convogli

Convogli. Impiegati dall'antichità classica per il passaggio sicuro del commercio terrestre e marittimo, nonché per il passaggio di popoli migranti e forze combattenti attraverso regioni ostili, i convogli si sono dimostrati di notevole importanza durante la penetrazione europea dell'Africa, dell'Oriente e delle Americhe. Il sistema di convogli marittimi dell'Inghilterra medievale, emerso all'inizio del XIII secolo, fornì il modello, fornendo navi di scorta armate sia per il commercio di lana attraverso la Manica che per il trasporto di truppe dirette a Calais e Bordeaux assediati.

All'inizio della conquista dell'America, la Spagna impiegò scorte ravvicinate e forze di supporto per salvaguardare i suoi galeoni del tesoro diretti a casa. Ha stabilito un sistema di convogli obbligatorio nel 1543, consentendo ai mercanti di Siviglia di inviare a flotta ("flotta") da trenta a novanta mercantili due volte all'anno per le Indie Occidentali, frustrando così i ripetuti attacchi da parte dei freebooters britannici e francesi. La stessa Armada del 1588 rappresentava una prefigurazione classica del moderno convoglio di truppe.

La successiva espansione inglese all'estero si basò non solo sull'impresa mercantile, una emergente Royal Navy e sul deliberato nutrimento del sistema coloniale attraverso gli Atti di Navigazione, ma anche sulla risoluta applicazione di

gli atti del convoglio, risalenti al 1650, che regolavano l'organizzazione dei convogli e richiedevano l'armamento dei mercantili. Durante il conflitto con la Francia dal 1674 al 1815, l'Inghilterra perfezionò, in particolare con il Compulsory Convoy Act del 1798, il complesso funzionamento dei suoi sistemi di convogli oceanici e costieri. Durante la quasi guerra americana con la Francia (1798-1800), le fregate statunitensi scortarono i convogli britannici nei Caraibi; meno di quindici anni dopo quelle fregate, aiutate da corsari, attaccarono i convogli transatlantici britannici con un successo limitato.

Con l'istituzione della Pax Britannica, il ruolo vitale dei convogli diminuì rapidamente. Nonostante la virtuale disintegrazione della marina mercantile americana durante la Guerra Civile, l'Ammiragliato britannico nel 1872 acconsentì all'abolizione del Compulsory Convoy Act, affidandosi in seguito al pattugliamento navale delle rotte marittime minacciate. Quella politica si è rivelata disastrosamente inefficace durante la prima guerra mondiale contro gli U-Boot tedeschi che attaccavano il commercio. Solo nel maggio 1917, quando le perdite di spedizione minacciarono la Gran Bretagna di una fame imminente e le navi di scorta statunitensi divennero disponibili, l'Ammiragliato reintegrò i convogli. Il vasto sistema di controllo della navigazione che si sviluppò, con il suo complesso apparato di intelligence, ridusse in modo decisivo le perdite di navi mercantili dirette in Gran Bretagna e salvaguardò i massicci movimenti di truppe americane in Francia.

I sistemi di convogli alleati durante la seconda guerra mondiale raggiunsero dimensioni mondiali, a causa della fenomenale portata dello sforzo di raid del commercio tedesco, che includeva una sostanziale minaccia della Luftwaffe nel Mare del Nord, nell'Artico e nel Mediterraneo. Gli Alleati eliminarono virtualmente i predoni di superficie tedeschi nel 1943, ma gli U-Boot tedeschi, operando singolarmente o in "branchi di lupi" di cinquanta o più sottomarini, estesero la strategia di "guerra di tonnellaggio" dal Nord Atlantico ai Caraibi, al Sud Atlantico e infine l'Oceano Indiano. L'esperienza degli alleati ha indicato sia l'impraticabilità suicida delle traversate di mercantili indipendenti sia la sorprendente economia delle formazioni di grandi convogli, in particolare come copertura aerea terrestre e basata su portaerei, localizzazione precisa dei singoli stalker tramite radar e cercatori di direzione ad alta frequenza e procedure evasive di instradamento dei convogli sempre più ostacolato il pattugliamento da ricognizione degli U-Boot

Con l'avvento delle armi nucleari, l'ampia dispersione dei convogli e l'impiego di trasporti aerei, come durante il ponte aereo di Berlino (1948-1949), divennero elementi caratteristici delle moderne operazioni di convoglio.

Bibliografia

Marcus, Geoffrey J. A Naval History of England: The Formative Centuries. Londra: Longmans, 1961.

Morison, Samuel Eliot. La storia delle operazioni navali degli Stati Uniti nella seconda guerra mondiale. Boston: Little, Brown, 1947.

Roskill, Stephen W. La guerra in mare: 1939-1945. Londra: HM Stationery Office, 1954.

Stati Uniti, dipartimento dell'esercito. Operazioni di convogli militari negli Stati Uniti continentali. Washington, DC: quartier generale, dipartimento dell'esercito, 1981.

Philip K.Lundeberg/cw