Arte: pittura di paesaggio

La scuola del fiume Hudson. La pittura di paesaggio divenne il primo grande movimento artistico ad emergere in America dopo la guerra rivoluzionaria. Intorno al 1820 un gruppo di artisti che viveva e lavorava nella regione di Catskill Mountain a New York iniziò a produrre scene drammatiche su larga scala della natura selvaggia americana. Profondamente influenzati da scrittori contemporanei come Washington Irving, James Fenimore Cooper e William Cullen Bryant, gli artisti del fiume Hudson hanno espresso orgoglio e soggezione per il paesaggio americano incontaminato. Lungi dall'essere artisti di "puro paesaggio", la Hudson River School eccelleva nelle rappresentazioni romantiche della natura e spesso infondeva nei suoi dipinti temi morali e letterari. Thomas Cole (1801-1848), artista autodidatta e membro di spicco del gruppo, ha combinato l'allegoria con le sue magnifiche ambientazioni all'aperto. I dipinti di Cole e dei suoi colleghi Asher B. Durand (1796-1886), JF Cropsey (1823-1900) e Thomas Doughty (1793-1856) hanno rivelato il loro rispetto spirituale per la natura.

Intrepidi luministi. Lavorando tra il 1850 e il 1870, la generazione di artisti che seguì la Hudson River School minimizzò il romanticismo dei loro predecessori a favore di un realismo più preciso. Lavorando in uno stile noto come "luminismo" a causa della loro enfasi sugli effetti dell'atmosfera e della luce, questi pittori di seconda generazione hanno prodotto opere meticolosamente dettagliate. L'unico studente di Cole, Frederic E. Church (1826-1900), insieme a Thomas Moran (1837-1926) e Albert Bierstadt (1830-1902), portò l'eredità del fiume Hudson verso ovest fino alla frontiera americana in espansione.

Bierstadt e Moran. Bierstadt si unì a un gruppo di ricerca che mappò il West americano nel 1859. In questo viaggio vide per la prima volta le viste spettacolari e incontaminate delle montagne che in seguito immortalò in dipinti come Le montagne Rocciose (1863) La Sierra Nevada in California (1868), e Arcobaleno sul lago Jenny (circa 1870). Per catturare in modo efficace l'immensa grandezza dei paesaggi occidentali che aveva visto, Bierstadt dipinse vaste tele - alcune alte fino a nove piedi e lunghe dodici piedi - che sopraffanno lo spettatore con le loro dimensioni. Durante la sua vita, Bier-stadt ha sperimentato un ampio consenso pubblico e un successo finanziario, vendendo spesso un singolo dipinto per $ 20,000 o più. Come Bierstadt, Thomas Moran è stato determinante nel portare le immagini della frontiera occidentale alle persone della costa orientale. Nel 1870 fu commissionato da Mensile di Scribner per illustrare i loro rapporti sulla prima spedizione scientifica a Yellowstone, e anche le sue illustrazioni litografiche dei viaggi successivi furono ampiamente pubblicate. La devozione di Moran per l'Occidente americano lo portò a fare una campagna per il Congresso per l'istituzione del Parco Nazionale di Yellowstone. In segno di apprezzamento, il Congresso ha acquistato due dei suoi dipinti, Il Grand Canyon di Yellowstone (1872) e Abisso del Colorado (1873). Il monte Moran nelle montagne del Grand Teton prese il suo nome.

Pittura marina. I panorami montuosi dell'Occidente non erano gli unici soggetti popolari per gli americani

artisti a metà del secolo. Anche la ritrattistica di navi e i paesaggi marini erano specializzazioni comuni. Per molti scrittori e artisti del diciannovesimo secolo, il mare era una forza misteriosa, una metafora del potere onnipresente di Dio, come evidenziato in Temporale sulla baia di Narragansett (1868) di Martin J. Heade (1819-1904). Eppure il mare era anche una fonte di sostentamento, una fiorente via di commercio da cui dipendeva l'uomo. Il battello a vapore e la nave clipper cementarono i legami dell'uomo con il mare e furono lodati in opere come Fratello Jonathan (1871) del pittore James Bard (1815-1897) e nei dipinti luministici dei porti del New England di Fitz Hugh Lane. Riflettendo sulla combinazione di tecnologia e natura, Ralph Waldo Emerson ha detto: "Quando le sue commissioni sono nobili e adeguate, un battello a vapore che fa da ponte sull'Atlantico tra la Vecchia e il New England e arriva ai suoi porti con la puntualità di un pianeta, è un passo dell'uomo in armonia con la natura. " La costa atlantica era al centro di molti dei primi dipinti marini, ma nella seconda metà del secolo i laghi e fiumi americani, il Golfo del Messico e infine l'Oceano Pacifico presero il loro posto come soggetti di dipinti marini.