Collina di Herbert

Uno studioso americano e attivista per i diritti civili, Herbert Hill (nato nel 1924), direttore nazionale del lavoro per la National Association for the Advancement of Colored People dal 1948 al 1977, è stato ampiamente riconosciuto come una delle principali autorità in materia di discriminazione razziale, lavorativa e lavorativa nel Stati Uniti.

Herbert Hill è nato il 24 gennaio 1924 a Brooklyn, New York. Fu educato nel sistema scolastico pubblico della città e frequentò la New School for Social Research e la New York University, conseguendo la laurea da quest'ultima nel 1945. Nel 1947 divenne un organizzatore per la United Steel Workers of America, e in 1948 è entrato a far parte dello staff della National Association for the Advancement of Colored People (NAACP), dove ha servito come direttore nazionale del lavoro fino al 1977.

Come direttore del lavoro NAACP, Hill, un uomo bianco, è diventato una figura di spicco nella lotta per raggiungere l'uguaglianza del lavoro per i lavoratori afroamericani negli Stati Uniti. Il suo lavoro ha coinvolto sia borse di studio che attivismo politico. Ha condotto ricerche approfondite sulla discriminazione sul lavoro nell'industria americana e nei sindacati che hanno portato alla pubblicazione di numerosi articoli e monografie. Questo corpo di ricerca è diventato la base per il contenzioso della NAACP presso i tribunali federali su questioni riguardanti la discriminazione da parte dei sindacati e delle imprese industriali.

Hill ha spesso testimoniato nei tribunali federali come testimone esperto in casi di discriminazione sul lavoro ed è stato invitato a comparire dinanzi a numerosi organi legislativi statali, il Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti, la Commissione dei diritti civili degli Stati Uniti e la Commissione per le pari opportunità di lavoro. In qualità di critico esplicito del razzismo e della discriminazione nell'industria americana e nel lavoro organizzato, Hill attraverso la sua ricerca e il suo sostegno ha dato un contributo importante allo sviluppo della giurisprudenza, della legislazione e delle procedure amministrative che vietano la discriminazione sul lavoro e assicurano pratiche di lavoro eque ed eque negli Stati Uniti .

Nella sua carriera Hill ha pubblicato più di 50 monografie, saggi e articoli che trattano i problemi della razza e del lavoro. Gli studi di Hill sono apparsi in molte delle principali riviste nazionali di diritto, relazioni industriali, politica sociale e opinione liberale. Nel 1979 ha pubblicato il primo volume di Black Labour e il sistema legale americano, salutato come lo studio definitivo dello sviluppo della legge e della legislazione americana in materia di discriminazione sul lavoro.

Oltre al suo lavoro sulla razza e sul lavoro, Hill ha anche contribuito alla letteratura sulle arti e sulle lettere afroamericane, comprese due raccolte Soon One Morning: New Writings by Black American Writers con Anger and Beyond: The Negro Writer negli Stati Uniti. Nel 1964 Hill è stato direttore dell'University of California, seminario di Berkeley su "The Negro Writer negli Stati Uniti", e nel 1966 è stato consulente di programma per l'Università della California, la serie annuale di Los Angeles "American Art and Culture: The Contributo di Negro. "

Hill è stato consulente speciale per la Conferenza delle Nazioni Unite sulla prevenzione della discriminazione e la protezione delle minoranze e come consulente sulla politica della manodopera del Ministero del lavoro israeliano e della Commissione per le pari opportunità di lavoro degli Stati Uniti ed è stato presidente della Commissione consultiva statale del Wisconsin per la Commissione americana sui diritti civili. Nominato professore in visita in diverse università americane, dopo il suo pensionamento nel 1977 come direttore del lavoro NAACP, Hill ha tenuto una nomina congiunta come professore presso il Dipartimento di studi afroamericani e l'Istituto di ricerca sulle relazioni industriali presso l'Università del Wisconsin, Madison. Hill ha anche continuato a scrivere, tenere conferenze e consulenze su questioni di discriminazione sul lavoro e ha lavorato al volume due di Black Labour e il sistema legale americano, che si occupa degli sviluppi dal passaggio del titolo VII del Civil Rights Act del 1964.

Un membro del Progressive Editorial Advisory Board, Hill, insieme a James E. Jones, Jr., a cura di Race in America: The Struggle for Equality nel 1994. Comprende saggi di scrittori come Julius Chambers, Kenneth Clark, Derrick Bell e Eddie Williams. La raccolta si concentra sulla persistenza della discriminazione razziale. Ha pubblicato anche Hill Lavoro nero e sistema legale americano: razza, lavoro e legge in 1985.

Ulteriori letture

Il lavoro di Hill come direttore del lavoro NAACP è discusso in Phillip S. Foner, Lavoro organizzato e operaio nero, 1619-1981, e in Ray Marshall, "Il negro e l'AFLCIO", in John H. Bracey, Jr., August Meier ed Elliot Rudwick (a cura di), Lavoratori neri e lavoro organizzato. Lo stesso Hill ha scritto due articoli sul lavoratore nero per il Journal of Negro Education, vol. 30 (primavera 1961) e vol. 38 (primavera 1969). Vedi anche "Razza ed etnia nel lavoro organizzato: le fonti storiche della resistenza all'azione affermativa" in Il progressivo (Luglio 1985). □