Circa, olaudah equiano (1745-1797)

Liberto, marinaio, scrittore e abolizionista

Sfondo. Olaudah Equiano (pronunciato o-lah-oo-day ek-wee-ah-no), noto anche con il suo nome europeo Gustavus Vassa, condusse una vita straordinaria come schiavo in diversi possedimenti inglesi, un veterano della Guerra dei Sette Anni, un marinaio molto viaggiato e uno dei primi abolizionisti che lavorò per porre fine alla tratta degli schiavi britannica. Equiano nacque come membro della tribù Ibo nell'attuale Nigeria intorno al 1745. All'età di undici anni fu catturato insieme a sua sorella da mercanti di schiavi africani. I due furono presto separati quando Equiano fu scambiato di villaggio in villaggio, dove lavorò per una varietà di maestri. Quando raggiunse la costa dell'Africa occidentale, Equiano fu acquistato da uno schiavista europeo e incatenato insieme a molti altri prigionieri nella stiva calda e puzzolente di una nave di schiavi. Fu quindi trasportato per migliaia di miglia nell'isola caraibica di Barbados, le cui piantagioni di zucchero ne fecero la colonia britannica più ricca del XVIII secolo. Quando nessun piantatore delle Barbados acquistò Equiano, fu portato in Virginia, dove lavorò brevemente in una piantagione di tabacco.

Marinaio e veterano. Solo poche settimane dopo il suo acquisto in Virginia, Equiano fu nuovamente venduto a un ufficiale di marina britannico di nome Michael Henry Pascal. Durante la navigazione con Pascal in Inghilterra nel 1757 incontrò un virginiano di nome Richard Baker, che iniziò a insegnargli a leggere e scrivere. Successivamente Equiano ha colto ogni opportunità per migliorare le sue capacità di lettura e scrittura e per accrescere le sue conoscenze. La Guerra dei Sette Anni era già iniziata, e gli anni di guerra con il Capitano Pascal permisero a Equiano di diventare un abile marinaio mentre prestava servizio su navi militari nell'Oceano Atlantico e nel Mar Mediterraneo. Alla fine della guerra, nel 1763, Equiano fu nuovamente venduto, questa volta a un mercante di Philadelphia Quaker di nome Robert King. Le sue abilità di marinaio in grado di leggere, scrivere e calcolare lo hanno reso un prezioso assistente negli affari di King: spedire zucchero, schiavi e prodotti agricoli tra i Caraibi, la Georgia e la Carolina del Sud. Mentre navigava di porto in porto per conto di King, Equiano poté avviare una sua piccola attività commerciale. Mise da parte i soldi che guadagnava e nel 1766 ne aveva accumulati abbastanza per acquistare la sua libertà.

Nuova vita. Nel decennio successivo al suo mandato, Equiano continuò a lavorare come marinaio su navi mercantili e visitò vari porti americani. Una volta a Savannah, in Georgia, assistette a una funzione guidata dal grande evangelista inglese George Whitefield. Il potente sermone del sacerdote indusse Equiano a pensare al paradiso, all'inferno e alla salvezza, pensieri che lo turbarono per diversi anni. Infine nel 1774 ha sperimentato una conversione religiosa durante la visita a Cadice in Spagna. Questa esperienza calmò le sue ansie sulla sua anima e instillò in lui un desiderio di adorazione e di lettura della Bibbia che lo portò a contatto con gruppi di persone che condividevano esperienze simili. Anche i quaccheri, gli anglicani ei metodisti inglesi e americani che incontrò condividevano la determinazione a lavorare contro la tratta degli schiavi nella speranza di porla un giorno alla fine. Equiano divenne un importante referente per questi primi abolizionisti mentre trasportava notizie tra Inghilterra e America sugli orrori della schiavitù e su una coraggiosa attività antischiavista. Con la pubblicazione di L'interessante narrazione della vita di Olaudah Equiano nel 1789 lo stesso Equiano divenne un potente portavoce dell'abolizione della schiavitù. La sua autobiografia lo ha catapultato alla fama internazionale. Nel 1792 sposò una donna inglese, Susan Cullen, che gli diede due figlie, Anna Maria e Johanna. Susan Cullen Vassa morì pochi mesi dopo la nascita di Johanna, ed Equiano morì nel 1797. Johanna morì due mesi dopo il padre, ma Anna Maria gli sopravvisse fino all'età adulta.