Autodeterminazione indiana e atto di assistenza all’istruzione

ATTO INDIANO DI AUTODETERMINAZIONE ED ASSISTENZA ALL'ISTRUZIONE. Firmata in legge il 4 gennaio 1975, questa legislazione ha completato un periodo di quindici anni di riforma politica nei confronti delle tribù degli indiani d'America. L'approvazione di questa legge ha posto l'autodeterminazione, piuttosto che la cessazione, al centro dell'azione del governo, invertendo uno sforzo trentennale per recidere i rapporti dei trattati e gli obblighi verso le tribù indiane. Le disastrose conseguenze della risoluzione, combinate con l'attivismo indiano aggressivo, avevano incoraggiato un riesame della politica del governo. Durante gli anni '1960, anche i programmi di azione comunitaria della Guerra alla povertà, con la loro filosofia della "massima partecipazione possibile dei poveri", incoraggiarono un cambiamento di direzione. Significativi furono anche il messaggio del Congresso del 1968 del presidente Lyndon B. Johnson sugli affari indiani intitolato "The Forgotten American" e il ripudio ufficiale della cessazione da parte di Richard M. Nixon nel 1970.

Una politica di autodeterminazione impegnava il governo federale a incoraggiare "la massima partecipazione indiana al governo e all'istruzione del popolo indiano". La legislazione del 1975 conteneva due disposizioni. Il titolo I, l'Indian Self-Determination Act, stabiliva le procedure in base alle quali le tribù potevano negoziare contratti con il Bureau of Indian Affairs per amministrare i propri programmi educativi e di servizio sociale. Ha anche fornito sovvenzioni dirette per aiutare le tribù a sviluppare piani per assumersi la responsabilità dei programmi federali. Il titolo II, l'Indian Education Assistance Act, ha tentato di aumentare il contributo dei genitori nell'istruzione indiana garantendo il coinvolgimento dei genitori indiani nei consigli scolastici.

Le successive modifiche alla legge sull'autodeterminazione adottata negli anni '1980 e '1990 hanno lanciato l'autogoverno. Nell'ambito di questo programma, le tribù riceverebbero sovvenzioni di blocco dal servizio sanitario indiano e dal Bureau of Indian Affairs per coprire una serie di programmi. Nel 2000, circa la metà degli obblighi totali del Bureau nei confronti delle tribù prese la forma di contratti di autodeterminazione o di sovvenzioni di blocco. Inoltre, settantasei tribù avevano stipulato contratti per cliniche sanitarie, programmi per il diabete, unità sanitarie mobili, cliniche per abuso di alcol e droghe e programmi di Rappresentanza sanitaria della comunità attraverso il servizio sanitario indiano. Come modificato, l'Indian Self-Determination and Education Assistance Act è uno dei pezzi fondamentali della legislazione federale indiana del ventesimo secolo.

Bibliografia

Castiglia, George Pierre. To Show Heart: Native American Self-Determination and Federal Indian Policy, 1960-1975. Tucson: University of Arizona Press, 1998.

Clarkin, Thomas. Politica federale indiana nelle amministrazioni Kennedy e Johnson, 1961–1969. Albuquerque: University of New Mexico Press, 2001.

Cobb, Daniel M. "Philosophy of an Indian War: Indian Community Action in the Johnson Administration's War on Indian Poverty, 1964-1968." American Indian Culture and Research Journal 22, no. 2 (1998): 71-102.

Philp, Kenneth R., ed. Autogoverno indiano: resoconti di prima mano delle relazioni indiano-bianche da Roosevelt a Reagan. Logan: Utah State University Press, 1995.

Daniel M.Cobb