Congresso nazionale degli indiani d’America

Congresso nazionale degli indiani d'America. La fondazione del National Congress of American Indians (NCAI) a Denver, in Colorado, nel 1944, rappresentò una pietra miliare nella storia indiana, perché significò la prima organizzazione politica intertribale nazionale controllata dagli indiani. Nel 1944, l'eredità dei collegi fuori prenotazione e del New Deal indiano, insieme alla recente esperienza in tempo di guerra, avevano convinto una nuova generazione di indiani della necessità di organizzarsi per far sentire la propria voce al Congresso e altrove. In particolare, D'Arcy McNickle (Flathead), Archie Phinney (Nez Perce) e Charles Heacock (Lakota) hanno ampiamente ideato e contribuito a organizzare la NCAI.

In tutto, ottanta delegati indiani da ventisette stati e in rappresentanza di più di cinquanta tribù, gruppi e associazioni hanno partecipato alla prima assemblea. Un anno dopo, la NCAI ha rivendicato membri di quasi tutte le tribù degli Stati Uniti. Sebbene all'inizio gli uomini costituissero in gran parte l'organizzazione, nel 1955 le donne costituivano almeno la metà dei delegati. I delegati presenti al congresso di fondazione rappresentavano una sezione trasversale abbastanza rappresentativa della leadership indiana a ovest del fiume Mississippi. Nel complesso, i partecipanti alla convention rappresentavano una miscela uguale di giovani e anziani, di sangue intero e di sangue misto, e professionisti distinti sia altamente istruiti che meno formalmente istruiti, e indiani meno conosciuti.

Nei suoi primi anni la NCAI ha combattuto per proteggere i diritti dei nativi dell'Alaska, per porre fine alla discriminazione di voto, per creare la Indian Claims Commission (istituita nel 1946), per promuovere il diritto a consulenti indipendenti senza interferenze o controlli del governo federale, per fermare la legislazione sulla risoluzione porre fine al governo tribale e spingere per una maggiore partecipazione indiana ai processi decisionali del governo. Approvando ampie risoluzioni, i fondatori hanno mappato una strategia politica che ha attratto molti indiani. Inoltre, guidando un corso moderato, la leadership della NCAI ha diminuito il rischio di allontanare gli indiani delle riserve dall'urbano, i più assimilati dai meno, i nativi americani più anziani dai più giovani e gli individui dei gruppi tribali.

L'NCAI ha svolto un ruolo significativo negli affari indiani della fine del ventesimo secolo. La sua enfasi sui diritti dei trattati, la sovranità tribale e le questioni di identità non aveva eguali nei precedenti sforzi intertribali. L'NCAI era meno preoccupato dei precedenti movimenti intertribali indiani del ventesimo secolo per i benefici dell'assimilazione indiana e più preoccupato per i diritti di gruppo degli indiani e per gli interessi all'interno delle comunità tribali. In pratica, il gruppo ha offerto alle tribù assistenza legale e informazioni e ha fatto pressioni per gli interessi indiani davanti ai tribunali, al Congresso e al Bureau of Indian Affairs. I suoi leader hanno usato le armi convenzionali della politica per promuovere gli interessi dei popoli indiani. Non strettamente limitato alle questioni nazionali, ha anche combattuto campagne a livello locale e regionale.

Ancora più importante, lo scarso successo dell'NCAI ha contribuito ad aprire un'arena politica più ampia all'interno della quale gli attivisti indiani contemporanei si sono espressi e sono stati impegnati programmi. A partire dagli anni '1960, nuovi gruppi di attivisti indiani come l'American Indian Movement e il National Indian Youth Council usarono l'energia della NCAI come trampolino di lancio per forgiare nuovi movimenti politici che impiegavano il confronto diretto e la disobbedienza civile. L'influenza della NCAI è leggermente diminuita negli anni '1980 e '1990 quando l'attivismo indiano si è spostato dall'arena legislativa ai tribunali, ma è rimasta una delle organizzazioni indiane più importanti.

Bibliografia

Cowger, Thomas W. Il Congresso Nazionale degli Indiani d'America: gli anni della fondazione. Lincoln: Pressa dell'Università del Nebraska, 1999.

Hertzberg, Hazel. La ricerca di un'identità indiana americana: moderni movimenti pan-indiani. Syracuse, NY: Syracuse University Press, 1971.

Thomas W.Cowger