Congresso delle chiese nere nazionali, inc.

Il Congresso delle Chiese Nazionali Nere (CNBC), un'organizzazione religiosa interconfessionale, è un'organizzazione ombrello di otto principali denominazioni afroamericane che rappresenta 65,000 chiese e oltre 20 milioni di individui. Con sede a Washington, DC, la CNBC è stata fondata nel 1978 dal vescovo John Hurst Adams della Chiesa episcopale metodista africana per stabilire il dialogo all'interno della comunità afro-americana attraverso le linee denominazionali e per facilitare l'azione collettiva della chiesa. Unisce le seguenti denominazioni: Episcopale metodista africano; Sion episcopale metodista africano; Episcopale metodista cristiano; Chiesa di Dio in Cristo; Convenzione Battista Nazionale d'America, Inc .; la National Baptist Convention, USA, Inc .; Convenzione Nazionale Missionaria Battista d'America; e Progressive National Baptist Convention, Inc. Il consiglio di amministrazione della CNBC è composto da quattro rappresentanti di ciascuna denominazione e si riunisce due volte l'anno. Uno staff di circa venti persone, guidato da un direttore esecutivo, implementa la politica e mantiene l'organizzazione in funzione giorno per giorno.

La piattaforma della CNBC ha due obiettivi. In primo luogo, si sforza di fornire una guida morale agli afroamericani, migliorare la spiritualità e rafforzare i valori. In secondo luogo, il Congresso opera come agenzia di servizi sociali, fornendo assistenza materiale per soddisfare i bisogni dei poveri e aumentare il potere della comunità afroamericana. Tiene seminari e assegna borse di studio a coloro che sono interessati al ministero come carriera. In passato il Congresso ha avviato una campagna antidroga per fornire assistenza e informazioni ai gruppi della comunità che vogliono liberare il loro vicinato dalla droga e ha discusso la possibilità di fornire un'assicurazione sanitaria per un numero maggiore di afroamericani. Nel 1993, in collaborazione con Africare, ha raccolto oltre $ 100,000 per le persone affamate della Somalia. Secondo il vescovo Adams, la visione include "organizzare il potere istituzionale della chiesa nera per affrontare i bisogni pragmatici della comunità nera. È usare il potere per alleviare il dolore; usare il potere per aumentare le possibilità".

Una delle iniziative più note e di successo della CNBC, che combina entrambi questi obiettivi, è Project SPIRIT (Forza, Perseveranza, Immaginazione, Responsabilità, Integrità e Talento). Lanciato nel 1985, SPIRIT ha come componente centrale un programma di tutoraggio doposcuola e di costruzione del morale. Altri aspetti di questo progetto, che è progettato per rafforzare la famiglia nera, sono una sessione settimanale per i genitori sull'educazione dei figli e sessioni di consulenza per preparare i pastori ad affrontare i problemi familiari. Un altro importante progetto della CNBC è stata la creazione nel 1984 della Church Insurance Partnership Agency, un'alleanza tra chiese e compagnie di assicurazione, che fornisce alle chiese una copertura di proprietà e responsabilità. Più recentemente la CNBC ha avviato un dialogo sulla sessualità per esaminare l'AIDS, le malattie sessualmente trasmissibili, l'omosessualità, le relazioni uomo-donna e il controllo delle nascite all'interno della comunità nera. All'inizio degli anni 2000, la CNBC ha iniziato a lavorare su altri progetti socialmente e politicamente importanti, inclusa la collaborazione con una grande azienda di telecomunicazioni per espandere l'accesso a Internet e alla tecnologia alle comunità svantaggiate.

Guarda anche Chiesa episcopale metodista africana; Chiesa Metodista Episcopale Africana di Zion; Chiesa episcopale metodista cristiana; Convenzione battista nazionale, USA, Inc.

Bibliografia

"Salvezza economica". Impresa nera (1984 giugno 56): XNUMX.

"Il dibattito sulla salute infuria". Impresa nera (Maggio 1992): 20.

Poinsett, Alex e Avery Russell. "Chiese nere: possono rafforzare la famiglia nera?" Visioni americane (Ottobre 1988): 9-10.

Visioni: The Congress of National Black Churches, Inc. (newsletter) 3, n. 1 (primavera 1993).

premilla nadasen (1996)
Aggiornato dall'editore 2005