Ash vuh

Nazionalità / Cultura

Maya

Pronuncia

poh-POHL VOO

Nomi alternativi

Nessuna

Appare in

Antica cultura Maya

Panoramica del mito

Il Popol Vuh, un libro di miti appartenente ai Maya Quiche (pronunciato kee-CHAY) dell'altopiano del Guatemala, è diviso in cinque parti. Il primo contiene un resoconto della creazione del mondo e dei tentativi falliti di produrre esseri umani adeguati. La seconda e la terza parte raccontano le avventure degli Hero Twins, Hunahpú (pronunciato WAH-nuh-pwuh) e Xbalanqúe (pronunciato shi-BAY-lan-kay). Le ultime due parti trattano la questione della creazione di esseri umani da mais , e poi racconta la storia del popolo Quiche dai giorni precedenti l'inizio della loro storia ai resoconti delle guerre tribali e ai registri dei governanti fino al 1550.

Creazione del mondo All'inizio dei tempi, gli dei Huracan (pronunciato wah-ruh-KAHN) e Gukumatz (pronunciato gwah-kwuh-MAHTS) modellarono la terra e le sue caratteristiche e sollevarono il cielo sopra di essa. Gli dei hanno quindi posto gli animali sulla terra, sperando che avrebbero cantato le lodi degli dei.

Quando gli dei scoprirono che gli animali non potevano parlare, tentarono di nuovo di creare una creatura che potesse lodare il suo creatore. Huracan e Gukumatz hanno chiesto aiuto agli esseri ancestrali Xpiyacoc (pronunciato shpee-YAH-kok) e Xmucane (pronunciato SHMOH-kah-nay), e insieme hanno creato uomini di fango. Ma queste creature parlavano all'infinito e si allontanavano. Successivamente gli dei hanno modellato gli esseri umani con il legno. Questi esseri popolarono la terra ma presto dimenticarono i loro creatori. Gli dèi arrabbiati mandarono inondazioni e vari oggetti per distruggerli.

Gli eroi gemelli Nella seconda parte del Popol Vuh, Hunahpii e Xbalanqúe comparire e assumere il presuntuoso Vucub-Caquix (pronunciato voh-KOHB kah-kwish), così come i suoi figli Zipacna (pronunciato sip-AK-nah) e Earthquake. Utilizzando cerbottane, il gemelli fece saltare i denti ingioiellati di Vucub-Caquix, cosa che gli diede la sua radiosità. Vucub-Caquix ha accettato il mais in sostituzione dei suoi denti. Ma poiché non poteva mangiare con i suoi denti di mais e perché non brillavano, fu sconfitto.

Nella terza parte del Popol Vuh, la storia risale a un tempo precedente, a Hun-Hunahpú (pronunciato wahn-WAHN-uh-pwah) e Vucub Hunahpii (pronunciato voh-kohb WAHN-uh-pwah), il padre e lo zio degli Eroi Gemelli. Questi due disturbarono i signori di Xibalba (pronunciato shi-BAHL-buh), il malavita , o terra dei morti, con il loro continuo gioco della palla. I signori ordinarono ai fratelli di venire negli inferi per una gara. Ingannati dai signori, i fratelli persero la gara e, di conseguenza, furono sacrificati e sepolti nel campo da ballo. Tuttavia, il capo di Hun-Hunahpú rimase insepolto e fu posto su un albero.

Una giovane dea sentì parlare di uno strano frutto su un albero e andò a vederlo. Il frutto era in realtà la testa di Hun-Hunahpú, che le sputò in mano e la rese incinta. In seguito ha dato alla luce gli Hero Twins. Hun-Hunahpú aveva già un altro paio di gemelli, Hun Batz e Hun Chuen, che si risentivano per i loro fratellini. Quando gli Hero Twins sono cresciuti abbastanza, hanno superato in astuzia i gemelli più grandi e li hanno trasformati in scimmie.

Gli Hero Twins divennero grandi giocatori di palla, come lo erano stati il ​​padre e lo zio, e un giorno i signori di Xibalba li convocarono negli inferi per una gara. I gemelli hanno visto questa come un'opportunità per vendicare la morte del padre. Sfidati a una serie di prove, hanno superato tutte le prove che hanno ricevuto. Sono sopravvissuti una notte nella Casa del Freddo, sono scampati alla morte nella Casa dei Giaguari e sono passati illesi attraverso la Casa del Fuoco. Hanno quasi incontrato la sconfitta nella Casa dei pipistrelli, quando un pipistrello ha tagliato la testa di Hunahpú. I signori di Xibalba portarono la testa sul campo da ballo come trofeo, ma Xbalanqúe riuscì a restituire la testa a suo fratello e ripristinarlo.

Sapendo di essere immortali, o in grado di vivere per sempre, gli Eroi Gemelli ora permettevano ai signori di Xibalba di sconfiggerli e "ucciderli". Cinque giorni dopo, i gemelli ricomparvero, travestiti da artisti erranti e intrattennero i signori con imprese sorprendenti. In una di queste imprese, Xbalanqúe ha sacrificato Hunahpú e poi lo ha riportato in vita. Stupiti, i signori di Xibalba implorarono di essere sacrificati. Gli Hero Twins accettarono la richiesta ma non resero in vita i signori di Xibalba. I gemelli hanno quindi dissotterrato i corpi del padre e dello zio e li hanno riportati in vita.

Creazione dei Maya Le ultime due parti del Popol Vuh raccontare come gli dei hanno cercato ancora una volta di creare esseri umani che lodassero gli dei. I quattro uomini che hanno creato dal mais - la loro pelle un misto di mais bianco e giallo e le loro membra modellate dalla farina di mais - sono diventati i fondatori della Quiche Maya. Queste persone lodavano i loro creatori e prosperavano. Le generazioni che le hanno seguite sono elencate nella sezione di chiusura del Popol Vuh.

Il Popol Vuh nel contesto

Il Popol Vuh è la più importante fonte di informazioni sulla mitologia degli antichi Maya. Libro sacro della Quiche Maya del Guatemala, fu scritto a metà del 1500. Un prete spagnolo ha scoperto il Popol Vuh manoscritto nei primi anni del 1700. Dopo aver copiato il testo, lo ha tradotto in spagnolo.

Temi e simboli chiave

Un tema importante in Popol Vuh è la creazione della vita da materiali naturali. Gli dei cercano di creare gli umani dal fango e successivamente dal legno. Questi sono fallimenti e gli dei li distruggono. Infine, i primi esseri umani di successo vengono creati dal mais, un alimento cruciale nella dieta Maya. In questo modo, il mais simboleggia la vita per il popolo Maya. Il mais è anche usato come sostituto dei denti di Vucub-Caquix dopo che Hunahpú e Xbalanqúe hanno eliminato i suoi denti veri.

Un altro tema importante trovato nel Popol Vuh è l'interazione dei vivi con i morti. Questo è visto in tutto il mito di Hunahpú e Xbalanqúe, a cominciare dalla testa del padre che parla con (e mette incinta) una dea mentre pende da un albero. Si vede anche quando i gemelli si recano negli inferi per una gara di gioco della palla; Hunahpú perde la testa nella Casa dei pipistrelli, ma viene riportato in vita, ed entrambi i fratelli in seguito si lasciano uccidere e riportare in vita. Quindi, dopo aver ucciso i signori degli inferi, i fratelli riportano il padre e lo zio dai morti e tornano con loro nella terra dei vivi.

Il Popol Vuh in arte, letteratura e vita quotidiana

Sebbene la civiltà Maya sia diminuita notevolmente nei secoli successivi all'occupazione spagnola, i miti registrati nel Popol Vuh svolgono ancora un ruolo importante nella cultura della regione. Storie in Charles Finger's Racconti dalle terre d'argento e quello di Miguel Angel Asturias Uomini di mais sono basati su Popol Vuh. I miti di Popol Vuh è stato anche l'ispirazione per il romanzo western soprannaturale di Louis L'Amour The Haunted Mesa (1987). Il mondo sotterraneo di Xibalba appare nel film di Darren Aronofsky del 2006 La fontana.

Leggere, scrivere, pensare, discutere

La civiltà Maya era in gran parte scomparsa quando gli esploratori spagnoli arrivarono nel Nuovo Mondo. Alcuni storici moderni vedono la caduta dei Maya come un esempio da cui la società moderna può imparare ed evitare. Utilizzando la tua biblioteca, Internet o altre risorse disponibili, ricerca il collasso della civiltà Maya. Riesci a trovare delle somiglianze tra la caduta della civiltà Maya e lo stato attuale delle società moderne come gli Stati Uniti? Come sono differenti? Pensi che ci siano lezioni da imparare dai Maya? Se sì, quali sono?