Banda di ottoni

banda di ottoni. Questo tipo di combinazione si trova in tutta Europa e nei paesi stabiliti dagli europei, ma con i più alti standard di prestazione. è forse raggiunto nel nord dell'Inghilterra, in particolare nel Lancashire e nello Yorkshire, dove la sua popolarità è grande. Costituzione usuale in Brit. è cornette, flügelhorn, saxhorns, euphoniums, tbs., and basses (ex bombardons), with perc. Sax. (non strettamente un istruttore di ottone) usato per essere incl.

All the wind instr. della banda di ottoni tranne il basso tb. sono valutati come trasposizione istr. Essendo le loro chiavi B ♭ e E ♭, la loro notazione mostra, rispettivamente, 2 bemolle in meno (o 2 diesis in più) dell'effetto sonoro, o 3 bemolle in meno (o 3 diesis in più). Ad eccezione dei bass tbs. e perc. tutti sono annotati in chiave di violino: eccetto E cornetta, dove il suono è una Terza minore più alta della notazione, tutti i suoni sono più bassi, gli intervalli di discrepanza vanno da una 2a sotto (B ♭ cornetta) a 2 ottave e la secondo sotto (Si ♭ basso). Quindi una partitura di una banda di ottoni è piuttosto sconcertante per un lettore non abituato.

Molti del XX sec. Eng. i compositori (ad esempio Elgar, Holst, Vaughan Williams, Irlanda, Bliss, Bantock, Howells, Birtwistle e Bourgeois) hanno scritto per bande di ottoni, così come Henze. Esiste anche una distinta linea di "compositori di orchestre di ottoni", tra cui Percy Fletcher, Cyril Jenkins, Hubert Bath, Denis Wright, Kenneth Wright, Eric Ball, Gilbert Vinter e Edward Gregson. Il "movimento della banda di ottoni" in inglese. ha una storia (quasi un folklore) che risale agli inizi dell'Ottocento. Deriva in parte dalle "attese" della città vecchia e in parte dalle bande di fiati militari, molte delle quali durante le guerre napoleoniche. Dopo Waterloo (20) gli uomini lasciarono l'esercito, ma i musicisti continuarono a suonare nella vita civile. Gli ottoni erano relativamente economici e le bande fiorirono come hobby tra la popolazione della classe operaia nelle città manifatturiere di Lancs. e Yorks. (anche se anche in Cornovaglia e altrove). Cominciarono le gare per orchestre di ottoni c.1818 ma sviluppato completamente c.1840. Tra i campionati più celebrati ci sono il British Open (precedentemente disputato a Belle Vue, Manchester) e il National (tenuto a Londra). Fu per quest'ultimo nel 1930 che Elgar comp. la sua Severn Suite. Le bande prendono spesso il nome da un'azienda industriale o da una miniera di carbone, nonché da un luogo. Tra i più celebri ci sono stati Bacup, Black Dyke Mills, Besses o 'th' Barn, Wingate's Temperance, Foden's Motor Works, St Hilda Colliery (ritenuta la più grande di tutte), Creswell Colliery, Brighouse e Rastrick, Munn and Felton's, Fairey Aviation , CWS Manchester, GUS Footwear, Grimethorpe Colliery, Cory, Carlton Main Frickley e Hammond's Sauce Works: nomi di poesia industriale! Tra gli importanti impresari, arrangiatori e direttori di band vanno menzionati Henry Geehl, William Rimmer, William Halliwell, Eric Ball, Walter Hargreaves, Elgar Howarth, JH Iles, Alexander Owen, John Gladney, Edwin Swift, Roy Newsome, Maj. Peter Parkes, i Wright (Denis, Frank e Kenneth) e i Mortimer (Alex, Fred, Harry e Rex).