Barton, william

Barton, william. (1748–1831). Ufficiale della milizia, rapitore del generale Richard Prescott. Rhode Island. Nato il 26 maggio 1748 a Warren, Rhode Island, Barton era un cappellaio di professione. Divenne aiutante del reggimento Rhode Island di William Richmond il 3 agosto 1775. Fu promosso capitano il 1 ° novembre, maggiore di brigata delle truppe del Rhode Island il 19 agosto 1776 e maggiore delle truppe dello stato del Rhode Island di Joseph Stanton il 12 dicembre 1776. Barton concepì l'idea di catturare il generale Richard Prescott per scambiarlo con Charles Lee, che in quel momento era considerato una risorsa per la causa americana. Barton pianificò attentamente e segretamente l'audace incursione che portò a termine questa missione la notte del 9 luglio 1777. Con quaranta volontari del suo reggimento, sbarcò sulla costa occidentale del Rhode Island, quindi si spostò di un miglio nell'entroterra. Dopo aver zittito la guardia sulla billetta di Prescott, catturò il generale e il suo aiutante di campo, il maggiore William Barrington, e fuggì con i suoi prigionieri. (Questa era la seconda volta che Prescott veniva catturato, essendo stato scambiato con il generale John Sullivan l'anno precedente.)

Barton è stato elogiato dal Congresso continentale con il passaggio di un atto il 25 luglio 1777, in cui è stato esaltato come "una spada elegante". Il 10 novembre 1777 fu promosso tenente colonnello e il 24 dicembre 1777 fu nominato colonnello nel reggimento di Stanton. Nel 1778 fu ferito mentre inseguiva gli inglesi nella loro ritirata da Warren, Rhode Island.

Sebbene il suo stato rifiutasse di nominare delegati alla convenzione federale del 1787, Barton si unì ad altri inviando alla convenzione una lettera in cui si impegnava a sostenere la costituzione, e nel 1790 era membro della convenzione di stato del Rhode Island, che adottò la costituzione. È stato detenuto come prigioniero in una locanda a Danville, nel Vermont, per quattordici anni dopo aver rifiutato per principio di emettere una sentenza su un pezzo di terreno nel Vermont, che aveva acquistato o concesso dal Congresso. La notizia della difficile situazione del vecchio eroe giunse all'attenzione del marchese de Lafayette durante una visita nel 1824 e nel 1825. Lafayette pagò personalmente la richiesta e Barton tornò a Rhode Island. Morì a Providence il 22 ottobre 1831.

Bibliografia

Simister, Firenze P. The Fire's Center: Rhode Island nell'era rivoluzionaria, 1763-1790. Providence, RI: Rhode Island Bicentennial Foundation, 1979.

                                rivisto da Michael Bellesiles