Campagna di Chattanooga

Campagna di Chattanooga (ottobre-novembre 1863). Dopo la sua vittoria a Vicksburg in luglio, il generale dell'Unione statunitense Grant fece avanzare lentamente il suo esercito verso est. A settembre, l'esercito dell'Unione di WS Rosecrans è stato sconfitto a Chickamauga. Rosecrans si ritirò a Chattanooga, sopportò l'assedio delle forze confederate sotto il generale Braxton Bragg e attese l'assistenza di Grant. Grant, posto al comando generale di tutte le forze dell'Unione in Occidente, sostituì Rosecrans con GH Thomas e gli ordinò di tenere Chattanooga contro l'assedio di Bragg "a tutti i rischi". Il cibo stava scarseggiando e le linee di rifornimento erano costantemente interrotte. Il primo atto di Grant fu quello di aprire una nuova linea di rifornimento protetta, tramite Brown's Ferry. Sono arrivati ​​i rinforzi. Un'azione vigorosa capovolse la situazione su Bragg, il cui unico atto fu di indebolirsi inutilmente distaccando il generale James Longstreet in una spedizione infruttuosa per catturare Knoxville. Bragg ha quindi atteso la prossima mossa di Grant. Il presidente Jefferson Davis ha visitato l'esercito e ha cercato, senza successo, di ripristinare la fiducia.

Il 24 novembre 1863, il generale dell'Unione Joseph Hooker conquistò la Lookout Mountain a sinistra della linea di Bragg. Il giorno successivo Grant ha attaccato su tutta la linea. Il centro confederato su Missionary Ridge cedette; la sinistra si era ritirata; solo la destra teneva ferma e copriva la ritirata verso sud nella Georgia settentrionale. Una brillante posizione di retroguardia a Ringgold Gap fermò l'inseguimento di Grant. Le truppe dell'Unione tornarono a Chattanooga; l'esercito confederato entrò nei quartieri invernali a Dalton, in Georgia.

Bibliografia

Cozzens, Peter. Il naufragio delle loro speranze: le battaglie per Chattanooga. Urbana: University of Illinois Press, 1994.

McDonough, James L. Chattanooga: A Death Grip on the Confederacy. Knoxville: University of Tennessee Press, 1984.

Spada, Wiley. Montagne toccate dal fuoco: Chattanooga assediata, 1863. New York: St.Martin's, 1995.

Thomas Robsonfieno/ar