Arruolamento

Arruolamento. La difesa locale nel periodo coloniale era basata sul servizio militare obbligatorio per tutti i maschi normodotati, ma faceva affidamento su volontari per campagne o incarichi estesi. Durante la prima Repubblica, gli americani consideravano un grande esercito permanente come antitetico ai loro ideali di libertà ed evitavano di istituire la coscrizione come metodo di reclutamento. Le prime forze armate americane svilupparono quindi una doppia tradizione dell'esercito: un piccolo nucleo di regolari rinforzati dalla milizia locale. In tempi di crisi, le milizie sarebbero state integrate da volontari, che erano indotti ad arruolarsi con promesse di sovvenzioni fondiarie, taglie e altri incentivi. Il successo del sistema delle milizie (alquanto esagerato all'epoca), l'avversione alla coscrizione e all'esercito permanente, e la relativa pace e prosperità tra il 1783 e la secessione meridionale nel 1860 assicurarono la continuazione del mito cittadino-soldato e dell'esercito "espandibile" concetto. Nel 1862, le richieste di manodopera della guerra moderna e industrializzata costrinsero gli americani a superare le loro obiezioni alla coscrizione, sebbene le esenzioni e l'assunzione di sostituti fossero comuni.

Come nel periodo prebellico, gli arruolamenti nell'era post-guerra civile continuarono a rimanere bassi a causa delle insopportabili condizioni di vita militare, dell'addestramento lassista e dell'atteggiamento sprezzante degli americani verso il servizio militare professionale. La nazione ha anche continuato il modello di rapida mobilitazione attraverso la coscrizione e l'attivazione della riserva federale e delle unità della Guardia Nazionale organizzate dallo stato durante la crisi, seguite da una rapida smobilitazione in tempo di pace a una forza minima di regolari.

Nel 1973, a seguito dell'opposizione alla guerra del Vietnam, delle disuguaglianze sociali intrinseche del sistema di coscrizione e del restringimento economico, gli Stati Uniti hanno ridotto i livelli delle forze militari, eliminato il servizio di leva in tempo di pace e creato la All-Volunteer Force (AVF). Sebbene possa essere aumentata da riserve e arruolamento, l'AVF rimane la base per le forze armate statunitensi ed è costituito interamente da arruolati reclutati al servizio da incentivi come opportunità di avventura, formazione professionale, assistenza educativa e bonus finanziari.

Bibliografia

Binkin, Martin. Chi combatterà la prossima guerra?: Il volto mutevole dell'esercito americano. Washington, DC: Brookings Institution, 1993.

Chambers, John W., II. Per sollevare un esercito: il progetto arriva in America moderna. New York: Free Press, 1987.

Coffman, Edward M. Il vecchio esercito: un ritratto dell'esercito americano in tempo di pace, 1784–1898. New York: Oxford University Press, 1986.

Fredland, J. Eric, Curtis Gilroy, Roger D. Little e WS Sellman, eds. Professionisti in prima linea: due decenni di forza volontaria. Washington, DC: Brassey's, 1996.

Segal, David R. Reclutamento per lo zio Sam: politica sulla cittadinanza e sulla manodopera militare. Lawrence: University Press of Kansas, 1989.

Derek W.Frisby