Atto di corruzione (1962)

Stuart P. Green

L'atto di corruzione è il pagamento di qualcosa di valore a una persona in una posizione di potere o di fiducia al fine di influenzare il comportamento di quella persona. La corruzione è stata soggetta a divieti legali di un tipo o dell'altro dall'inizio della storia legale registrata. Oggi, nonostante le significative variazioni del livello di applicazione, la corruzione è riconosciuta come reato penale in quasi tutti i paesi del mondo. In effetti, è difficile immaginare un moderno sistema politico o giuridico che non pretenda almeno di condannare tali pratiche.

Negli Stati Uniti, i divieti di corruzione risalgono ai primi giorni della Repubblica. La corruzione è uno dei due crimini (l'altro è il tradimento) per i quali la Costituzione degli Stati Uniti (articolo 2, sezione 4) prescrive specificamente l'impeachment dei titolari di cariche pubbliche. Secondo la legge precedente, disposizioni separate si applicavano a varie categorie di funzionari, come membri del Congresso, giudici e dipendenti di agenzie amministrative. Nel 1962 queste disposizioni furono consolidate in un unico statuto, il Bribery Act (PL 87-849, 76 Stat. 1119.

Caratteristiche dell'atto

La sezione 201 dell'atto rende un crimine commettere (1) un atto di corruzione (punibile fino a quindici anni di prigione) e (2) il reato meno grave di pagamento o ricezione di una mancia ufficiale, o una mancia per alcuni tipo di servizio (punibile fino a due anni di reclusione e una multa). Entrambi i reati richiedono la prova che qualcosa di valore è stato richiesto, offerto o dato a un pubblico ufficiale federale. A differenza del reato di dare una gratuità, il reato di corruzione richiede che sia dato qualcosa di valore "in cambio di" influenza su un atto ufficiale e che tale cosa sia data o ricevuta con intento "corrotto". Il reato di dare una gratuità richiede semplicemente che qualcosa sia dato "per o per" un atto ufficiale.

Il Bribery Act mira principalmente alla corruzione tra i funzionari del governo federale. Si applica a un'ampia gamma di funzionari che lavorano nei rami giudiziario, esecutivo e legislativo, nonché ai privati ​​cittadini che lavorano per organizzazioni che ricevono fondi dal governo federale, ai testimoni in vari tipi di procedimenti federali e ai giurati.

Lo statuto non si applica ai funzionari statali e locali o ai dipendenti di aziende private, sebbene tali persone siano soggette a una serie di disposizioni federali e statali correlate sulla corruzione.

Nonostante il diffuso consenso sulla necessità di leggi anticorruzione, rimane una grande confusione su esattamente quale condotta la Sezione 201 fa, o dovrebbe, rendere criminale. Letta letteralmente, una mancia di venti dollari al postino a Natale violerebbe la disposizione delle mance, così come varie approvazioni politiche ordinarie, accordi per non candidarsi e casi di "logrolling" (quando i legislatori si scambiano i voti a vantaggio reciproco dei progetti per animali domestici).

Revisione giudiziaria

Due casi illustrano la difficoltà di distinguere tra corruzione illegale e forme correlate di (presumibilmente) condotta legale nel processo politico e legale. La prima, una decisione della corte d'appello federale del Kansas, Stati Uniti contro Singleton (1998), coinvolgeva la pratica comune in base alla quale i pubblici ministeri federali promettono clemenza dei testimoni (e, in alcuni casi, anche denaro) in cambio del consenso del testimone a testimoniare in un procedimento penale per conto del governo. Sotto una lettura letterale dello statuto, tali pratiche costituiscono sicuramente una gratuità illegale. La corte in Singleton inizialmente raggiunto proprio questa conclusione. Ma i pubblici ministeri federali di tutto il paese hanno sostenuto che gli effetti di una tale decisione sarebbero estremamente fastidiosi. La loro capacità di perseguire sarebbe gravemente ostacolata se non fosse più consentito loro di ottenere testimonianze promettendo ai testimoni clemenza e altre "cose ​​di valore". Di conseguenza, e nonostante la lettura letterale dello statuto, la decisione iniziale in Singleton è stato rapidamente annullato. I pubblici ministeri potrebbero continuare a fare promesse di clemenza in cambio di testimonianze.

Il caso della Corte Suprema Stati Uniti contro Sun-Diamond Growers of California (1999) illustra un problema simile di una legge che getta una rete troppo ampia. Sun-Diamond Growers of California era un'associazione di categoria che pressioni varie agenzie e funzionari federali per conto dei suoi membri. Come molti gruppi di lobbying, questa associazione si è impegnata nella pratica comune di "bere e mangiare" i funzionari che sperava avrebbero guardato favorevolmente agli interessi dei suoi membri. Il segretario dell'Agricoltura Mike Espy è stato il destinatario di parte della generosità dell'associazione di categoria, che includeva biglietti per un torneo di tennis e diversi pasti costosi. Al processo, l'associazione è stata condannata per aver concesso omaggi illegali. In appello, ha sostenuto che i doni dati a un funzionario semplicemente per costituire un serbatoio di buona volontà e per non influenzare alcuna questione particolare davanti al funzionario non dovrebbero essere considerati una gratuità illegale. La Corte Suprema ha acconsentito, ribaltando la condanna e tracciando una linea estremamente sottile tra i casi in cui un regalo è dato a un funzionario semplicemente perché è un pubblico ufficiale, e i casi in cui un regalo è dato a un funzionario che sta effettivamente considerando, o ha recentemente considerato qualche questione specifica di affari che riguarda il donatore. La Corte ha deciso che solo queste ultime circostanze avrebbero correttamente dato luogo a un procedimento giudiziario per omaggi illegali. In tal modo, la Corte ha cercato di evitare una sentenza che avrebbe criminalizzato "i regali simbolici al Presidente in base alla sua posizione e non collegati a nessun atto identificabile, come le maglie replica fornite dalle squadre sportive del campionato ogni anno durante le visite cerimoniali alla Casa Bianca , "e" il regalo del preside di una scuola superiore di un berretto da baseball della scuola al Segretario dell'Istruzione, in occasione della visita di quest'ultimo alla scuola. "

Rinforzo

Data la potenziale natura eccessiva delle leggi sulla corruzione, non sorprende che l'applicazione sia stata tendenzialmente meno che uniforme. Negli anni '1920, la maggior parte delle azioni penali riguardava agenti che facevano rispettare le leggi sul proibizionismo; negli anni Quaranta, i membri del consiglio di amministrazione; e negli anni Cinquanta, funzionari fiscali. Lo scandalo Watergate ha dato probabilmente il massimo impulso alla legge anticorruzione e alla sua applicazione. Negli anni '1940 fu sviluppata tutta una serie di nuovi statuti, regolamenti, procuratori speciali e agenzie di controllo per combattere la corruzione governativa di vario genere.

Forse il caso di corruzione più famoso nell'era successiva al Watergate è stata l'indagine Abscam della fine degli anni '1970 e dei primi anni '1980. Gli agenti dell'FBI hanno creato una società fittizia, la Abdul Enterprises, per indurre vari funzionari pubblici ad accettare tangenti. Gli agenti hanno filmato segretamente incontri tra vari funzionari federali e statali di alto rango e un finto sceicco arabo che si supponeva in cerca di vari favori ufficiali. La condanna più evidente emersa dalle indagini è stata quella del senatore Harrison Williams del New Jersey, che si è dimesso dall'incarico piuttosto che essere eliminato dai suoi colleghi. Sebbene Abscam abbia avuto successo nell'esporre la corruzione ai più alti livelli del governo americano, è stato anche ampiamente criticato per le tecniche di intrappolamento ingiuste utilizzate per indurre i funzionari a compiere atti illeciti.