Campagna di Vicksburg

Vicksburg, Assedio di (1862-63). Durante la guerra civile, Vicksburg, una città portuale sopra il fiume Mississippi alla foce dello Yazoo, fu un collegamento chiave tra le aree della Confederazione orientale e trans-Mississippi. Nel maggio 1862, 3,000 truppe confederate sotto Brig. Il generale Martin L. Smith ha occupato la città. Smith ha iniziato a rafforzare i bluff di 200 piedi. Con l'assedio di New Orleans e la caduta di Memphis, Vicksburg divenne rapidamente l'unico bastione sul Mississippi a bloccare il traffico fluviale dell'Unione.

Il 28 maggio 1862, la USS Oneida arrivò e aprì il fuoco su Vicksburg. Altre navi sotto l'ufficiale di bandiera David Farragut si unirono ai bombardamenti nelle prossime settimane, aumentate da golette di mortaio sotto la Cmdr. David Dixon Porter. In mancanza di forze sufficienti per un assalto di terra, i federali tentarono di scavare un canale attraverso la penisola di fronte alla città. Il 28 giugno, le navi di Farragut salirono a monte e si unirono allo squadrone di cannoniere di Charles H. Davis. Il 15 luglio, tuttavia, il CSS AR, un battello fluviale corazzato, corse la sfida delle navi dell'Unione per ancorare al sicuro sotto Vicksburg. Le navi di Farragut non sono riuscite a distruggere il AR quando tornarono a valle quella notte. La bassa marea finì la costruzione sul canale e minacciò di arenare le navi ad alto pescaggio.

Quando le flotte dell'Unione partirono il 25 luglio, entrambe le parti capirono che solo un esercito dell'Unione poteva catturare Vicksburg. Per evitare questa possibilità, il successore di Smith, il generale Earl Van Dorn, circondò Vicksburg con lavori di sterro e fortificò Port Hudson. Il 14 ottobre, il generale confederato John C. Pemberton ha assunto il comando del Mississippi e della Louisiana orientale.

Ulysses S. Grant marciò verso sud il 2 novembre da Grand Junction con 30,000 uomini e sconfisse Pemberton, che cadde di nuovo a Grenada. Mentre Grant continuava per terra, William Tecumseh Sherman si trasferì attraverso il Mississippi a Vicksburg. L'avanzata di Grant si arrestò dopo che la cavalleria confederata interruppe le sue comunicazioni ferroviarie e distrusse la sua base di rifornimento a Holly Springs il 20 dicembre. La settimana successiva, le 32,000 truppe di Sherman sbarcarono vicino a Vicksburg, ma nei combattimenti dal 27 al 29 dicembre subirono una repulsione a Chickasaw Bluffs. Sherman si ritirò il 2 gennaio 1863.

Imperterrito, Grant decise di isolare Vicksburg da est mentre riforniva il suo intero esercito attraverso il Mississippi. Tuttavia, ciò richiedeva trasporti dell'Unione sotto o dietro Vicksburg. I tentativi di completare il canale e di creare un percorso tutto d'acqua a ovest del Mississippi si sono rivelati infruttuosi. Fort Pemberton ha impedito alle navi dell'Unione di entrare nel fiume Yazoo sopra Vicksburg, e i tentativi di aggirare il forte fallirono.

Il 31 marzo, Grant ha avviato due corpi lungo il lato ovest del Mississippi. Per distrarre Pemberton, il corpo di Sherman rimase vicino a Vicksburg e 1,700 cavalieri dell'Unione sotto il colonnello Benjamin H. Grierson condussero un raid che interruppe le comunicazioni confederate in tutto il Mississippi. La notte del 16 aprile, nove cannoniere federali e due trasporti di truppe dell'Unione passarono a vapore oltre Vicksburg, seguiti sei notti dopo da cinque trasporti e sei chiatte di rifornimenti. Dal 30 aprile al 1 ° maggio, 23,000 soldati dell'Unione attraversarono il Mississippi e sbarcarono a Bruinsburg.

Le manovre di Grant sconcertarono Pemberton, che fu ulteriormente ostacolato da ordini contrastanti. Il suo diretto superiore, Joseph E. Johnston, lo istruì a concentrarsi e sconfiggere Grant; ma Pemberton si concentrò sulla cavalleria di Grierson e seguì il mandato del presidente Jefferson Davis di tenere Vicksburg e Port Hudson. La confusione di Pemberton permise a Grant di sconfiggere i distaccamenti confederati a Port Gibson e Grand Gulf. Dopo essersi assicurato quest'ultimo il 3 maggio ed essere stato raggiunto da Sherman, Grant marciò verso Jackson, Mississippi. Non incontrò alcuna seria resistenza fino al 12 maggio, quando i confederati si schierarono vicino a Raymond. Temendo una concentrazione del nemico, Grant inviò a Jackson il corpo di James B. McPherson e quello di Sherman; Il corpo di John A. McClernand rimase in riserva per bloccare qualsiasi avanzata confederata da Vicksburg.

Quello stesso giorno, il generale Johnston arrivò a Jackson e prese il comando di tutte le forze confederate nel Mississippi; ma il dispiegamento di Grant gli ha impedito di stabilire comunicazioni affidabili con Pemberton. Pemberton alla fine guidò 17,500 confederati da Vicksburg il 12 maggio, ma quando non riuscì a unirsi a Johnston, Grant procedette a sconfiggere i due eserciti confederati, uno alla volta. Dopo aver guidato le 6,000 truppe di Johnston da Jackson il 14 maggio, Grant si voltò e sconfisse Pemberton a Champion Hill il 16 maggio ea Big Black River il 17 maggio. Pemberton si è poi ritirato a Vicksburg.

Ansioso di evitare un lungo assedio, Grant lanciò diversi assalti senza successo contro il bastione, ma le sue truppe subirono pesanti perdite. Gli ingegneri dell'Unione iniziarono a costruire 12 miglia di terrapieno, a circa 600 iarde dalle fortificazioni confederate lunghe 9 miglia. Entro il 1 ° giugno, Grant aveva 50,000 truppe che circondavano 30,000 confederati; a metà giugno arrivarono altri 27,000 soldati dell'Unione.

Ansioso di aiutare Pemberton, Johnston organizzò un esercito vicino a Jackson. Quando ha affermato che le sue 24,000 truppe erano insufficienti, ha ricevuto 7,000 rinforzi. Una divisione trans-Mississippi ha anche tentato di distruggere la base di rifornimento di Grant a Milliken's Bend. Il 15 giugno, Johnston ha informato il presidente Jefferson che non poteva salvare Vicksburg. Grant schierò Sherman con 34,000 uomini a est di Vicksburg per bloccare Johnston.

Credendo che Pemberton potesse resistere fino al 10 luglio, Johnston inviò un corriere per informare Pemberton che avrebbe effettuato un attacco diversivo per consentire alla guarnigione di fuggire. Johnston non poteva fare di più a causa di problemi di trasporto e logistica, comunicazioni inaffidabili e numeri inferiori contro un nemico trincerato.

Tuttavia, Pemberton non ricevette mai il messaggio e le condizioni a Vicksburg peggiorarono più rapidamente del previsto. La diminuzione delle derrate alimentari, l'acqua insufficiente e i bombardamenti giornalieri hanno comportato un pesante tributo sia ai civili che ai soldati. Pemberton ha concluso che i suoi uomini erano troppo deboli per combattere la loro via d'uscita.

Il 3 luglio, si è incontrato con Grant e ha accettato di arrendersi il giorno successivo. Alla resa del 4 luglio 1863, la stessa settimana della battaglia di Gettysburg, la guarnigione era composta da 2,166 ufficiali, 27,230 arruolati, 115 impiegati civili, 172 cannoni e 60,000 armi lunghe. Le vittime durante la campagna di Vicksburg ammontarono a circa 9,000 per l'Unione e 10,000 per la Confederazione, senza contare i prigionieri confederati. La vittoria aumentò ulteriormente l'importanza di Grant. Johnston venne a sapere della resa il 5 luglio e, dopo una scaramuccia con Sherman, si ritirò. Il 9 luglio, Port Hudson si arrese, dando all'Unione il controllo completo del Mississippi e dividendo la Confederazione a metà.
[Vedi anche Guerra civile: corso militare e diplomatico; Esercito confederato; Esercito dell'Unione.]

Bibliografia

Gilbert E. Govan e James W. Livingood, A Different Valor: The Story of General Joseph E. Johnston, CSA, 1956.
Peter F. Walker, Vicksburg: A People at War, 1860–1865, 1960.
Edwin C. Bearss, Vittoria ribelle a Vicksburg, 1963; repr. 1989.
Edwin C. Bearss, The Vicksburg Campaign, 3 voll., 1985-86.
Mary D. McFeely e William S. McFeely, a cura di, Memoirs and Selected Letters: Ulysses S. Grant, 1990.
Michael B. Ballard, Pemberton: A Biography, 1991.

Lawrence Lee Hewitt