Conservazione storica

Alfred L. Brophy

Il National Historic Preservation Act (PL 89-665, 80 stat. 915), approvato per la prima volta nel 1966, stabilì la politica statunitense di preservare la storia, bilanciando tale conservazione con le preoccupazioni per un uso corrente ed efficiente della proprietà. È stato approvato in un momento di crescente consapevolezza culturale dell'importanza della conservazione storica, che è stata accresciuta perché la nazione stava attraversando un significativo cambiamento economico e sociale. Faceva parte del movimento degli urbanisti e degli architetti degli anni '1960 per rendere le città vivibili e preservare parte del carattere di quei luoghi. Quella rivoluzione nel pensiero, ispirata da opere come La morte e la vita delle grandi città americane di Jane Jacobs, ha sottolineato una cooperazione tra proprietari terrieri privati, sviluppatori e governo federale. L'atto si basava in parte sull'idea che lo sviluppo urbano e la creazione di autostrade stava distruggendo edifici storici ed era una risposta ad altri programmi federali, come i Federal Highway Acts. Se la conservazione potesse essere realizzata meglio lavorando con i proprietari terrieri, piuttosto che in opposizione a loro, l'atto potrebbe raggiungere quello scopo fornendo incentivi economici per la conservazione.

L'atto ha stabilito un quadro per la politica nazionale di conservazione storica, inclusa una disposizione per un Registro nazionale dei luoghi storici, che aveva più di 76,000 elenchi entro il 2003. Il registro, gestito dal National Park Service, è accessibile sul suo sito web. L'iscrizione nel registro è limitata alle proprietà considerate "significative" in uno o più aspetti della società e della cultura americana. Comprende tutti i parchi nazionali, 2,300 proprietà storiche nazionali designate dal Segretario degli interni a causa della loro importanza per tutti gli americani (come il General Motors Building a Detroit, Michigan, e la Ernest Hemingway House a Key West, Florida) e migliaia di altre proprietà nominate da governi, organizzazioni e individui locali a causa della loro importanza per la nazione, lo stato o la comunità.

Per essere elencata, una proprietà deve soddisfare standard rigorosi, inclusa una dimostrazione che la proprietà è "di importanza nella storia, architettura, archeologia, ingegneria e cultura americana", che è determinata da "posizione, design, ambientazione, materiali, lavorazione, sentimento e associazione ". Inoltre, la proprietà deve essere associata a "eventi che hanno dato un contributo significativo ai modelli generali della nostra storia", a "vite di persone significative nel nostro passato", essere architettonicamente significative o significative come sito archeologico.

Una proprietà può essere nominata dallo State Historic Preservation Officer (SHPO) dello stato in cui si trova la proprietà, o dal Federal Preservation Officer per la proprietà federale o dal Tribal Preservation Officer per la proprietà tribale. Spesso i privati ​​cittadini preparano le candidature per l'SPHO e quindi le domande vengono esaminate da un comitato di revisione statale composto da storici professionisti, architetti, archeologi e altri professionisti in settori correlati. Se il consiglio di amministrazione e l'SPHO approvano entrambi, la candidatura viene inviata al National Park Service per la sua considerazione. Durante tutto il processo, ai proprietari della proprietà viene data l'opportunità di commentare la designazione proposta. Quando il National Park Service sta valutando la designazione, sollecita anche un commento pubblico.

Ci sono quattro principali vantaggi nell'essere elencati nel registro storico nazionale. Innanzitutto, certifica la proprietà come storicamente significativa. In secondo luogo, deve essere prestata una considerazione speciale prima che la proprietà venga modificata da qualsiasi progetto finanziato o assistito a livello federale, il che aggiunge un ulteriore livello di controllo. Molte persone considerano un onere lo sviluppo di proprietà elencate quando il denaro federale viene utilizzato a causa di una procedura di revisione complicata. Di conseguenza, alcuni proprietari di immobili si oppongono all'annuncio della loro proprietà. Le restrizioni della legge sullo sviluppo furono ulteriormente ampliate nel 1996 dal presidente Clinton, che emanò l'Ordine esecutivo 13007, che richiedeva precauzioni extra per qualsiasi progetto di costruzione federale che potesse interferire con un sito sacro dei nativi americani.

Il terzo vantaggio dell'inserimento nell'elenco del Registro storico nazionale è che la proprietà può avere diritto a un finanziamento limitato per la conservazione storica. Infine, e soprattutto, la proprietà potrebbe beneficiare di vantaggi fiscali federali per il restauro. Esiste un credito d'imposta sugli investimenti del venti percento per la riabilitazione di proprietà che producono reddito, quindi la legge fornisce sia un incentivo per gli sviluppatori privati ​​a preservare la proprietà e limita l'uso del denaro federale per interferire con la proprietà storica.