Colonie di Raleigh

Colonie di Raleigh. Sir Walter Raleigh e il suo fratellastro, Sir Humphrey Gilbert, furono autorizzati a colonizzare le terre e nel 1578 equipaggiarono una flotta di navi corsare e fecero rotta verso le Indie occidentali. Raleigh aveva un grande interesse per un viaggio di Terranova del 1583, durante il quale Gilbert si perse. Nel 1584, Raleigh pianificò una spedizione, comandata da Philip Amadas e Arthur Barlowe. Arrivò al largo delle coste dell'attuale North Carolina il 13 luglio 1584; ha preso possesso dell'area in nome della regina; esplorato le insenature, le isole e la terraferma a sud di Chesapeake Bay; e tornò in Inghilterra con pelli, una collana di perle e due giovani indiani, Manteo e Wanchese. Furono messi in mostra a Londra e usati per aumentare il sostegno per la prossima spedizione di Raleigh. La regina Elisabetta I acconsentì al nome della terra Virginia in suo onore, nominò Raleigh il 6 gennaio 1585 come risultato di questa spedizione e lo nominò signore e governatore della Virginia.

La regina Elisabetta non permise a Raleigh di rischiare viaggi pericolosi, così nel 1585 organizzò una spedizione coloniale a Roanoke Island, al largo della costa della Carolina del Nord. Era guidato da Sir Richard Grenville, con Ralph Lane come governatore. Lo sbarco a luglio era troppo tardi nella stagione e gran parte del seme portato con sé era rovinato dall'acqua salata. Grenville tornò in Inghilterra, prelevando ulteriori campioni di merci commerciali indiane, lasciando Lane al comando di 107 uomini, incluso Manteo. La spedizione del 1586 di Sir Francis Drake era destinata principalmente a catturare le navi del tesoro spagnole, ma visitò la colonia di Roanoke, forse perché la spedizione era stata finanziata in parte da Raleigh. Drake arrivò al largo della costa il 10 giugno e fece inviare rifornimenti ai coloni. Lane voleva accettare l'offerta di Drake di ulteriore assistenza, compresi cibo e barche, e trasferirsi a nord, nella baia di Chesapeake. La prevista nave di soccorso dall'Inghilterra era considerevolmente in ritardo e la maggior parte dei coloni desiderava disperatamente partire. Quando Drake si offrì di portarli a casa con la sua flotta, tutti lasciarono l'insediamento. Grenville arrivò nell'agosto del 1586 per non trovare nessuno nella colonia. Ha lasciato quindici uomini con abbondanza di provviste, ma il loro destino è sconosciuto. Nel 1587, Raleigh organizzò una seconda colonia, una che includeva donne e bambini, con John White come governatore. Raleigh ordinò ai suoi capitani di insediare la colonia cento miglia più a nord, in un sito sulla baia di Chesapeake che avrebbe preso il suo nome. Tuttavia, uno dei capitani, Simon Fernandez, governò Raleigh e una colonia fu fondata ancora una volta a Roanoke Island. Quando White lasciò con riluttanza la colonia per tornare a casa per i rifornimenti, c'erano ottantacinque uomini, diciassette donne e undici bambini. Questa colonia scomparve tra la partenza di White nell'agosto del 1587 e il suo ritorno nell'agosto del 1590. I membri della spedizione di soccorso di White nel 1590 videro del fumo vicino alla colonia e pensarono che fosse un segnale. Hanno sparato con un cannone per indicare che erano arrivati. Sei dell'equipaggio di soccorso, compreso il capitano Edward Spicer, annegarono durante lo sbarco alla colonia; i sopravvissuti non hanno trovato nessuno lì. Era stato convenuto che i coloni, se fossero dovuti partire, avrebbero inciso un messaggio sulla palizzata del forte, per dire dove erano andati. White ha trovato una incisione della parola "CROATOAN", il nome di un'isola in cui Manteo era nato e aveva ancora amici. White, tuttavia, non è stato in grado di convincere il capitano Abraham Cooke a controllare Croatoan. Nel gruppo perduto c'era la figlia di White, Ellinor, la madre di Virginia Dare, la prima bambina inglese nata in America. Gli indiani Lumbee (un popolo misto indiano-bianco) della contea di Robeson, nella Carolina del Nord, affermano di essere i discendenti diretti dei membri della colonia perduta di Raleigh su quella che ora è chiamata Isola di Croatan.

L'ultimo tentativo di colonizzazione di Raleigh fu nel 1603. Bartholomew Gilbert aveva ricevuto istruzioni per stabilire una nuova colonia nell'area di Chesapeake Bay. Un gruppo sbarcò il 10 maggio, ma gli indiani uccisero Gilbert. Il resto dell'equipaggio fu scoraggiato e tornò in Inghilterra a settembre. Quando tornarono, Raleigh era nella Torre di Londra con l'accusa di cospirazione e i suoi diritti sul Nuovo Mondo erano tornati alla Corona.

Bibliografia

Durant, David N. Colonia perduta di Raleigh. New York: Ateneo, 1981.

Quinn, David Beers. Raleigh e l'Impero britannico. Londra: Hodder e Stoughton, 1947.

Quinn, David Beers, ed. The Roanoke Voyages, 1584–1590. 2 voll. Ristampare. New York: Dover, 1991.

Winton, John. Sir Walter Raleigh. New York: Coward, McCann, 1975.

Michelle M.La tomba