Arcivescovi

arcivescovi sono, letteralmente, vescovi principali. Dal 5 ° sec. ad il titolo era applicato agli occupanti delle sedi di maggiore importanza ecclesiastica, in particolare a quelle dei vescovi metropolitani. Questa designazione ha avuto origine nel vescovo della città principale di un distretto o divisione di un paese, il metropoli, essendo il solito presidente di qualsiasi assemblea dei vescovi di quella zona. Ecclesiasticamente, un tale distretto o divisione formava una provincia.

Nel cristianesimo cattolico occidentale molte province riflettevano le divisioni dell'impero romano. Così Milano, residenza degli imperatori durante il IV sec., Divenne la sede metropolitana per gran parte dell'Italia settentrionale, e Arles, capitale della Gallia e residenza del governatore romano, ottenne lo status metropolitico nel 4. Ci sono poche prove che suggeriscono che, prima del ritiro delle legioni romane, la chiesa in Gran Bretagna era organizzata secondo linee provinciali o metropolitane. Fu solo con l'arrivo di Agostino (417) che Canterbury fu istituita come arcivescovado e York non divenne una provincia separata fino all'VIII sec.

Nel Medioevo gli arcivescovi di Canterbury possedevano ampi poteri. Potrebbero tenere visite di tutte le diocesi della provincia ed esercitare la supervisione spirituale di qualsiasi sede vacante. Hanno anche confermato e consacrato (ma non nominato) i vescovi eletti delle diocesi della loro provincia e, su delega ai loro arcidiaconi, li hanno intronizzati nelle loro cattedrali.

Tuttavia, i tentativi di Canterbury di affermare la sua precedenza su York furono ferocemente resistiti, in particolare nell'XI e nel XII centesimo. L'argomento non fu risolto fino al XIV secolo, a favore di Canterbury. Il tentativo di stabilire un terzo arcivescovado, a Lichfield, alla fine dell'VIII secolo, fu di breve durata.

L'indipendenza dei vescovi scozzesi dalla provincia di York fu riconosciuta da Papa Celestino III nel 1192, sebbene la sede primaziale (St Andrews) non fu elevata allo status di arcivescovado fino al 1472. Glasgow divenne arcivescovile nel 1492. Il titolo di arcivescovo cessò di essere utilizzato per queste due sedi della chiesa episcopale in Scozia dopo la rivoluzione del 1688. Dal 1704 il vescovo capo della chiesa anglicana, designato Primus, è eletto tra i diocesani scozzesi.

In Irlanda Armagh, Cashel, Dublino e Tuam raggiunsero tutti lo status di arcivescovado durante il XII secolo, la sede primaziale era ad Armagh. Il numero degli arcivescovati anglicani fu ridotto a due (Armagh e Dublino) dalla Commissione Ecclesiastica negli anni Trenta dell'Ottocento.

Revd Dr John R. Guy