiale. Nel maggio 1942, dopo le battaglie di Bataan e Corregidor, sessantasette infermiere dell'esercito divennero prigioniere di guerra dei giapponesi. Per i trentasette mesi di prigionia, le donne hanno sopportato condizioni primitive e razioni di fame, ma hanno continuato a prendersi cura dei malati e dei feriti. Gli infermieri sbarcarono con le truppe durante la campagna del Nord Africa il giorno dell'invasione del novembre 1942. Inoltre guadarono a terra ad Anzio cinque giorni dopo lo sbarco iniziale dell'assalto.

Le infermiere dell'esercito sostenevano le truppe da combattimento quando il presidente Harry S. Truman ordinò alle forze statunitensi di entrare in Corea nel giugno 1950. Durante i tre anni della Guerra di Corea, circa 550 infermiere prestarono servizio all'estero, la maggior parte delle quali in ospedali chirurgici dell'esercito mobile (unità MASH).

Più di 5,000 infermiere dell'esercito hanno prestato servizio in Vietnam durante quel conflitto. L'evacuazione con elicotteri ha portato i feriti alle unità mediche situate a pochi minuti di volo dal campo di battaglia. La mobilità e un gran numero di pazienti gravemente feriti caratterizzarono il servizio nella guerra del Vietnam. Otto donne infermiere sono state uccise in azione.

Durante l'operazione Desert Shield ‐ Desert Storm, circa 2,200 infermieri hanno prestato servizio in 44 ospedali all'interno del teatro delle operazioni. Due infermiere su tre nella Guerra del Golfo Persico provenivano dalla Guardia Nazionale dell'esercito americano o erano riservisti dell'esercito. Alla fine degli anni '1990, 4,200 infermieri in servizio attivo fornivano assistenza infermieristica a soldati, pensionati e alle loro famiglie.

Un atto del Congresso istituì il Corpo delle infermiere della Marina il 13 maggio 1908. Subito dopo, le prime venti infermiere, più tardi conosciute come "Sacred Twenty", si presentarono in servizio. Tuttavia, gli infermieri non erano nuovi alla marina. Durante la guerra civile, diversi infermieri volontari prestarono servizio a bordo sul fiume Mississippi Red Rover, un fuorilegge confederato catturato convertito dalle forze dell'Unione in un ospedale galleggiante.

Il Navy Nurse Corps rimase una piccola organizzazione fino alla prima guerra mondiale, quando raggiunse una forza massima di 1,386 nel 1918. Gli infermieri della marina prestarono servizio negli ospedali negli Stati Uniti, in Gran Bretagna e in Francia, e anche con alcune unità militari in Francia. Nessun infermiere della marina è morto in azione, ma trentasei hanno ceduto per altre cause.

Nel 1920, le prime infermiere si presentarono alla nave ospedale USS Rilievo. Il Navy Nurse Corps si è ridotto drasticamente dopo la fine della guerra, con una media di soli 400-500 dipendenti durante gli anni '1930.

Il coinvolgimento delle infermiere della Marina nella seconda guerra mondiale iniziò immediatamente il 7 dicembre 1941. Infermieri a bordo della nave ospedale USS Conforto alle Hawaii ha curato le prime vittime dell'attacco giapponese a Pearl Harbor. Il Navy Nurse Corps raggiunse la sua forza massima di tutti i tempi con 11,086 infermieri in servizio attivo nel 1945, prestando servizio in 40 ospedali navali, 176 dispensari e 6 scuole di corpi ospedalieri negli Stati Uniti. All'estero, le infermiere della marina prestavano servizio a bordo di navi ospedale, partecipavano all'evacuazione aerea delle vittime e erano di stanza presso strutture terrestri nel Pacifico e in tutto il teatro Atlantico. La guerra spinse la marina ad assegnare il grado relativo alle infermiere il 1 ° luglio 1942. Nel 1944, il grado effettivo fu stabilito per durare per tutta la guerra più sei mesi. Nell'aprile 1947, l'Esercito-Navy Nurses Act istituì il Nurse Corps come un corpo di staff permanente della Marina degli Stati Uniti che conferiva grado permanente e parità di retribuzione.

Nel novembre 1964, gli infermieri maschi entrarono per la prima volta nel Corpo delle infermiere della Marina. Attualmente, rappresentano il 25% della forza complessiva del Corpo. Gli anni '1960 videro anche infermieri della marina che prestavano servizio a terra ea bordo di navi ospedale in Vietnam.

Nel 1972, il primo ufficiale del corpo infermieristico della Marina, Alene Duerk, fu nominato al grado di contrammiraglio, diventando la prima donna nominata al grado di bandiera nella Marina degli Stati Uniti. La tradizione dell'eccellenza continua. Nell'operazione Desert Shield / Desert Storm, le infermiere della marina prestarono servizio a terra ea bordo di due navi ospedale. Alla fine degli anni '1990, c'erano oltre 5,000 infermieri in servizio attivo e di riserva nella Marina degli Stati Uniti.
[Vedi anche Pratica medica nell'esercito; Donne nell'esercito.]

Bibliografia

Page Cooper, Navy Nurse, 1946. Storia del dipartimento medico della Marina degli Stati Uniti nella seconda guerra mondiale, 1953.
Mary Roberts, The Army Nurse Corps: Yesterday and Today, 1955.
Robert Piedmonte ee Cindy Gurney, Highlights in the History of the Army Nurse Corps, 1987.
Elizabeth Norman, Women at War: The Story of Fifty Military Nurses Who Served in Vietnam, 1990.

Constance J. Moore e e Jan Herman