Bruce, James David

(1669–1735), uno dei più stretti consiglieri di Pietro il Grande.

Uomo di molte mestiere, James David Bruce ("Yakov Vilimovich Bruce") ha servito la Russia nel corso della sua vita come generale, statista, diplomatico e studioso. Bruce ha partecipato alle spedizioni in Crimea e Azov. Nel 1698 si recò in Gran Bretagna, dove studiò diverse materie, tra cui l'allora filosofia dell'ottica d'avanguardia di Isaac Newton (cioè, che la luce stessa è una miscela eterogenea di raggi diversamente rifrangibili) e gravità (cioè, che i corpi celesti seguono il leggi della dinamica e gravitazione universale). Al ritorno in Russia, Bruce istituì con entusiasmo il primo osservatorio nel suo paese natale.

Nel 1700, all'età di trentun anni, Bruce raggiunse il grado di forze generali e comandate maggiori nella Grande Guerra del Nord contro la Svezia. Dopo un'umiliante sconfitta da parte degli svedesi vicino a Narva il 19 novembre 1700, dopo la quale si dice che Peter pianse, Peter promise di migliorare il suo esercito e sconfiggere la Svezia in futuro. Ha concluso che un esercito moderno aveva bisogno di una fanteria disciplinata equipaggiata con le più recenti artiglierie (fucili). Questa fanteria avrebbe dovuto avanzare mentre sparava e poi caricare con baionette fisse. (L'esercito russo era composto principalmente da cavalleria, il suo corpo di ufficiali composto da mercenari stranieri.)

Bruce era uno dei nuovi addestratori che Peter impiegò per migliorare la qualità dell'esercito russo. L'8 luglio 1709, l'artiglieria russa sconfisse l'esercito di Carlo e lo mandò in ritirata. Quell'anno Bruce fu insignito dell'Ordine di Sant'Andrea per il suo ruolo decisivo nella riforma dell'artiglieria come maestro di artiglieria nella Grande Guerra del Nord. Nel 1712 e 1713 Bruce era a capo dell'artiglieria alleata di Russia, Danimarca e Polonia-Sassonia in Pomerania e Holstein. Nel 1717 divenne senatore e presidente dei Colleges of Mines and Manufacture. Fu anche incaricato della stampa di Mosca e della zecca di San Pietroburgo. Come primo ministro plenipotenziario ai congressi Aland e Nystad, Bruce negoziò e firmò il trattato di pace russo con la Svezia nel 1721, lo stesso anno in cui divenne conte dell'Impero russo. Si ritirò nel 1726 con il grado di feldmaresciallo.

Bruce corrispondeva con parenti giacobiti ed era orgoglioso dei suoi antenati scozzesi. Possedeva una biblioteca di libri in quattordici lingue ed era conosciuto da molti come l'uomo più illuminato in Russia.