Appelli dai tribunali coloniali

Appelli dai tribunali coloniali. A partire dalla fine del XVII secolo, le nuove carte coloniali proprietarie e reali riservarono al re britannico in consiglio il diritto di ascoltare alcuni casi in appello dai tribunali provinciali. Attraverso questa procedura d'appello il British Privy Council ha cercato di portare i sistemi legali coloniali americani in conformità con quelli inglesi, in particolare in questioni come le regole di prova e il sistema della giuria. In attesa degli appelli, le esecuzioni dei tribunali coloniali sono state sospese. Tali appelli erano sia costosi che lunghi.

Le principali questioni della politica coloniale - come le relazioni indiane, la legge valutaria e la successione intestata - sono state esaminate in un contenzioso in appello. Ad esempio, il clero della Virginia ha fatto appello alle autorità inglesi per vietare il Two Penny Act, una legge coloniale che ha effettivamente revocato gli statuti precedenti che garantivano i mandati e gli stipendi dei ministri anglicani. Sebbene il Consiglio privato abbia accolto l'appello e respinto la legge, i ministri hanno dovuto citare in giudizio per recuperare gli stipendi dal periodo in cui era in vigore il Two Penny Act, e queste cause si sono rivelate infruttuose.

In un altro caso, Winthrop contro Lechmere (1728), il consiglio invalidò l'usanza del Connecticut di discendenza divisibile di proprietà intestate. In appelli di casi successivi, tuttavia, il consiglio ha annullato la sua sentenza, consentendo la legge sulla proprietà coloniale e le usanze ereditarie. Le colonie del New England, nella migliore delle ipotesi, hanno concesso a malincuore l'autorità di appello. I charter del Connecticut e del Rhode Island non prevedevano alcuna revisione giudiziaria e, a volte, le autorità del Massachusetts ignoravano deliberatamente un ordine del Privy Council.

Bibliografia

Greene, Jack P. Periferie e centro: sviluppo costituzionale nei sistemi politici estesi dell'Impero britannico e degli Stati Uniti, 1607–1788. Atene: University of Georgia Press, 1986.

Lovejoy, David S. La gloriosa rivoluzione in America. New York: Harper e Row, 1972.

Richard B.Morris/sb