Centinaio

hun · dred / ˈhəndrid / • numero cardinale (pl. -dreds o (con parola numerica o quantificante) -dred) (a / cento) il numero equivalente al prodotto di dieci e dieci; dieci più di novanta; 100: a cento metri di distanza siamo solo un centinaio qui. (Numero romano: c o C.) ∎ (centinaia) i numeri da 100 a 999: un numero sconosciuto, probabilmente centinaia, era già andato perso. ∎ (centinaia) diverse centinaia di cose o persone: costa centinaia di dollari. ∎ (usu. Centinaia) inf. un grande numero imprecisato: centinaia di lettere versate. ∎ (le —— centinaia) gli anni di un secolo specifico: i primi anni del novecento. ∎ cento anni: devi avere più di cento! ∎ cento miglia all'ora. ∎ una banconota da cento dollari. ∎ (principalmente in inglese parlato) utilizzato per esprimere ore intere nel sistema delle ventiquattro ore: tredici cento ore FRASI: a (o uno) cento per cento interamente; completamente: sono sicuro al cento per cento. ∎ inf. completamente in forma e in salute: non ero esattamente al cento per cento. ∎ inf. massimo impegno e impegno: ha sempre dato il cento per cento per la squadra. DERIVATI: centinaio di volte / -ˌfōld / agg. & adv.hun · dredth / ˈhəndrid [unvoicedth]; ˈHəndrit [unvoicedth] / numero ordinale .ORIGIN: tardo antico inglese, da centinaio (da una radice indoeuropea condivisa con il latino centum e il greco hekaton) + un secondo elemento che significa "numero"; di origine germanica e imparentata con honderd olandese e hundert tedesco. Il significato del sostantivo "suddivisione di una contea" è di origine incerta: potrebbe essere originariamente equivalente a un centinaio di pelli di terra (vedi hide3).