Chastushka

Una miniatura lirica popolare russa moderna molto popolare o una breve canzone eseguita da solo o da un coro in uno stile monotematico.

Derivato dalla parola russa chasto che significa "rapido", il chastushka ha una struttura molto semplice, di solito costituita da stanze di quattro versi che vengono ripetutamente cantate a un ritmo rapido. Aveva le sue origini in canzoni contadine ritmiche semplici e ripetitive, solitamente basate su detti e proverbi popolari ed eseguite come aperture per cicli di musica da ballo. L'avvento della balalaika (uno strumento musicale a due e più tardi a tre corde) nel XVIII secolo, utilizzato principalmente per accompagnare le esibizioni di danza, contribuì a cristallizzare il chastushka in un nuovo genere musicale all'inizio del XIX secolo. Dalla metà del XIX secolo, l'armonica iniziò a svolgere un ruolo sempre più importante come strumento di accompagnamento e divenne presto lo standard. Oggi, chastushki sono di quattro tipi principali: i canti lirici a quattro e sei versi, satirici (a volte osceni), ecc. accompagnati da canti corali; canti da ballo; paradossali e favolosi; e due versi di "sofferenza" o canti di lamento. Il satirico chastushki sono stati i più comuni, in gran parte per la loro natura divertente e didattica, nonché per il loro utilizzo nell'esprimere i pensieri socio-politici della giornata. Le crescenti lamentele sociali e politiche, in particolare dopo le Grandi Riforme del 1861 e l'industrializzazione, furono comunemente espresse in queste chastushki che satirava il regime zarista, i nobili e la Chiesa. In questo modo, il chastushka divenne un veicolo per sfogare la crescente frustrazione dei contadini e degli operai dell'industria. Le sue origini contadine e la struttura semplice hanno reso il chastushka una forma molto attraente per diffondere la propaganda sovietica e progettare un nuovo cittadino sovietico "socialmente e politicamente consapevole" dopo le rivoluzioni del 1917.