Brigata Abraham Lincoln

Brigata Abraham Lincoln. Gli americani comprendevano circa 2,800 dei circa 40,000 volontari internazionali che risposero alla richiesta di aiuto del 1936 del governo repubblicano spagnolo contro una rivolta da parte di ufficiali militari di destra. In questo conflitto, chiamato Guerra Civile Spagnola, i ribelli ottennero l'assistenza militare della Germania nazista e dell'Italia fascista, mentre la parte repubblicana ebbe aiuti molto meno ampi dall'Unione Sovietica. I partiti comunisti operavano in tutto il mondo per reclutare e inviare brigate di volontari per combattere contro le forze fasciste spagnole. Quasi cento afroamericani si sono iscritti, il loro fervore antifascista è aumentato dalla recente invasione fascista italiana dell'Etiopia. Comunisti e non comunisti, i volontari iniziarono ad arrivare all'inizio del 1937. Pochi avevano una precedente esperienza militare. La maggior parte si è fatta strada precaria attraverso la Francia bloccata e attraverso i Pirenei per unirsi all'esercito repubblicano spagnolo.

Prima di entrare in battaglia con un addestramento minimo, le unità di volontariato erano divise in battaglioni di combattimento linguistico spesso intitolati a eroi nazionali. Gli americani scelsero di chiamare le loro unità i battaglioni Abraham Lincoln e George Washington della quindicesima brigata. Alcuni servivano anche come medici e infermieri presso le unità mediche, o come ambulanze e camionisti. Inizialmente gettati nel settore della Jarama Valley della battaglia per Madrid, i volontari subirono pesanti perdite ma Madrid non cadde. Una costosa offensiva repubblicana seguì nella regione di Brunete, a ovest della capitale, nel luglio 1937. Più tardi, durante l'estate, il battaglione Lincoln, molto ridotto, assorbì gran parte di ciò che era rimasto del battaglione Washington. Altri americani si unirono alla Brigata canadese Mackenzie-Papineau e continuarono a combattere. I combattimenti si spostarono poi sul fronte Aragona-Ebro a nord-est per impedire alle forze fasciste di tagliare in due il territorio repubblicano. Il ristretto contingente Lincoln partecipò all'aspra campagna invernale a Teruel e alla fallita offensiva repubblicana nella regione dell'Ebro. A quel punto un terzo dei Lincoln era stato ucciso e la maggior parte del resto aveva subito ferite.

Per fare pressione su tedeschi e italiani affinché ritirassero le loro forze, il governo repubblicano nel 1938 ordinò la smobilitazione di tutte le Brigate internazionali. Ma Hitler e Mussolini mantennero le loro truppe in lotta al fianco delle forze di Franco fino alla caduta di Madrid nel marzo successivo, lasciando vittoriose le forze fasciste. Eppure, i sopravvissuti di Lincoln hanno riportato a casa eroi ed eroine a sinistra, ma sospettano "antifascisti prematuri" ai funzionari del governo e ai conservatori. Il sostegno di molti veterani di Lincoln al Patto nazista-sovietico dal 1939 al 1941 sembrò persino ai liberali contraddire l'antifascismo professato dai veterani, ma una volta che gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica entrarono in guerra, molti di loro si arruolarono nelle forze armate per perseguire di nuovo la vittoria sul fascismo. Come persone di sinistra nell'era McCarthy del dopoguerra, i veterani della Brigata Abraham Lincoln affrontarono e sopravvissero alla repressione del governo degli Stati Uniti. Quando nel 1956 il premier sovietico Nikita Khrushchev ammise pubblicamente i crimini del suo predecessore, Joseph Stalin, molti eminenti veterani di Lincoln lasciarono il Partito Comunista ma rimasero ansiosi di sostenere la legittimità e la rettitudine della loro attività antifascista negli anni '1930, e sostenevano anche la pace e la movimenti per i diritti dei decenni successivi. Con la diminuzione del numero dei veterani di Lincoln, nel 1979 nacque un'organizzazione sorella, l'Abraham Lincoln Brigade Archives, per portare avanti con attività educativa la memoria della brigata.

Bibliografia

Archivi della brigata Abraham Lincoln. Home page all'indirizzo http://www.alba-valb.org/.

Bruckner, Noel, Mary Dore e Sam Sills. Il buon combattimento. New York: KINO International, 1984. Videotape.

Carroll, Peter N. L'Odissea della Brigata Abraham Lincoln. Stanford, California: Stanford University Press, 1994.

Nelson, Cary e Jefferson Hendricks. Madrid 1937: Lettere della Brigata Abraham Lincoln dalla guerra civile spagnola. New York: Routledge, 1996.

Landis, Arthur H. La Brigata Abraham Lincoln. New York: Citadel, 1967.

Marvin E.Gettleman