Bandiera degli stati uniti

Bandiera degli stati uniti. La forma attuale della bandiera americana, con le sue tredici strisce rosse e bianche, il campo blu e cinquanta stelle bianche, ha una storia evolutiva. Il 14 giugno 1777, il Congresso continentale approvò il primo Flag Act, che recita: "Risolto, che la bandiera degli Stati Uniti fosse composta da tredici strisce, alternate rosse e bianche; che l'unione fosse di tredici stelle, bianche in un campo blu , che rappresenta una nuova costellazione. " La dimensione complessiva della bandiera, le proporzioni e la disposizione delle stelle e delle strisce non furono fissate fino all'amministrazione del presidente William Taft nel 1912. Per centotrentacinque anni, la bandiera non ebbe un aspetto prescritto e furono progettate e cucite molte variazioni.

Da allora ci sono stati altri due atti di bandiera, il primo nel 1777, e tre ordini esecutivi che hanno influenzato l'aspetto della bandiera. La legge del 13 gennaio 1794 prevedeva quindici stelle e quindici strisce dopo il maggio 1795. La legge del 4 aprile 1818 prevedeva tredici strisce con una stella per ogni stato, aggiunte alla bandiera il primo e il quarto luglio dopo la statualità firmata dal presidente James Monroe. Il presidente Taft, per ordine esecutivo del 24 giugno 1912, designò le proporzioni per la bandiera con sei file orizzontali di otto stelle ciascuna, con un punto di ciascuna stella rivolto verso l'alto. Il presidente Dwight Eisenhower, per ordine esecutivo del 3 gennaio 1959, prevedeva una disposizione delle stelle in sette file di sette stelle ciascuna, sfalsate sia orizzontalmente che verticalmente. Di nuovo, il 21 agosto 1959, il presidente Eisenhower firmò un ordine esecutivo che disponeva le stelle in file di nove stelle sfalsate orizzontalmente e undici file di stelle sfalsate verticalmente.

Si può dire che il disegno di base della bandiera - un cantone, o un'area simile ma più piccola di un quandrant e un campo aperto - abbia avuto origine con la "bandiera rossa", una bandiera britannica del regno della regina Elisabetta I. La bandiera rossa Si ritiene che il guardiamarina sia il primo esempio noto di una bandiera che ha preso in prestito il design di un cantone e di un campo dagli scudi araldici. L'insegna rossa era rossa con un cantone bianco attraversato da una croce rossa di San Giorgio. I Puritani adattarono il vessillo rosso per i propri scopi rimuovendo la croce, lasciando un semplice cantone bianco e un campo rosso. Successivamente, un piccolo albero sempreverde, che rappresenta gli alberi del New England, fu aggiunto al cantone bianco. Si ritiene che la "bandiera dell'albero verde" sia stata sventolata nella battaglia di Bunker Hill. Successivamente, i patrioti americani progettarono le proprie bandiere e apparvero molte varietà che indicavano il leader al comando di ogni reggimento. Con così tante bandiere diverse, molti dei disegni sono diventati ingombri e complicati da troppi simboli.

Un altro tipo di bandiera, la cosiddetta bandiera della libertà, divenne popolare durante i tempi pre-rivoluzionari. Tipicamente queste bandiere avevano campi bianchi con vari simboli o raffigurazioni e la parola "libertà". La società segreta, i "Figli della libertà", aveva una bandiera con tredici strisce rosse e bianche appese verticalmente o orizzontalmente. Si pensa che questa bandiera sia il precursore del campo dell'attuale bandiera americana. Gli inglesi etichettarono la bandiera "le strisce ribelli".

All'inizio, era il simbolo delle strisce che contava, non il numero oi loro colori. Le prime bandiere mostrano strisce verdi e bianche, ad esempio, e i numeri variavano da nove a tredici. Il numero nove era significativo all'epoca. Veniva dal numero 45 di "The North Britain" (23 aprile 1763), l'opuscolo pubblicato dall'attivista inglese per i diritti civili John Wilkes, che accusava Giorgio III di falsità. La scrittura di Wilkes era seconda solo a "Common Sense" di Thomas Paine nell'incitamento all'azione contro l'Inghilterra. Il numero quattro più cinque (del "numero 45") ha creato il nove che era profondamente radicato nella sensibilità dei coloni ed è stato immediatamente riconosciuto come un simbolo di ribellione.

Fu il marchese de Lafayette a coniare la frase "stelle e strisce" per descrivere gli Stati Uniti. Le strisce hanno sempre avuto la precedenza sulle stelle nel pensiero americano e nel design delle bandiere. Gli storici non credono più che la bandiera francese abbia influenzato quella americana, ma che la scelta tricolore di rosso, bianco e blu abbia influenzato la bandiera francese attraverso le impressioni di Lafayette.

È interessante notare che anche il design delle stelle doveva evolversi all'attuale stile a cinque punte. La stella a sei punte è chiamata stella araldica, tipicamente usata sugli stemmi araldici. La varietà a cinque punte è chiamata molet, ed è stata trovata più tipicamente come speroni di cavalieri durante anni di cavalleria cristiana. Gli storici differiscono sul motivo per cui la stella molet è diventata la versione utilizzata nella bandiera americana. Sebbene non credano che Betsy Ross abbia progettato o cucito la prima bandiera come vuole la leggenda, credono che abbia cucito bandiere per la Marina e danno un po 'di credito ai rapporti sulla sua preferenza per il design a cinque stelle per la sua relativa facilità di cucito. Un'altra teoria è che Ross abbia preso la stella dallo stemma di Washington, che in qualche modo si era appropriato del design del molet in contrasto con l'araldico, e che fu mantenuto dai disegnatori di bandiere successivi per onorare il "padre del paese".

Famose bandiere americane includono lo stendardo della guarnigione che sorvolò Fort McKinley nel 1814 e ispirò Francis Scott Key a scrivere l'inno nazionale, "The Star-Spangled Banner". Un'altra è la bandiera che Neil Armstrong piantò sulla superficie lunare al primo sbarco lunare umano nel luglio 1969.

Le bandiere continuano a drappeggiare le bare dei veterani e ad essere piegate cerimoniosamente per rispetto quando vengono rimosse dai luoghi d'onore o tolte dai pennoni. Durante i periodi di lutto nazionale, come dopo l'assassinio del presidente John F. Kennedy e gli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001, la bandiera sventola a metà bastone.

Il dibattito recente è divampato di nuovo sulla costituzionalità del bruciare le bandiere. Coloro che sostengono un emendamento che vieti la pratica affermano che è necessario preservare la santità del simbolo dell'America. Gli oppositori sostengono che bruciare le bandiere è un atto di libertà di parola protetto dal Primo Emendamento.

Bibliografia

Collezioni di storia delle forze armate. "Fatti sulla bandiera degli Stati Uniti". Disponibile da http://www.si.edu/resource/faq/nmah//flag.htm.

Mastai, Boleslaw e Marie-Louise D'Otrange Mastai. Le stelle e le strisce: la bandiera americana come arte e come storia, dalla nascita della Repubblica ad oggi. New York: Knopf, 1973.

Connie AnnChiesa