Bande, orchestre e compagnie in tournée

Modelli classici. Nell'arena classica, gli ultimi decenni del diciannovesimo secolo furono un periodo durante il quale c'erano poche novità nella musica americana. I compositori americani più rispettati dell'epoca: John Knowles Paine (1839-1906), Dudley Buck (1839-1909), Silas Gamaliel Pratt (1846-1916), Arthur W. Foote (1853-1937), Edward MacDowell (1860- 1908), Horatio William Parker (1863-1919) e Mrs. HHA Beach (1867-1944), scrissero brani ben accolti derivati ​​dalla musica classica europea, spesso di periodi precedenti. La prima sonata per pianoforte di MacDowell, nota come Tragica, caratterizza il genere: composto nel 1891-1892, il Tragica è stato suonato frequentemente in occasione di concerti e riunioni di salotto e ha ispirato un importante critico a confrontare MacDowell con Ludwig van Beethoven (1770-1827). Un secolo dopo MacDowell e il suo Tragica sono quasi dimenticati dall'establishment musicale. Tuttavia, anche se MacDowell ei suoi contemporanei si davano da fare per emulare modelli europei, una vivace cultura musicale emerse sul terreno nativo. Bande e orchestre, molte delle quali in tournée, hanno portato questa cultura musicale nelle città e nelle città americane, rinvigorendo la musica classica con i ritmi tradizionali americani.

John Philip Sousa. Nato in una famiglia della classe medio-bassa a Washington, DC, John Philip Sousa (1854-1932) è cresciuto nell'orbita ottonata della musica delle bande musicali. Il padre di Sousa, un trombonista, suonava nella US Marine Band. Il giovane John Philip una volta minacciò di scappare di casa e di unirsi a una banda di circo, ma presto cedette e si unì alla compagnia di suo padre come apprendista adolescente. Formatosi in armonia, composizione e violino, Sousa iniziò la sua carriera formale come compositore alla fine del 1870. Dal 1880 al 1892 fu direttore della Marine Band, incarico che gli diede libero sfogo per perfezionare ed eseguire le proprie composizioni. Il primo grande successo di Sousa, "The Washington Post March" (1889), si dimostrò un perfetto accompagnamento per il two-step, un nuovo ballo che stava prendendo d'assalto il paese. Altre marce popolari di Sousa includono "Semper Fidelis" (1888), "The Thunderer" (1889), "The High School Cadets" (1890), "Manhattan Beach" (1893) e "The Stars and Stripes

Per sempre "(1897). Nessuna celebrazione del XNUMX luglio sarebbe completa senza i toni emozionanti di una marcia di Sousa. Sebbene Sousa componga anche danze, operette e ouverture, è ricordato come il "re di marzo" d'America.

Il fenomeno della band. La popolarità della musica di John Philip Sousa ha contribuito a stimolare una mania della band che è durata dalla fine del 1880 all'inizio del 1900. Una stima del 1889 collocava a diecimila il numero di bande militari negli Stati Uniti. Quasi ogni città aveva un palco e una banda propria. La storia d'amore degli americani con la musica della band ha attratto band da tutto l'Atlantico. Grandi "gruppi d'affari", molti dei quali di origine italiana, invasero gli Stati Uniti nel 1890. Il direttore d'orchestra italiano Giuseppe Creatore, la cui band fece una tournée nel Midwest nel 1899, paralizzò un osservatore a Kansas City: "Ora si china sulla fila di leggii, sorride con il sorriso di un amante - supplica, supplica, supplica, accarezza - con mano, perforando l'aria con la sua bacchetta, come un maestro di scherma. Quasi in ginocchio, implora, esige, si volta su se stesso agitando le braccia. Ride, piange, canta, sibila a denti stretti ".

Theodore Thomas. Il pubblico che accorreva ai concerti delle big band affollava anche le sale sinfoniche americane durante la fine del XIX secolo. Tra i musicisti che hanno contribuito a introdurre la musica sinfonica nel mainstream

L'America era Theodore Thomas (1835-1905), un violinista di origine tedesca che lasciò il segno come direttore d'orchestra. Comprendendo che la musica classica rimaneva una sorta di enigma per molti dei suoi ascoltatori, Thomas si è sforzato di "vendere" musica classica al pubblico americano includendo brani sia familiari che sconosciuti in un programma e assicurandosi che la musica "leggera" contenesse temi musicali che ricomparve nel lavoro “serio”. In tal modo, il non familiare veniva reso familiare, l'inaccessibile accessibile. Come direttore della sua orchestra itinerante dal 1862 al 1876, della New York Philharmonic dal 1877 al 1891 e della Chicago Orchestra dal 1891 alla sua morte nel 1905, Thomas portò la musica sinfonica alle masse. Il metodo di Thomas di mescolare gli stili musicali persiste nei programmi delle orchestre "Pops" in tutto il paese.