Comitati di sicurezza

I comitati di sicurezza costituivano il ponte tra l'ordine politico coloniale, in cui le istituzioni alla fine derivavano autorità dalla Corona, e l'ordine repubblicano americano, in cui la fonte del potere era "il popolo". John Adams ha scritto in Pensieri sul governo (1776) della necessità di "scivolare insensibilmente" dal vecchio ordine al nuovo. Ma questi comitati erano profondamente rivoluzionari e profondamente dirompenti.

Il movimento del comitato ha attraversato tre fasi. Nella prima fase i comitati di corrispondenza informali e creati a livello locale hanno scambiato informazioni. La seconda vide comitati di osservazione che imponevano l'Associazione Continentale, che consisteva nel boicottaggio del commercio britannico ordinato dal Primo Congresso Continentale nel settembre 1774. Nella terza fase i comitati di sicurezza assunsero pieni poteri governativi mentre le istituzioni del vecchio ordine crollarono.

In Massachusetts l'intero processo fu completato entro l'autunno del 1774. Piuttosto che sottomettersi al Massachusetts Government Act, le città decisero di non consentire l'apertura dei tribunali della Corona. Le chiusure sono avvenute senza violenza, ma i cittadini che hanno incontrato i giudici sono stati armati e inseriti in compagnie di milizia. Da allora fino a quando il Commonwealth non adottò una costituzione nel 1780, il potere a livello di città e contea fu nelle mani di comitati scelti dalle riunioni cittadine. La massiccia affluenza di miliziani per affrontare i soldati regolari britannici in ritirata dopo gli scontri a fuoco a Lexington e Concord il 19 aprile 1775 crebbe direttamente dal successo dei comitati nell'organizzare i cittadini per il conflitto.

Altrove lo sviluppo è stato più lento. Sebbene l'associazione richiedesse comitati di ispezione "in ogni città, contea e paese", questi comitati apparivano per lo più nei porti principali come New York City e in centri commerciali minori come Albany. I non-New England non formarono comitati di governo fino alla fine di aprile e all'inizio di maggio 1775, quando i viaggiatori espressi portarono la notizia della guerra in Massachusetts. Le assemblee popolari elessero i nuovi comitati, che erano notevolmente più grandi e molto più diffusi dei loro predecessori. Sia per questo motivo sia perché le elezioni erano frequenti, i comitati hanno portato molti precedenti outsider al centro degli affari. Una volta formati i comitati di sicurezza, gli americani ribelli si sono trovati in una situazione di "doppio potere", con due gruppi di istituzioni che gareggiavano per il potere.

Inizialmente i membri del comitato di Albany, New York, erano riluttanti a trasferirsi nella camera del consiglio comunale. Ma quando i membri del comitato assumevano sempre più funzioni governative, il vecchio sindaco, il consiglio comune e le corti svanirono. Scritta in grande, la storia di Albany potrebbe essere raccontata in molti luoghi. Quando il Congresso nel maggio 1776 ha chiesto l'estinzione del governo reale, poco è rimasto effettivamente. I comitati stavano incontrando sia i compiti ordinari del governo regolare che i compiti straordinari della rivoluzione e della guerra.

Presumibilmente l'autorità dei comitati è terminata con l'entrata in vigore delle nuove costituzioni statali. In pratica il passaggio al governo costituzionale ha richiesto tempo. La costituzione di New York descriveva i comitati come "espedienti temporanei", ma i comitati di sicurezza si riunivano ancora mesi dopo la proclamazione della costituzione. I commit riapparvero negli stati del nord nel 1779 in risposta a una crisi economica provocata da un'inflazione drastica. Scivolare "insensibilmente" non era il modo in cui il vecchio ordine cedeva al nuovo.

Bibliografia

Bushman, Richard L. King e People nel Massachusetts provinciale. Chapel Hill: University of North Carolina Press, 1985.

Contadino, Edward. A People in Revolution: The American Revolution and Political Society in New York, 1760-1790. Baltimora: Johns Hopkins University Press, 1981.

Fischer, David Hackett. Paul Revere's Ride. New York: Oxford University Press, 1994.

Holton, Woody. Fondatori forzati: indiani, debitori, schiavi e la realizzazione della rivoluzione americana in Virginia. Chapel Hill: University of North Carolina Press, 1999.

Ryerson, Richard Alan. La rivoluzione è iniziata: The Radical Committees of Philadelphia, 1765–1776. Philadelphia: University of Pennsylvania Press, 1978.

EdwardContadino