Anni ‘1960: la moda

Come in altre aree della cultura popolare americana, la moda ha subito una vera transizione negli anni '1960, dal conservatorismo all'eccesso, dal conformismo sociale (fare ciò che la società si aspetta) all'individualità ("fare le proprie cose"). L'icona della moda (simbolo della moda) dei primi anni del decennio è stata la first lady Jacqueline Kennedy (1929–1994), moglie del popolare giovane presidente John F. Kennedy (1917–1963). Jacqueline Kennedy, con i suoi abiti semplici ma di buon gusto, è stata descritta nella maggior parte delle riviste di moda popolari del giorno. Tuttavia, il raffinato conservatorismo della first lady lasciò presto il posto a stili molto più audaci.

Intorno al 1964, la designer britannica Mary Quant (1934–) disegnò il "look mod", che divenne particolarmente popolare tra le giovani donne. Minigonne, vestiti dai colori vivaci, trucco per gli occhi scuri e camicette, calze e accessori selvaggi divennero di moda. Gli stili sono cambiati rapidamente di anno in anno. Una modella e snella modella britannica di nome Twiggy (1949–) ha presto sostituito Jackie Kennedy come predominante trendsetter della moda. Man mano che il movimento per i diritti delle donne ha acquisito influenza, le donne sono diventate anche più indipendenti nelle loro scelte di moda. Alcune donne andarono senza reggiseno e molte iniziarono a indossare i pantaloni per la prima volta.

Anche gli uomini sono stati colpiti dalla nuova libertà nella moda. Il ronzio è passato di moda come il taglio di capelli dominante per gli uomini, e gli uomini sono andati sempre più dagli stilisti invece che dai barbieri per mantenere i capelli alla moda. Entro la fine del decennio, si potevano vedere hippy maschi con i loro capelli estremamente lunghi in coda di cavallo. Anche l'abito di flanella grigio è passato di moda poiché gli uomini cercavano nuove opzioni, anche nell'abbigliamento da lavoro. Le cravatte si sono allargate e i colori più audaci. Tra i giovani uomini, jeans e una maglietta sono rimasti la scelta di abbigliamento più popolare.