Autogestione

Autogoverno, o autogestione, è stata introdotta durante la perestrojka di Mikhail Gorbachev come meccanismo per indurre le imprese a produrre prodotti di qualità desiderati dai clienti e come un modo per estendere la democratizzazione al posto di lavoro. Le imprese sovietiche furono poste in piena contabilità economica (polny khozraschet ), il che significava che le operazioni correnti dovevano essere autofinanziate dai ricavi delle vendite piuttosto che sovvenzionate dalle autorità centrali o ministeriali, e qualsiasi modifica o espansione delle operazioni doveva essere finanziata da utili non distribuiti. I dirigenti dovevano essere eletti dai dipendenti e lavorare direttamente con un consiglio scelto tra i lavoratori. L'obiettivo di samoupravlenie era quello di ridurre la "piccola tutela", l'espressione che indica l'interferenza nelle operazioni aziendali quotidiane da parte dei responsabili della pianificazione o di altri funzionari amministrativi.

Samoupravlenie faceva parte di uno sforzo più ampio per promuovere l'iniziativa e la responsabilità nelle imprese sovietiche. Ad esempio, il numero di obiettivi di piano obbligatori assegnati alle imprese è stato ridotto, fornendo loro maggiore flessibilità nella selezione delle strategie di produzione per migliorare le loro operazioni e prestazioni. Le prestazioni aziendali dovevano essere valutate rispetto a piani e norme a lungo termine. Un sistema di ordini statali (goszakazy ) doveva sostituire gli obiettivi di output obbligatori, sebbene la distinzione tra ordini statali e obiettivi del piano non sia mai stata chiarita. Alle imprese fu concesso il diritto di scambiare merci, con contratti negoziati tra le imprese per includere componenti di produzione, consegna e prezzo concordati da entrambe le imprese. Le imprese potevano anche trattenere una quota maggiore dei profitti pianificati da distribuire come bonus o investire in capitale aggiuntivo. Samoupravlenie è stato un tentativo di rendere i manager sovietici responsabili dei risultati finali; vale a dire produrre la quantità e la qualità della produzione desiderata dai clienti, siano essi imprese o singoli consumatori.