Bute, john stuart, terzo conte di

Bute, john stuart, terzo conte di. (1713–1792). Primo ministro britannico. John Stuart nacque a Edimburgo il 25 maggio 1713 e ereditò la contea di suo padre il 23 gennaio 1723. Fu educato a Eton (1724-1728) ea Leiden, dove si laureò nel 1732. Per alcuni anni visse tranquillamente nelle sue tenute, crescere una famiglia e studiare botanica. Quando iniziò la ribellione giacobita del 1745, Bute si trasferì a Londra e due anni dopo incontrò Federico, principe di Galles, padre del futuro Giorgio III. Bute è stato nominato tutore del giovane George, nel quale ha incoraggiato l'orrore del "partito". È diventato il mentore, l'amico e il consigliere indispensabile di George.

Al momento dell'ascesa al trono di Giorgio III nel 1760, Bute divenne consigliere privato e, il 25 marzo 1761, segretario di stato per il dipartimento settentrionale. Dopo le intemperanti dimissioni di Pitt il 5 ottobre, Bute ha presieduto allo sforzo bellico. Come primo signore del tesoro dal 27 maggio 1762, diresse i negoziati che portarono al Trattato di Parigi nel 1763. A differenza di Pitt, era allarmato dall'entità del debito nazionale, riconobbe l'inutilità di cercare di paralizzare definitivamente la potenza marittima francese e non amava sovvenzionare gli alleati europei. Di conseguenza, anche se l'Impero francese nel Nord America fu distrutto, ripristinò Manila e alcune conquiste chiave dell'India occidentale e gradualmente si ritirò dall'alleanza prussiana. Riconoscendo ancora una volta le realtà finanziarie, per non parlare dei noti piani di vendetta borbonici, decise anche in linea di principio di tassare le colonie americane in parte per il pagamento della propria difesa, una politica che Grenville successivamente mise in pratica.

Bute, che gli storici erano soliti deridere, è stato riconosciuto come un primo ministro capace, idealista e patriottico. Tuttavia, non aveva seguito alla Camera dei Comuni, dipendeva interamente dal favore a corte. Ciò ha provocato la consolidata élite Whig ad attaccarlo come un apostolo corrotto dell'assolutismo reale e artefice di una pacifica pace con i poteri borbonici, che hanno favorito solo gli aspiranti scozzesi alla carica. Fu anche accusato ingiustamente di dover la sua influenza a una relazione con la principessa Augusta, la madre del re; i manifestanti contro la pace spesso portavano uno stivale e una sottoveste su una forca. Tutto ciò lo rendeva estremamente impopolare e Bute non aveva la pelle abbastanza spessa per superare la tempesta. Si dimise l'8 aprile 1763, ma in agosto Grenville rifiutò di rimanere in carica se il re avesse continuato a consultare Bute in privato. Bute si ritirò dalla corte a settembre anche se continuò a scrivere al re fino al 1766, quando la sua influenza terminò.