Ch’i pai-shih

Ch'i Pai-shih (1863-1957) è stato uno dei più grandi pittori cinesi dei tempi moderni. Ha guidato la rinascita dello stile pittorico tradizionale cinese.

Ch'i Pai-shih, chiamato anche Ch'i Heng e Ch'i Weich'ing, è nato in una piccola fattoria vicino Hsiang-t'an, nella provincia di Hunan. La sua famiglia era molto povera e il ragazzo non era in grado di ottenere un'istruzione normale. Quando Ch'i aveva 6 o 7 anni, suo nonno, scrivendo con le pinze da fuoco sulla cenere della stufa, iniziò a insegnare ai ragazzi i caratteri. Consapevole del suo desiderio di studiare, sua madre ha risparmiato con cura le loro scarse risorse e quando aveva 9 anni è riuscita a mandarlo alla scuola del villaggio gestita da suo padre. In meno di un anno, tuttavia, Ch'i fu necessario nella fattoria e dovette lasciare la scuola.

Per continuare i suoi studi, Ch'i appendeva un libro alle corna del bufalo d'acqua che tendeva e leggeva nei campi. Anche Ch'i iniziò a dipingere in questo periodo. All'età di 12 anni era chiaro che il ragazzo era troppo fragile e debole per la vita di fattoria, e fu apprendista da un falegname, passando dall'età di 15 anni dal lavoro approssimativo a quello del legno fine. Nella sua tarda adolescenza e all'inizio degli anni '20 Ch'i era ampiamente conosciuto come un abile artigiano professionista. Come era consuetudine tra le famiglie povere, Ch'i era stato sposato nel 1874, all'età di 11 anni, con una ragazza del villaggio di 12 anni. Il primo dei loro figli è nato circa 7 anni dopo.

Inizio come pittore

Mentre era ancora apprendista falegname, Ch'i scoprì una copia consumata di Il manuale di pittura del giardino di semi di senape, i cui modelli figurali sono stati utilizzati per intagliare i disegni. Il suo studio della pittura nel tempo libero fu riacceso da questa scoperta, la sua prima vera conoscenza della pratica ortodossa della pittura. All'età di 27 anni aveva ottenuto un certo successo come ritrattista ed era in grado di sostenere la sua famiglia esclusivamente attraverso le sue attività di artista.

Allo stesso tempo Ch'i incontrò molti dei principali studiosi e artisti della regione e con loro iniziò a studiare poesia, pittura e intaglio di foche. Spinto a studiare la poesia T'ang, lo fece solo con la massima difficoltà a causa della sua scarsa educazione iniziale. Perseverò, tuttavia, e alla fine divenne un poeta molto affermato.

Viaggi per istruzione

All'età di 40 anni, lasciando casa per la prima volta, Ch'i intraprese un viaggio attraverso la Cina che lo portò in molti dei luoghi panoramici sacri e delle montagne sacre del paese. Durante i suoi viaggi iniziò a sviluppare il suo interesse per la varietà della pittura chiamata hsieh-i ("esprimere l'idea"), un metodo diverso dal modo di rappresentazione più ortodosso.

Il suo viaggio ha tenuto Ch'i lontano per 7 anni. Quando tornò a casa, acquistò e ristrutturò una grande, vecchia casa, nella quale ora si ritirò per studiare e dipingere. Metà della vecchia guida per un'istruzione completa - "Percorri 10,000 miglia e leggi 10,000 libri" - era soddisfatta ed era determinato a leggere 10,000 libri. Ora era padre di tre figli e due figlie, e poco dopo il suo ritorno nacque il primo dei suoi nipoti.

Durante i suoi viaggi Ch'i aveva realizzato innumerevoli schizzi e iniziò a trasformarli in opere finite. Nel tempo libero piantava ogni sorta di alberi e arbusti intorno alla casa e allevava pesci, uccelli, gamberetti, piccoli animali e insetti. Il suo studio affettuoso di queste piante e creature ha successivamente portato ad alcuni dei più bei dipinti della recente storia cinese.

Spostati a Pechino

Questo è stato il periodo durante il quale l'impero cinese è finalmente crollato e la Repubblica di Cina è nata. Era un'epoca di grande instabilità e disordine, e per due volte Ch'i fu costretto a fuggire a Pechino per sicurezza. Dall'età di circa 60 anni visse stabilmente a Pechino, insegnando all'Istituto d'arte di Pechino.

Nel 1919, la moglie di Ch'i gli regalò una concubina di nome Perla Preziosa. Con Precious Pearl ebbe altri quattro figli e diverse figlie, l'ultima nata quando il pittore aveva 78 anni. Nel 1941, in seguito alla morte della moglie, sposò Precious Pearl.

Il periodo più bello della crescita di Ch'i come pittore iniziò con il suo trasferimento a Pechino. Ora era in grado di acquisire una familiarità molto maggiore con le opere dei suoi noti predecessori, Tao-chi e Pa-ta shan-jen del XVII secolo e Wu Ch'ang-shih e Chao Chih-ch'ien del XIX. Invecchiando, la sua creatività, freschezza e vigore artistico sembrano solo essere cresciuti. Molte delle sue opere migliori sono state realizzate negli anni '17 e '19.

Durante l'occupazione giapponese di Pechino dal 1937 al 1945, Ch'i si ritirò dai suoi incarichi di insegnante per protesta e si ritirò a casa sua. Con l'istituzione della Repubblica popolare cinese il vecchio pittore divenne un eroe culturale. Successivamente è stato onorato di ogni risorsa che un popolo grato poteva raccogliere. Nel 1953 una delegazione statale lo invitò a congratularsi per il suo novantesimo compleanno. Il fragile, snello Ch'i, debole e malaticcio da ragazzo, morì nel 1957 all'età di 94 anni. Solo due volte nella sua vita era rimasto 10 giorni senza dipingere, una volta a 63 anni quando giaceva malato e vicino morte, la seconda volta un anno dopo, quando sua madre morì.

Ulteriori letture

Per i dipinti di Ch'i vedi Yakichiro Suma, Ch'i Pai-shih (1960). C'è un buon resoconto della vita e dell'arte di Ch'i Pai-shih in Michael Sullivan, L'arte cinese nel ventesimo secolo (1959). □