Anni ‘1980: musica

Una delle più grandi storie musicali degli anni '1980 in realtà riguardava una rete televisiva. Un canale via cavo specializzato, MTV (che sta per Music Television) andò in onda nel 1981. Il canale via cavo presto rese il video musicale un elemento essenziale per vendere una canzone di successo. Quasi da solo, MTV fece star di Madonna (1958–), Michael Jackson (1958–) e del gruppo Duran Duran. Ha contribuito a portare la musica rap nel mainstream quando ha offerto spettacoli incentrati su questa forma musicale emergente.

La musica rap era stata una forma musicale underground fino alla metà degli anni '1980, ma la band Run-DMC raggiunse un pubblico di massa con il suo primo album nel 1982. Il suo album del 1985 Re del rock è stato un successo ancora più grande e ha contribuito a rendere la band un appuntamento fisso su MTV. Altri popolari rapper maschi del decennio furono LL Cool J (1969–) e Tone Loc (1966–); le artiste rap femminili includevano Salt-N-Pepa (1985–) e Queen Latifah (1970–). C'erano anche rapper bianchi come i Beastie Boys. Anche se molti rapper e gruppi rap hanno raggiunto un pubblico mainstream, la controversia sulla musica di alcuni gruppi, come Public Enemy e 2 Live Crew (che è stato accusato di oscenità), ha reso chiaro che la musica rap aveva ancora un vantaggio pericoloso.

L'unico interprete più noto degli anni '1980 era Michael Jackson. Il suo album del 1983 Romanzo giallo, con i suoi singoli "Billie Jean" e "Beat It", ha reso l'ex star bambina uno degli artisti più ricchi d'America e ha aiutato MTV ad affermarsi. Jackson ha anche contribuito a creare tendenze pionieristiche nella danza e nell'abbigliamento. Altre sensazioni musicali degli anni '1980 includevano Whitney Houston (1963–), che ebbe sette successi consecutivi numero uno; Madonna, la cui canzone "Material Girl" (1985) ha definito una generazione di ragazze preadolescenti che considerava Madonna un idolo; Prince (1958–), un suonatore di funk-rock androgino (che mostra tendenze sia maschili che femminili) che ha avuto un grande successo con l'album 1999 (1983) e un famoso film e album intitolato Purple Rain (1984); e Bruce Springsteen (1949–), la cui canzone "Born in the USA" divenne quasi un inno nazionale alternativo dopo la sua pubblicazione nel 1984. La popolarità di molte di queste star dimostrò che sia gli afroamericani che le donne potevano facilmente raggiungere l'apice del successo musicale .

La musica country ha goduto di una vera rinascita negli anni '1980, lanciando una serie di nuove stelle: Randy Travis (1959–), Ricky Skaggs (1954–), Reba McEntire (1955–) e Wynonna Judd (1964–) e Naomi Judd (1946 -). Alcune star più anziane, come Willie Nelson (1933–), Dolly Parton (1946–), George Jones (1931–), Waylon Jennings (1937–2002) e Merle Haggard (1937–), videro la loro carriera rinascere. Diversi musicisti jazz hanno raggiunto anche il pubblico mainstream. Forse i più noti furono Sade (1959–), Wynton Marsalis (1961–) e Kenny G (1959–).