blocchi

Blocs, un nome dato ai gruppi di voto organizzati negli organi legislativi americani e, più liberamente, alle associazioni di gruppi di pressione che tentano di fare lobby nelle legislature americane. In entrambi i casi, lo scopo di organizzare un blocco è creare un gruppo di legislatori che voteranno insieme in modo coerente su determinate questioni. I blocchi sono altamente organizzati, si basano su interessi strettamente condivisi e ottengono un alto grado di lealtà dai loro membri. Un blocco agricolo, un blocco protezionista, un blocco umido, un blocco secco, un blocco progressista e un blocco dei veterani sono stati tutti attivi nel Congresso tra l'inizio e la metà del XX secolo. Dopo la seconda guerra mondiale il blocco dei veterani e il blocco protezionista hanno perso una notevole influenza. Un blocco operaio e un blocco dei diritti civili salirono alla ribalta al loro posto, ma nessuno dei due aveva un'organizzazione al Congresso.

L'ascesa dei comitati di azione politica (PAC) alla fine del ventesimo secolo ha soppiantato i blocchi, facendo dei PAC i principali lobbisti del Congresso. L'intensificarsi della partigianeria congressuale durante gli anni '1990 ha indebolito il potere dei blocchi bipartisan, ma ha contemporaneamente rafforzato la mano dei blocchi ideologici all'interno dei due principali partiti. Nel 2002 praticamente ogni blocco attingeva ai PAC per la raccolta di fondi e per le pressioni congressuali.

Bibliografia

Gay, Thomas. Influenza impropria: legge finanziaria della campagna, gruppi di interesse politico e problema dell'uguaglianza. Ann Arbor: University of Michigan Press, 1996.

Ness, Emmanuele. Enciclopedia dei gruppi di interesse e lobbisti negli Stati Uniti. Armonk, NY: Sharpe, 2000.

Sheppard, Burton D. Ripensare la riforma del Congresso: le radici riformate del Congresso di interesse speciale. Cambridge, Mass .: Schenkman Books, 1985.

RobertEyestone/ag