Charles x gustav (svezia) (1622-1660; governata dal 1654 al 1660)

Charles x gustav (svezia) (1622–1660; governò 1654–1660), re di Svezia; figlio di John Casimir di Pfalz-Zweibrücken e Katherine, la sorellastra di Gustavus II Adolphus. Charles X Gustav è nato e cresciuto in Svezia. Insegnante di storia, politica, legge, lingue moderne e guerra, ha trascorso quasi tre anni in un grande tour del continente. Nel 1642, si unì alle forze svedesi in Germania, dove acquisì esperienza militare e diplomatica e prese parte alla campagna contro la Danimarca nel 1643-1645 (Guerra di Torstensson), che portò la Svezia a conquistare Jämtland e Härjedalen in Norvegia, Halland sulla costa occidentale e Gotland. Per tutta la vita ha mostrato una notevole capacità di lavorare sodo in qualunque sfida gli si trovasse davanti. Era anche incline agli attacchi di depressione e amava eccessivamente il cibo, le bevande e le donne.

Charles ha svolto un ruolo importante nella complessa questione della successione. La linea maschile della dinastia Vasa si concluse con Gustavo II Adolfo. Sua figlia Christina, che aveva solo sei anni alla sua morte, era la sua unica erede legittima. La nobiltà del consiglio ha approfittato di questa situazione per rafforzare la sua posizione costituzionale, e la monarchia rischiava di diventare poco più che simbolica. Christina si oppose a questa tendenza, soprattutto dopo aver raggiunto la maggiore età nel 1644, e considerava fondamentale assicurare la successione. Il matrimonio era la soluzione più ovvia e suo cugino Charles era il candidato più probabile. Christina ha incoraggiato questa idea fino a quando nel 1645, quando ha chiarito che non poteva sposarsi. Rifiutare Charles come possibile marito non significava rifiutarlo come suo successore. Era il benvenuto a corte; lo nominò comandante delle forze svedesi in Germania nel 1648 e un anno dopo ottenne l'approvazione del parlamento della sua successione. Dopo l'incoronazione di Christina nel 1650, Carlo trascorse la maggior parte del suo tempo nelle sue tenute a Öland.

Carlo X Gustavo fu incoronato re il 6 giugno 1654, lo stesso giorno in cui Cristina si dimise e si preparò a lasciare la Svezia. Fu il fondatore della dinastia Pfalz / Wittelsbach, che comprendeva anche Carlo XI, Carlo XII e Ulrika Eleonora (1654-1720). Tre temi hanno dominato il suo breve regno: la guerra, le finanze statali e l'equilibrio costituzionale tra corona e nobiltà.

Carlo X era principalmente un re guerriero. La sua politica estera era incentrata sul mantenimento dell'impero, che considerava essenziale per la sicurezza della Svezia. Sebbene il potere svedese abbia raggiunto il suo apice durante il suo regno, il paese ha affrontato minacce quasi costanti da Polonia, Russia, Asburgo, Brandeburgo e Danimarca. Anche Inghilterra, Francia e Paesi Bassi hanno svolto un ruolo importante nella complessa diplomazia della regione. Nel 1655 attaccò la Polonia in quello che divenne un conflitto costoso e in gran parte infruttuoso. Approfittando della situazione, i danesi dichiararono guerra alla Svezia nel 1657. La campagna di Carlo contro di loro si trasformò in una delle più ardite (o fortunate) nella storia della Svezia. Occupò facilmente lo Jutland e poi, a causa di un inverno insolitamente freddo, fu in grado di marciare le sue forze attraverso le Cinture gelate; prendi Fyn, Langeland e Lolland; e attraversare a Sjaelland per attaccare Copenaghen. Il Trattato di Roskilde (1658) costò alla Danimarca tutti i suoi territori nella Svezia meridionale (Skåne e Blekinge), più Bohuslän al confine norvegese, l'isola di Bornholm e Trondheimslän in Norvegia. Una seconda campagna contro la Danimarca fu lanciata alla fine dell'estate del 1658, con l'intenzione di distruggere il paese e assorbirlo nell'impero. Questa volta, tuttavia, l'eroica resistenza di Copenaghen, i nuovi problemi nel Baltico orientale e le preoccupazioni internazionali per l'equilibrio di potere nel nord Europa hanno lavorato contro Carlo. Anche il destino intervenne, poiché il re morì all'inizio del 1660. La pace fu raggiunta nel 1660 e la Svezia fu fortunata a perdere solo Bornholm e Trondheimslän. Lo zenit dell'impero era passato.

Charles X Gustav era un monarchico nella battaglia costituzionale in corso in Svezia. Ha sostenuto Christina contro i nobili del consiglio negli anni 1640, e ha utilizzato i problemi economici derivanti dai costi dell'impero e il malcontento sociale derivante dall'aumento degli oneri fiscali per attaccare i sostenitori del costituzionalismo aristocratico e le vaste conquiste che alcuni della nobiltà avevano ottenuto in termini di donazioni di terra (alienazione) dal dominio della corona. Fondamentale in questa lotta fu l'accettazione da parte del consiglio e del parlamento di un programma complesso per recuperare alcune delle terre alienate alla nobiltà dal 1632, chiamato "riduzione del quarto", nel 1655. La guerra e la morte del re impedirono la piena attuazione del programma . Venti anni dopo, una riduzione di vasta portata e la distruzione dei poteri dell'aristocrazia del consiglio furono completate da suo figlio, Carlo XI.