Architettura: tombe private

Parti della tomba. Le tombe hanno contribuito a garantire la rinascita nel mondo successivo attraverso il design e la decorazione. Le tombe egizie erano divise tra una cappella in una sovrastruttura e il luogo di sepoltura effettivo in una sottostruttura. Queste due parti erano costanti, sebbene ci fossero molti cambiamenti e sviluppi nei piani delle tombe nel corso di tremila anni.

Tipi di sovrastrutture. Gli egiziani hanno utilizzato tre diverse strutture per le cappelle tombali nel corso della loro storia. La mastaba era una struttura indipendente costruita in pietra; la tomba scavata nella roccia è stata scavata nel fianco di una montagna; e la tomba del tempio era simile in pianta a un tempio. Mastaba e tombe scavate nella roccia sono state utilizzate in tutti i periodi. Tuttavia, la mastaba è considerata caratteristica del primo periodo dinastico e dell'Antico Regno. Le tombe scavate nella roccia divennero più comuni nel Medio e nel Nuovo Regno. Le tombe dei templi erano più popolari nel tardo periodo, ma ne sono noti esempi dal Nuovo Regno.

Tombe da banco. Le tombe Mastaba derivano il loro nome dalla parola araba che significa "panchina". Queste tombe assomigliano a una serie di panchine disposte in file attorno alle piramidi di Giza. Sono costruite in pietra con alcune nicchie nella facciata che fungono da luoghi di offerta. Gli interni della mastaba includevano sia una cappella che dei magazzini. La cappella aveva un luogo per le offerte scolpito nella pietra per assomigliare a una porta. Dal momento che sono solo modelli di porte che

non possono essere aperti, gli egittologi le chiamano "false porte". La cappella comprendeva anche un'area che gli egittologi chiamano serdab, dalla parola araba che significa "seminterrato". Il serdab era un'area chiusa che conteneva una statua del defunto. Il recinto aveva un muro davanti alla statua che conteneva due fori che permettevano alla statua di "vedere" l'offerta presentata al defunto. Le pareti della cappella mastaba erano decorate con sculture in rilievo dipinte, che raffiguravano la vita sulla terra come un modo per ricrearla magicamente nell'aldilà. Le scene spesso raffiguravano la produzione alimentare, compresa l'agricoltura, la pastorizia e la caccia. Le pareti includevano anche scene della fabbricazione di vari oggetti trovati nella tomba, come bare e statue. Tutte queste scene sono legate ad ulteriori decorazioni raffiguranti il ​​trasporto di cibo e oggetti nella tomba. Altre sculture in rilievo mostravano il defunto e il coniuge che ricevevano le offerte di cibo, a volte per mano di un figlio maggiore che fungeva da sacerdote. Alcune scene del proprietario della tomba e del coniuge mostrate insieme seduti su un letto sono interpretate come aventi contenuto erotico come mezzo di "rinascita" nel mondo successivo. Mastaba variava notevolmente in termini di dimensioni a seconda dello stato del defunto. La maggior parte dei funzionari ha costruito cappelle composte da una o due stanze. Il visir Mereruka, che era sposato con la figlia del re, aveva trenta stanze nella sua mastaba.

Cappelle tombali scavate nella roccia. Cappelle tombali scavate nella roccia erano già state costruite alla fine dell'Antico Regno nell'Alto Egitto. Divennero popolari tra i governanti locali nel Medio Egitto durante il Primo Periodo Intermedio e il Medio Regno. Erano anche la forma di cappella tombale più comune nell'area tebana durante il Nuovo Regno e furono scolpite direttamente nelle montagne sul lato occidentale del Nilo. In origine, avevano facciate scolpite nella roccia viva. Tipicamente nella 18 dinastia, i cortili aperti fronteggiavano la cappella della tomba. Nella dinastia 19 avevano spesso cortili circondati da un portico. Sopra l'ingresso della cappella sulla montagna c'era una piccola piramide con una nicchia, che conteneva una stele con una preghiera al dio del sole scolpita su di essa. Il corridoio d'ingresso conduceva ad un'ampia sala rettangolare. Nel mezzo della parete più lontana di questa stanza iniziava un corridoio che formava una lunga stanza. Insieme le stanze interne della cappella hanno assunto la forma di un rovescio T. All'interno della cappella in vari punti o nel cortile esterno all'ingresso potrebbe essere collocata una scala che scendeva fino alla camera funeraria vera e propria. In ogni caso, era nascosto alla vista.

Zone decorative. Le tombe del Nuovo Regno comprendevano tre zone decorative, ciascuna dedicata a una divinità oa un aspetto separato della vita del defunto. Il livello superiore era dedicato all'adorazione del sole. Aveva la forma di una piccola cappella, piramide o una statua del defunto che reggeva una stele con una preghiera al dio del sole Re incisa su di essa. Si trovava appena sopra l'ingresso della cappella della tomba. La zona centrale era la lunga stanza della cappella della tomba stessa, decorata per mostrare la posizione del defunto nella vita. I dipinti in questa zona raffiguravano il defunto che sovrintendeva al lavoro nei suoi campi o nelle officine di sua proprietà. Il livello inferiore si trovava sotto la cappella della tomba. Era decorato per rappresentare il mondo successivo e talvolta includeva rappresentazioni della divinità Osiride.